venerdì 15 aprile 2016

Crac Vol 2, il processo si chiude con le condanne: 8 e 6 anni agli amministratori

Il tribunale di Cagliari ha emesso una sentenza di colpevolezza per bancarotta fraudolenta nei confronti di Antonangelo e Sebastiano Liori e di Claudio Marcello Massa. Il processo riguardava il crac milionario della società Vol 2, fallita nel 2010 con un buco di oltre 20 milioni di euro. I tre manager sono coinvolti anche in altre inchieste legate alla holding Omega ed al caso Agile-Eutelia

MILANO - I giudici hanno accolto le richieste dell'accusa e hanno condannato a otto anni di carcere l'ex direttore de L'Unione Sarda, Antonangelo Liori, e il commercialista Claudio Marcello Massa, fissando invece una pena di sei anni a Sebastiano Liori, fratello dell'ex giornalista. Si è chiuso con una sentenza di colpevolezza il processo per il crac milionario della società Vol 2, fallita nel 2010 con un buco di oltre 20 milioni di euro.

Dopo una breve camera di consiglio, il collegio del tribunale di Cagliari, presieduto da Massimo Costantino Poddighe, ha dunque ritenuto responsabili di bancarotta i tre imputati che avevano rilevato il call center cagliaritano. Al termine dell'indagine della Guardia di Finanza, il pm Andrea Massidda aveva contestato la bancarotta fraudolenta ritenendo che i tre avessero collaborato a far fallire la società cagliaritana.

Il magistrato inquirente nella sua requisitoria aveva sollecitato otto anni di carcere per Antonangelo Liori e per Massa, sei anni per il fratello dell'ex giornalista, Sebastiano Liori. E oggi i giudici gli hanno dato ragione, accogliendo per intero le sue richieste.

La società cagliaritana - secondo quanto ricostruito dall'accusa - era stata rilevata dalla Omega con oltre 300 dipendenti e importanti commissioni della Telecom. Gli stessi imputati sono poi finiti inquisiti sia a Milano che a Roma per altre inchieste legate ai fallimenti della stessa Omega e della società Agile-EuteliaLa società Omega è stata protagonista di numerose operazioni spregiudicate nel settore dell'information technology (IT) e dei contact center a livello nazionale - tra cui il caso Agile-Eutelia, ma anche quelli Phonemedia e Raf e Best contact Lazio - , ed è finita anche nel mirino della procura sarda in collegamento con altre procure italiane. L'indagine cagliaritana ha ipotizzato un buco da 20 milioni
di euro, realizzato anche attraverso una serie di passaggi di società ed alle scatole cinesi coinvolte nell'operazione di rilevamento di Vol2. Sul totale dei fondi distratti, 7 milioni sarebbero di stipendi non pagati ai dipendenti, 4 milioni di Iva evasa e 9 rivendicati da Equitalia.

6 commenti:

Ethel Odoli ha detto...

E' quello che si meritano, parlo come ex lavoratrice di phonemedia che era nel circuito di Omega. Noi stiamo iniziando la battaglia legale adesso. Qualcuno mi sa dire se i lavoratori sono stati risarciti ? grazie per l'eventuale risposta

Anonimo ha detto...

Le sentenze arrivano ...ma noi non vediamo niente di risarcimento e mai vedremo i capitali e soldi liquidi sono scomparsi da molto tempo purtroppo.....Saluti..

Anonimo ha detto...

Scusate il 18 maggio a Roma con chi dobbiamo parlare....
Martedì, 05 Aprile 2016

Comunicato della Presidenza della Repubblica

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto con il quale si accettano le dimissioni della dottoressa Federica Guidi da Ministro dello Sviluppo Economico, e si affida l'interim del dicastero al Presidente del Consiglio dei Ministri, dottor Matteo Renzi.

Anonimo ha detto...

con renzi cosi ci risolve il problema il figlioccio del berlu

Anonimo ha detto...

ahooo ma l'ncontro al mise ?????

Anonimo ha detto...

Mise: Renzi annuncia la nomina di Carlo Calenda

Lunedì, 09 Maggio 2016
Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, ha annunciato la nomina di Carlo Calenda a Ministro dello sviluppo economico.
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riceverà Renzi il 10 maggio alle ore 17 per la nomina.

Altro giro altra corsa ...