martedì 24 gennaio 2012

Agile, raggiunta un’intesa: “Confermate le assunzioni programmate dalla Tbs”

“Raggiunta intesa al Mise, un accordo utile a dare una prospettiva ai 1.285 lavoratori che da oltre due anni sono in amministrazione straordinaria”. Lo ha reso noto Enrico Azzaro, coordinatore di settore della Uilm nazionale al termine dell’incontro in sede ministeriale terminato nel corso della notte. “Confermate le assunzioni – ha specificato Azzaro – programmate dalla società subentrante Tbs IT: 217 addetti entro febbraio, 255 nel 2013 e 355 nel 2014. La formazione per gli addetti, cofinanziata attraverso i fondi Feg, sarà assicurata da gran parte delle Regioni in cui sono ubicate le sedi di Eutelia ex Agile. Le stesse amministrazioni regionali si sono impegnate a favorire la ricollocazione dei lavoratori in amministrazione straordinaria. Inoltre è stato costituito un bacino relativo alle attività di tecnologia informatica di cui servirsi sia per le attività di Eutelia, sia per quelle delle aziende di settore interessate.
Per realizzare lo scivolo alla pensione per i lavoratori che hanno maturato i requisiti con i parametri ex ante della riforma approvata dicembre le parti coinvolte nell’intesa, sia a livello centrale che territoriale, hanno convenuto di attuare un’azione di sensibilizzazione nei riguardi del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. E’ stato programmato un incontro con le Regioni per il prossimo 2 febbraio, ma Calabria e Campania fin d’ora hanno rinunciato ad avvalersi dei fondi Feg”.
A TORINO. I lavoratori torinesi hanno convocato un’assemblea per mercoledì 25: all’ordine del giorno proprio le decisioni da prendere a seguito delle intese raggiunte ieri tra parti sociali e Tbs a Roma.


EUTELIA: AZZARO (UILM), RAGGIUNTA INTESA AL MISE
AGENPARL) - Roma, 24 gen - “Raggiunta intesa al Mise, un accordo utile a
dare una prospettiva ai 1.285 lavoratori che da oltre due anni sono in
amministrazione straordinaria”. Lo rende noto, in un comunicato, Enrico
Azzaro, coordinatore di settore della Uilm nazionale al termine
dell’incontro in sede ministeriale terminato nel corso della notte.
“Confermate le assunzioni – ha specificato Azzaro - programmate dalla
società subentrante Tbs IT: “ 217 addetti entro febbraio, 255 nel 2013 e
355 nel 2014. La formazione per gli addetti, cofinanziata attraverso i
fondi Feg, sarà assicurata da gran parte delle regioni in cui sono ubicate
le sedi di Eutelia ex Agile. Le stesse amministrazioni regionali si sono
impegnate a favorire la ricollocazione dei lavoratori in amministrazione
straordinaria. Inoltre è stato costituito un ‘bacino’ relativo alle
attività di tecnologia informatica di cui servirsi sia per le attività di
Eutelia, sia per quelle delle aziende di settore interessate. Per
realizzare lo “scivolo” alla pensione per i lavoratori che hanno maturato i
requisiti con i parametri ‘ex ante’ della riforma approvata dicembre le
parti coinvolte nell’intesa, sia a livello centrale che territoriale, hanno
convenuto di attuare un’azione di sensibilizzazione nei riguardi del
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. E’ stato programmato un
incontro con le Regioni per il prossimo 2 febbraio, ma Calabria e Campania
fin d’ora hanno rinunciato ad avvalersi dei fondi Feg”. Conclude il
sindacalista della Uilm: “Abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre
possibilità per garantire una prospettiva ad un’azienda senza più attività
e con un pesante passivo di bilancio. Evitato il fallimento ora si può
guardare al futuro”.

33 commenti :

Anonimo ha detto...

azzaro ma ci sei o ci fai?.

Anonimo ha detto...

E' vero che a Roma è stata convocata un'assemblea per il 25/1 alle 16.00? Dove?
Grazie.
Fabio Gentili.

Anonimo ha detto...

Mercoledì 25 Gennaio ore 12.00: Assemblea e consultazione su accordi Ministeriali. Si chiede la massima presenza.

Anonimo ha detto...

pregnana milanese
Mercoledì 25 Gennaio ore 12.00: Assemblea e consultazione su accordi Ministeriali. Si chiede la massima presenza.

Anonimo ha detto...

azzaro ma ci sei o ci fai?.

---------------------
purtroppo per noi temo che ci è...

Anonimo ha detto...

Se i verbali sono già stati firmati questa notte, che cosa devono ratificare le assemblee di domani?

Anonimo ha detto...

quelli non sono verbali bensi' ricatti ai quali non potevamo dire di no

Anonimo ha detto...

l'unica nota positiva e' solo assunzione a tempo indeterminato per quei pochi che dopo tanti anni di lavoro ed esperienza nel settore prenderanno uno stipendio da pivelli

ed i cgs ?

lo prend... nel cu... lo

specialmente quelli che hanno ancora piu' di 5 anni per raggiungere la pensione

Anonimo ha detto...

Ed adesso andate a lavorare in TBS da schiavi a 1200 euro netti al mese!!!!
Vediamo di tutti questi fenomeni che sono rimasti attaccati alla sedia a puppare soldi senza fare nulla chi accetta bello conteno!! Inizio a godereee

Anonimo ha detto...

Ed adesso andate a lavorare in TBS da schiavi a 1200 euro netti al mese!!!!
Vediamo di tutti questi fenomeni che sono rimasti attaccati alla sedia a puppare soldi senza fare nulla chi accetta bello conteno!! Inizio a godereee
---------------------------------
Se ti piace così !

Anonimo ha detto...

Ma a Bari quanti ritornano a lavorare? 10 o 15?
Come è cambiata la lista?

Anonimo ha detto...

Ho letto in un commento del post precedente, che l'accordo è stato firmato alle 4 di stamattina!!!!

Tutto questo tempo per firmare le stesse condizioni iniziali.

che schifo!!!

Anonimo ha detto...

Mercoledì 25 Gennaio 2012
Roma via Bona - Ore 16:00 Assemblea dei lavoratori per discutere la bozza di accordo con aziende e ministero. Interverrà F.Potetti della Fiom-CGIL naz.le. NON MANCATE.

Anonimo ha detto...

COMUNICATO STAMPA

Agile (ex Eutelia). Potetti (Fiom): “Definita un’ipotesi di accordo che può costituire l’inizio di una nuova fase. Necessario un costante impegno delle Istituzioni. La parola passa ora ai lavoratori”


Fabrizio Potetti, coordinatore nazionale Fiom-Cgil del gruppo Agile (ex Eutelia), ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.

“Nella notte tra il 23 e 24 gennaio è stato raggiunto a Roma, in sede di ministero dello Sviluppo Economico, un’ipotesi di accordo relativa alla vicenda di Agile ex Eutelia. L'intesa, che si compone di due parti e che avrà efficacia dopo aver sentito i lavoratori, dà una prima risposta a un dramma sociale e occupazionale che dura da un tempo ormai troppo lungo.”
“L'accordo con l'acquirente, la Tbs Group, prevede lo sviluppo di un piano industriale che porterà all'assunzione di 220 lavoratori nel primo anno, con la possibilità di un numero ulteriore di assunzioni - legate ai volumi di fatturato - che potrebbero dare risposte a una parte dei problemi occupazionali dei lavoratori.”
“Il secondo accordo, definito in sede di ministero dello Sviluppo Economico con la partecipazione del ministero del Lavoro e delle Regioni interessate, prevede invece il sostegno degli ammortizzatori sociali per la durata del piano industriale di Tbs e misure per rendere più concrete le possibilità di reimpiego dei lavoratori. Tra queste, riteniamo significative quelle relative all'utilizzo dei fondi europei per la formazione. Tali fondi, in parte, debbono essere dedicati al supporto del piano industriale, mentre, nella restante parte, per progetti mirati all'incrocio della domanda e dell’offerta di lavoro da aziende del settore. Altre opportunità potrebbero concretizzarsi poi dal ripristino della filiera industriale di Information Technology di Agile/Eutelia.”
“Particolarmente importanti, infine, gli aspetti relativi alla possibilità dei pensionamenti dei lavoratori più anziani, sui quali le parti si sono impegnate ad effettuare un’opera di sensibilizzazione, a tutti i livelli, per la gestione degli accordi già fatti.”
“L'ipotesi di accordo, che presenteremo a breve ai lavoratori, se attuata in tutte le sue parti attraverso la partecipazione attiva delle Regioni e dei Ministeri interessati, può rappresentare una risposta complessiva per tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori della società Agile in amministrazione straordinaria. Ciò, in particolare, attraverso il sistema di monitoraggio concordato che prevede verifiche continue sia a livello territoriale che nazionale sull'efficacia dell'intesa stessa.”
“Come Fiom-Cgil, consideriamo l'ipotesi di accordo come l’inizio di una nuova fase che andrà costantemente accompagnata e sostenuta attraverso un impegno deciso di tutte le Istituzioni affinché si utilizzino fino in fondo tutte le soluzioni individuate. Solo così sarà possibile dare quella risposta complessiva per la quale lavoratrici e lavoratori hanno lottato per tutti questi anni.”

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 24 gennaio 2011

Anonimo ha detto...

Alla fine si è dato maggior importanza a quelli che stanno in cigs, rispetto a quelli che anfranno (forse) in tbs.

Anonimo ha detto...

E' una proposta che non garantisce nulla,nè a chi rimane in cigs,nè a chi lavorerà in tbs.

E' DA RIFIUTARE

Anonimo ha detto...

E' una proposta che non garantisce nulla,nè a chi rimane in cigs,nè a chi lavorerà in tbs.

E' DA RIFIUTARE

24 gennaio 2012 19:20
-------------------------------
Chi non è d'accordo può benissimo dimettersi. Non vedo quale altra soluzione si poteva trovare.
E' DA APPROVARE SIA PURE A MALINCUORE.

Bisogna saper scegliere il male minore!!!

Anonimo ha detto...

Guarda che combinazione, sono arrivati gli stipendi. Se fossi un malpensante crederei che è stata un'azione premeditata per avvalorare la tesi del fallimento a fine mese...
Che ba****di!!!!!

Anonimo ha detto...

E' una proposta che non garantisce nulla,nè a chi rimane in cigs,nè a chi lavorerà in tbs.

E' DA RIFIUTARE
-----------------------------------
sulla prima ipotesi forse hai ragione

per quanto riguarda il ''rifiutare''
purtroppo siamo arrivati al punto di non ritorno ''il fallimento'', il quale ci porterebbe in breve tempo tutti disoccupati e senza una lira (ammortizzatori vari)( allo sbando totale).
Ricordati che abbiamo tutti circa 30 di anzianita' e non di eta'.

Anonimo ha detto...

E cosi' finalmente questa storia finisce.
Una tipica storia italiana cominciata con dei delinquenti ,che è proseguita con l'ignavia della politica e la scarsa sensibilita' dei giudici e finisce con la vigliaccheria dei commissari ,loro stessi ignavi ed incapaci,che non esitano ad infliggerci questa ultima umiliazione del ricatto finale che ha il sapore di una coltellata ad un uomo a terra.
Ma non bastava ancora,dobbiamo assistere anche alla soddisfazione del sindacato lo stesso sindacato che solo 2 anni fa storgeva il naso agli spezzatini di 2 o 300 persone e qui una menzione speciale al delegato UIL che non ha capito neanche cosa ha firmato!!!
BENE MA NON SAREBBE BELLO ADESSO ROMPERE LE UOVA NEL PANIERE E DIRE NO A QUESTA PAGLIACCIATA E POI ORGANIZZARE QUALCOSA TIPO SCIOPERO DELLA FAME DAVANTI AL QUIRINALE PER RIBADIRE CHE L'ITALIA NON POSSONO ESSERE LORO MA SIAMO NOI CHE PAGHIAMO SEMPRE TUTTI I CONTI!

PENSIAMOCI!!!!!

Anonimo ha detto...

Ma non bastava ancora,dobbiamo assistere anche alla soddisfazione del sindacato lo stesso sindacato che solo 2 anni fa storgeva il naso agli spezzatini di 2 o 300 persone e qui una menzione speciale al delegato UIL che non ha capito neanche cosa ha firmato!!!


Questo è un altro punto cruciale. Ora il sindacato vuole a tutti costi prendersi il merito di questa cafonata di accordo,dopo aver rifiutato possibili spezzatini che magari garantivano condizioni migliori.E in più si sono presi un sacco di soldi dalle insinuazioni.

Anonimo ha detto...

E cosi' finalmente questa storia finisce.
Una tipica storia italiana cominciata con dei delinquenti ,che è proseguita con l'ignavia della politica e la scarsa sensibilita' dei giudici e finisce con la vigliaccheria dei commissari ,loro stessi ignavi ed incapaci,che non esitano ad infliggerci questa ultima umiliazione del ricatto finale che ha il sapore di una coltellata ad un uomo a terra.
Ma non bastava ancora,dobbiamo assistere anche alla soddisfazione del sindacato lo stesso sindacato che solo 2 anni fa storgeva il naso agli spezzatini di 2 o 300 persone e qui una menzione speciale al delegato UIL che non ha capito neanche cosa ha firmato!!!
BENE MA NON SAREBBE BELLO ADESSO ROMPERE LE UOVA NEL PANIERE E DIRE NO A QUESTA PAGLIACCIATA E POI ORGANIZZARE QUALCOSA TIPO SCIOPERO DELLA FAME DAVANTI AL QUIRINALE PER RIBADIRE CHE L'ITALIA NON POSSONO ESSERE LORO MA SIAMO NOI CHE PAGHIAMO SEMPRE TUTTI I CONTI!
====================
MA DI CHE CA...PARLATE MA QUALE SCIOPERO DELLA FAME CHE ANCHE IERI DAVANTI AL MISE ERAVAMO 4 SFIGATI TUTTI GLI ALTRI 1000 CHE PERDONO IL LAVORO DOVE ERANO?BUFFONI MA CHE CAZZO VOLETE DAL SINDACATO,MENTRE VENE STATE A CASA AL CALDO E ASPETTATE CHE GLI ALTRI LOTTANO PER VOI BUFFONI IL SINDACATO DOVEVA MANDARVI AFFAN...

Anonimo ha detto...

MA DI CHE CA...PARLATE MA QUALE SCIOPERO DELLA FAME CHE ANCHE IERI DAVANTI AL MISE ERAVAMO 4 SFIGATI TUTTI GLI ALTRI 1000 CHE PERDONO IL LAVORO DOVE ERANO?BUFFONI MA CHE CAZZO VOLETE DAL SINDACATO,MENTRE VENE STATE A CASA AL CALDO E ASPETTATE CHE GLI ALTRI LOTTANO PER VOI BUFFONI IL SINDACATO DOVEVA MANDARVI AFFAN...

----------------
Datti una calmata, esaurito/a.

Anonimo ha detto...

MA DI CHE CA...PARLATE MA QUALE SCIOPERO DELLA FAME CHE ANCHE IERI DAVANTI AL MISE ERAVAMO 4 SFIGATI TUTTI GLI ALTRI 1000 CHE PERDONO IL LAVORO DOVE ERANO?BUFFONI MA CHE CAZZO VOLETE DAL SINDACATO,MENTRE VENE STATE A CASA AL CALDO E ASPETTATE CHE GLI ALTRI LOTTANO PER VOI BUFFONI IL SINDACATO DOVEVA MANDARVI AFFAN...
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.
Sono l'autore del post che ti ha fatto incazzare:
hai ragione io non ero a Roma ieri come non ci sono stato le ultime volte.
Non c'ero semplicemente perchè avrei fatto parte di una farsa già scritta.
Sono iscritto al sindacato da + di 30 anni e con il sindacato ho chiuso quando in Toscana ha rifiutato di portare avanti l'accordo con METIS,per me è stata la classica goccia.
Ma non vuol dire che non sarei disposto a proteste forti mettendoci la faccia.
PENSIAMOCI!
Rifiutiamo intanto l'accordo,non avremo buttato via niente cercgeranno comunque di farlo passare

Anonimo ha detto...

... ma cosa si voleva più di questo?

Anonimo ha detto...

... ma cosa si voleva più di questo?

-------------
un lucano!!!

Anonimo ha detto...

... ma cosa si voleva più di questo?

-------------
un lucano!!!

Ne prendono 23

Anonimo ha detto...

MA DI CHE CA...PARLATE MA QUALE SCIOPERO DELLA FAME CHE ANCHE IERI DAVANTI AL MISE ERAVAMO 4 SFIGATI TUTTI GLI ALTRI 1000 CHE PERDONO IL LAVORO DOVE ERANO?BUFFONI MA CHE CAZZO VOLETE DAL SINDACATO,MENTRE VENE STATE A CASA AL CALDO E ASPETTATE CHE GLI ALTRI LOTTANO PER VOI BUFFONI IL SINDACATO DOVEVA MANDARVI AFFAN...
-------------------------------------
QUOTO 1000 x 1000

Anonimo ha detto...

Guarda che combinazione, sono arrivati gli stipendi.

*********************

Beh !! si sapeva già no?
lo avevano detto ben chiaro i nostri amati commissari.

il guaio grosso è che non sono arrivati i rimborsi spese che "pesano" più dello stipendio !!!!

Anonimo ha detto...

Ma a Bari quanti ritornano a lavorare? 10 o 15?
Come è cambiata la lista?
---------------
per ora lavorano solo 7 tecnici + 1 coordinatore + il loro capo, sulla commessa poste

Anonimo ha detto...

Credo che la proposta vada accettata, malgrado tutto, per due ottime ragioni:
- Chi non ha voglia di accettarla può dimettersi, ottenendo a livello personale lo stesso effetto del fallimento, cioè 3-4 anni di mobilità (se Monti non la toglie al volo) e la possibilità di iniziare a chiedere il TFR.
- Restare in molti nella stessa barca accettando da 'bravi ragazzi' tutto quello che si propone ci permette una visibilità maggiore (anche se scarsa, ormai) ed il mantenimento dello status di 'problema sociale' che abbiamo ancora nei confronti delle istituzioni per una vicenda in cui siamo incolpevoli.
Fabio Gentili

Anonimo ha detto...

Si sa su Roma quanti ne prendono?
Grazie.

Anonimo ha detto...

Guarda che combinazione, sono arrivati gli stipendi.

*********************

Beh !! si sapeva già no?
lo avevano detto ben chiaro i nostri amati commissari.

il guaio grosso è che non sono arrivati i rimborsi spese che "pesano" più dello stipendio !!!!

-------------------
Beati voi, a me non è arrivato un bel nulla