sabato 22 ottobre 2011

I dipendenti di Agile protestano

"Giù la maschera, fateci lavorare"

Questa mattina i lavoratori faranno un presidio davanti allo Smau di Milano, il salone dedicato all’informatica e alle nuove tecnologie

Pregnana Milanese, 21 ottobre 2011 - Nei mesi scorsi hanno protestato con il volto nascosto da una maschera bianca. Questa mattina la toglieranno. E mostreranno cartelli e volantini con la scritta «A.A.A. lavoro cercasi. Abbiamo professionalità e competenze. Chiediamo di poter continuare a lavorare». Si metteranno in vetrina. Sono i lavoratori e le lavoratrici Agile-Eutelia di Pregnana Milanese. Quelli dell’ex Olivetti, dell’ex Bull, aziende che hanno fatto la storia dell’informatica del nostro Paese, rimasti senza lavoro dopo il fallimento della società per bancarotta fraudolenta. Questa mattina faranno un presidio davanti allo Smau di Milano, il salone dedicato all’informatica e alle nuove tecnologie, per chiedere alle imprese e ai clienti che partecipano all’evento fieristico di dare loro la possibilità di un lavoro qualificato.

«È imbarazzante — spiega Angelo Pagaria, lavoratore Agile e delegato sindacale della Fiom Cgil — ma noi abbiamo bisogno di lavorare. Diremo alle aziende presenti allo Smau che ci siamo ancora. Che vogliamo continuare a lavorare. Che abbiamo bisogno di commesse aziendali per rientrare nel mercato del lavoro individualmente. Stiamo partecipando a progetti finanziati di reimpiego e di riqualificazione professionale. Abbiamo competenze tecniche informatiche, amministrative, logistiche, manageriali, gestionali». Quattro anni fa sono stati venduti al Gruppo Eutelia, società della famiglia Landi: in pochi mesi i manager hanno distrutto l’azienda e ceduto il ramo informatico ad Agile. Poi il fallimento, l’arresto dei manager e l’amministrazione straordinaria. Ma nella sede pregnanese di via Ai Laboratori Olivetti ci sono ancora 350 dipendenti, di cui 200 in cassa integrazione. In tutta Italia 1.400 esperti in informatica che chiedono lavoro.

«Quei manager hanno rubato soldi e futuro, ma noi abbiamo ancora la nostra dignità e questa mattina chiederemo alle aziende del settore di darci un’ooportunità per ricominciare», aggiunge Pagaria. Loro, in questi due anni, non sono stati ad aspettare, hanno attivato una vera e propria scuola all’interno dell’azienda, con corsi e istruttori qualificati per dare l’opportunità a tutti di prendere le certificazioni Microsoft e Cisco. Nel loro curriculum, oltre all’esperienza maturata negli anni scorsi ci sono anche le competenze apprese in questi mesi.
Intanto, nella sede pregnanese si attende di conoscere il nome della società che acquisterà Agile e Eutelia. Sicuramente nessun Gruppo potrà assumere tutti i lavoratori. Per queste ragioni organizzazioni sindacali, Regione, ministero dello Sviluppo Economico e ministero del Lavoro hanno creato una task force con l’obiettivo di trovare soluzioni occupazionali per quei lavoratori che non verranno assunti dalla nuova proprietà.
di Roberta Rampini

39 commenti :

Anonimo ha detto...

La mancanza di lavoro ha tolto anche la voglia di commentare.
Quest'atmosfera surreale, la mancanza di notizie da ormai troppo tempo, ci ha sfiniti. Ci si domanda quando verrà lanciato il si salvi chi può, per capire come e quando si scriverà la parola fine. Questo è un Paese che non investe, non si sviluppa e che non cresce, in questo contesto quale sarà il futuro dell'IT? La crisi mondiale è l'alibi per non dire che l'industria dell' IT in Italia è in crisi irreversibile da 20 anni. La politica non ne ha mai capito il ruolo strategico prima, figuriamoci adesso.
Ci vorrebbe un cambiamento culturale serio, ma come facciamo a proporlo proprio noi che siamo informatici e ci facciamo rappresentare dal sindacato dei meccanici e siderurgici?

Anonimo ha detto...

Purtroppo questa mancanza di notizie sta durando troppo sembra che i commissari lo facciano di proposito.
Mi chiedo a che serve?
Ci diano subito i risultati della gara e poi si faccia questa cabina di regia almeno sappiamo quali sono i nostri interlocutori il ministero e le regioni.
Questa attesa serve solo a far passare del tempo inutile
e forse solo utile ai commissari.
Chiedo al sindacato di premere al fine di chiudere questa gara.

Anonimo ha detto...

La pratica dal Notaio, che ha aperto le buste, è passata in mano a Deloitte per la valutazione finanziaria, i primi di novembre passerà ai Commissari che scriveranno una relazione per il Comitato di Sorveglianza e il Ministero dello Sviluppo Economico, successivamente entro dicembre verranno convocati i Sindacati che valuteranno il piano industriale del potenziale acquirente e avranno diritto di veto. La procedura deve essere chiusa entro il 21 gennaio 2012.

Anonimo ha detto...

Task force
Sindacati
Ministero
Tutti che mangiano

Anonimo ha detto...

La pratica dal Notaio, che ha aperto le buste, è passata in mano a Deloitte per la valutazione finanziaria, i primi di novembre passerà ai Commissari che scriveranno una relazione per il Comitato di Sorveglianza e il Ministero dello Sviluppo Economico, successivamente entro dicembre verranno convocati i Sindacati che valuteranno il piano industriale del potenziale acquirente e avranno diritto di veto. La procedura deve essere chiusa entro il 21 gennaio 2012

---------------------------------
Ecco il solito quaquaraqua che parla e non perde mai l'occassione di stare zitto.
Per favore le scemenze valle a scrivere sulla bacheca del tuo circolo giochi............
Per colpa di questa gente le aziende finiscono male......

Anonimo ha detto...

Chiedo al sindacato di premere al fine di chiudere questa gara.
---------------------
Temo che anche al sindacato non dispiaccia che si allunghi il brodo, tessere, gestione, scioperi, manifestazioni, tutto potere che gestisce a suo piacimento
Tutti a casa sti nullafacenti

Anonimo ha detto...

Temo che anche al sindacato non dispiaccia che si allunghi il brodo, tessere, gestione, scioperi, manifestazioni, tutto potere che gestisce a suo piacimento
Tutti a casa sti nullafacenti
-------
Pur essendo fondamentalmente in sintonia, bisogna pungolare questi signori a fare presto. Si possono perdere opportunità irripetibili.
Al collega esperto in procedure ricordo che le offerte sono vincolanti per 90 giorni e quindi TBS potrebbe ritirarsi prima di Natale, aggiungendo almeno altri 200/300 problemi alla task force.
( ma una task force non dovrebbe operare in modo rapido ed efficace?) Altrimenti chiamiamola commissione che fa rima con carrozzone.

Anonimo ha detto...

Teniamoci il sindacato dei metalmeccanici, meglio di niente...

Anonimo ha detto...

La pratica dal Notaio, che ha aperto le buste, è passata in mano a Deloitte per la valutazione finanziaria, i primi di novembre passerà ai Commissari che scriveranno una relazione per il Comitato di Sorveglianza e il Ministero dello Sviluppo Economico, successivamente entro dicembre verranno convocati i Sindacati che valuteranno il piano industriale del potenziale acquirente e avranno diritto di veto. La procedura deve essere chiusa entro il 21 gennaio 2012

--------------
Grazie, info molto utili!

Anonimo ha detto...

La pratica dal Notaio, che ha aperto le buste, è passata in mano a Deloitte per la valutazione finanziaria, i primi di novembre passerà ai Commissari che scriveranno una relazione per il Comitato di Sorveglianza e il Ministero dello Sviluppo Economico, successivamente entro dicembre verranno convocati i Sindacati che valuteranno il piano industriale del potenziale acquirente e avranno diritto di veto. La procedura deve essere chiusa entro il 21 gennaio 2012.

============================
minchia!addirittura DELOITTE

Anonimo ha detto...

Notaio, Deloitte, Commissari, Consulenti, Sindacati, RSU, S.S. ... tutti pagati profumatamente.
A quando le udienze per lo stato passivo? Voglio il TFR.

Anonimo ha detto...

---------------------------------
Ecco il solito quaquaraqua che parla e non perde mai l'occassione di stare zitto.
Per favore le scemenze valle a scrivere sulla bacheca del tuo circolo giochi............
Per colpa di questa gente le aziende finiscono male......
===============
tu ne sai?...

Anonimo ha detto...

Notaio, Deloitte, Commissari, Consulenti, Sindacati, RSU, S.S. ... tutti pagati profumatamente.
A quando le udienze per lo stato passivo? Voglio il TFR.

--------------------------------
aggiungerei pure avvocati delle sigle sindacali alla lista...

A quando le udienze per lo stato passivo? Voglio il TFR.

Anonimo ha detto...

La pratica dal Notaio, che ha aperto le buste, è passata in mano a Deloitte per la valutazione finanziaria, i primi di novembre passerà ai Commissari che scriveranno una relazione per il Comitato di Sorveglianza e il Ministero dello Sviluppo Economico, successivamente entro dicembre verranno convocati i Sindacati che valuteranno il piano industriale del potenziale acquirente e avranno diritto di veto. La procedura deve essere chiusa entro il 21 gennaio 2012

---------------------------------
Ecco il solito quaquaraqua che parla e non perde mai l'occassione di stare zitto.
Per favore le scemenze valle a scrivere sulla bacheca del tuo circolo giochi............
Per colpa di questa gente le aziende finiscono male......
-----
Ominicchio, impara a leggere a pag. 7 del bando par. 3.3.1 comma (ii): "L’Offerta è vincolante ed irrevocabile sino al termine di 120 giorni dal termine di presentazione delle Offerte."
Ominicchio, impara a fare di conto: 23 settembre 2011 + 120 giorni = 21 gennaio 2012.
Ominicchio, sciacquati la bocca prima di citare Sciascia.

Anonimo ha detto...

Ominicchio, impara a leggere a pag. 7 del bando par. 3.3.1 comma (ii): "L’Offerta è vincolante ed irrevocabile sino al termine di 120 giorni dal termine di presentazione delle Offerte."
----------
Questo non significa che bisogna aspettare 120 giorni. Anche perché i partecipanti sono solo 5, tre per Eutelia e due per agile. Oramai sappiamo i nomi di 4 aziende su 5, sarà questo il motivo di tanto mistero?
Non credo!

Anonimo ha detto...

bla bla bla

Anonimo ha detto...

tutti a far finta di lavorare?

Anonimo ha detto...

Lasciamoli andare tranquilli questi 200-300, tanti cari auguri e speriamo di perderci di vista!

Anonimo ha detto...

In Agile i Sindacati vorrebbero prendere tempo fino al 21/01/2012 per addolcire l'amara pillola, in Eutelia invece vorrebbero chiudere il 21/11/2011 senza aggiudicazione per riproporre un secondo bando.
In media stat virtus: 21/12/2011, la fine del mondo dei buontemponi!

Anonimo ha detto...

In Agile i Sindacati vorrebbero prendere tempo fino al 21/01/2012 per addolcire l'amara pillola, in Eutelia invece vorrebbero chiudere il 21/11/2011 senza aggiudicazione per riproporre un secondo bando.
In media stat virtus: 21/12/2011, la fine del mondo dei buontemponi!
--------
Se la pillola è amara, non sarà qualche giorno in più ad addolcirla. Prendere tempo rende solo paradossale la situazione. Se agile fosse fallita due anni fa, ma con 200 milioni di commesse, sarebbe stato meglio. Sicuramente si sarebbe fatta una soluzione tipo EDA2. Oggi invece cosa è rimasto? Chi ci ha guadagnato? Ma perché nessuno va a denunciare quest'ennesimo sciacallaggio?

Anonimo ha detto...

.. e la task force con le regioni ?
toc.. toc.. siete svegli ??

Anonimo ha detto...


In Agile i Sindacati vorrebbero prendere tempo fino al 21/01/2012 per addolcire l'amara pillola, in Eutelia invece vorrebbero chiudere il 21/11/2011 senza aggiudicazione per riproporre un secondo bando.
In media stat virtus..


Invece di fare il saccente con citazioni latine, perdi qualche quarto d'ora per leggerti il bando di cui si parla tante volte a sproposito. Ad esempio se tu lo facessi, potresti scoprire che il Bando di Gara e' stato redatto ed approvato dal MISE, gestito dai Commissari e le offerte valutate da advisor che dovrebbero certificarne la correttezza.
A fra l'altro la legge stabilisce che se il bando fallisce, ovvero non raccoglie offerte ritenute congrue, non ne viene fatto un secondo, si va direttamente al fallimento.

Anonimo ha detto...

.. e la task force con le regioni ?
toc.. toc.. siete svegli ??


Vai a bussare alla porta giusta, via Molise 2, angole via Veneto, Roma.

Anonimo ha detto...

In Agile i Sindacati vorrebbero prendere tempo fino al 21/01/2012 per addolcire l'amara pillola, in Eutelia invece vorrebbero chiudere il 21/11/2011 senza aggiudicazione per riproporre un secondo bando.
In media stat virtus..


Invece di fare il saccente con citazioni latine, perdi qualche quarto d'ora per leggerti il bando di cui si parla tante volte a sproposito. Ad esempio se tu lo facessi, potresti scoprire che il Bando di Gara e' stato redatto ed approvato dal MISE, gestito dai Commissari e le offerte valutate da advisor che dovrebbero certificarne la correttezza.
A fra l'altro la legge stabilisce che se il bando fallisce, ovvero non raccoglie offerte ritenute congrue, non ne viene fatto un secondo, si va direttamente al fallimento.

Melius abundare quam deficere, per Agile hai ragione si va direttamente al fallimento, per Eutelia si andrebbe ad un secondo bando di vendita. Chiedi ai Commissari.

Anonimo ha detto...

A fra l'altro la legge stabilisce che se il bando fallisce, ovvero non raccoglie offerte ritenute congrue, non ne viene fatto un secondo, si va direttamente al fallimento.

---------

Falso: si può fare un altro bando, vedi art. 66 e 69 della legge n. 270.

Anonimo ha detto...

Melius abundare quam deficere, per Agile hai ragione si va direttamente al fallimento, per Eutelia si andrebbe ad un secondo bando di vendita. Chiedi ai Commissari.
-----
Chi voleva Eutelia poteva partecipare da subito. Perché fare le cose così complicate?
Per Agile invece, cosa ci sarebbe da aspettare? Forse per rifare il bando è meglio farla fallire? Giusto perché Eutelia paghi direttamente il passivo di Agile come stabilito dal Tribunale?

Anonimo ha detto...

si vede proprio che non sapete come passare le giornate

Anonimo ha detto...

Non hanno niente da fare ma continuano a puppare senza ritegno.
Non capisco anche i sindacati che proprio oggi dicevano che non e' colpa loro se non hanno niente da fare non ci sono lavori.
E allora mandiamoli in cassa come gli altri.
Chi e' rimasto senza occupazione e commesse e' stato messo in cassa subito.
Una barzelletta poi non guadagna quattro soldi come i poveracci che ancora si fanno il mazzo se sono ancora operativi per mantenerli.
Basta c'e' un limite a tutto.
Andate a casa il lecchinaggio e' finito.
Poi so gia' che il sindacato vi salvera' il c..o per l' ennesima volta a discapito dei veri lavoratori.
Gia' si parla che non si firma niente se non vengono coinvolti tutti.
La conosciamo gia' questa storia.
Speriamo che cambi il vento.
Se c'e' qualcuno che puo' far lavorare persone e tecnici che guadagnano un terzo di stipendio rispetto a nullafacenti strapagati ben venga.
Ma il sindacato non firmera' mai.
Devono salvarsi loro per primi.

Anonimo ha detto...

Vadano pure avanti così, commissari, sindacati e affini, ma poi non si lamentino quando gli verrà presentato il conto, perché adesso è ora di finirla, mi pare che abbiamo già superato il colmo e siamo già stati fin troppo calmi, ma una presa per il culo come questa è veramente VERGOGNOSA.

Peccato che una coscienza non la posseggono, perché si renderebbero conto della balle che hanno e stanno ancora raccontando a persone che in un attimo hanno perso tutto e ancora oggi non sappiamo dove finiremo e che fine faranno i nostri soldi sudati per anni, vedi TFR.

Altro che paese del terzo mondo, siamo PEGGIO.

Anonimo ha detto...

Il sindacato. Pagaria, nullafacente dichiarato, e' stato licenziato piu' volte, ma giudici amici lo hanno sempre reintegrato. Adesso teniamocelo. Anche se ci frega il posto.
===========================
Ma il sindacato non firmera' mai.
Devono salvarsi loro per primi.

Anonimo ha detto...

MA insomma voglismo svegliarci?????? colleghi??? E' possibile che noi TUTTI insieme non siamo in grado di organizzare qualche grossa manifestazione per far riemergere il nostro problema all'opinione pubblica??? Cosa ca..0 stiamo aspettando visto che i nostri sindacati latitano??????
Mettiamo da poarte le nostre convizioni politiche e badiamo una volta tanto al nostro LAVORO.

Anonimo ha detto...

Cari colleghi tutti, dopo tanti giri di parole e tanta roba scritta c'è qualcuno che può fare SERIAMENTE un punto della situazione e descrivere brevemente i tempi per arrivare alla tanto agoniata vendita. Grazie per l'aiuto.

Anonimo ha detto...

Tranquilli, le Regioni stanno organizzando i soliti corsi inutili e i soliti programmi di outplacement per chi è in cassa.

Anonimo ha detto...

Qualcuno puo' fornire lumi sulla comunicazione di Telemaco ?

Anonimo ha detto...

Qualcuno puo' fornire lumi sulla comunicazione di Telemaco ?
*****************************
che comunicazione è arrivata?

Anonimo ha detto...

Gentile associato,

Le ricordiamo che entro la fine dell'anno corrente occorre presentare a Telemaco la dichiarazione degli eventuali contributi non dedotti relativi all'anno 2010, affinché il Fondo non li sottoponga a tassazione in fase di liquidazione della Sua posizione individuale.

L’importo dei contributi non dedotti è quello riportato nel CUD da Lei ricevuto dall’Azienda alla voce "Contributi previdenza complementare non esclusi dai redditi di cui ai punti 1 e 2" e che non è stato da Lei portato in deduzione in sede di dichiarazione dei redditi dell’anno 2010.

La comunicazione dovrà essere effettuata compilando il modulo scaricabile cliccando qui ed inviandolo a: Fondo Pensione TELEMACO, via Luigi Bellotti Bon, 14 - 00197 Roma.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia al Documento sul Regime Fiscale consultabile sul sito internet del Fondo www.fondotelemaco.it

Anonimo ha detto...

Anche a me e' arrivata la comunicazione di telemaco cosa bisogna fare?

Anonimo ha detto...

Nella dichiarazione, da inviare a Telemaco entro il 31/12/2011, vanno inseriti i valori riportati nei CUD 2010 alla casella numero 54.

Anonimo ha detto...

Nella dichiarazione, da inviare a Telemaco entro il 31/12/2011, vanno inseriti i valori riportati nei CUD 2010 alla casella numero 54.

-----------------------------------
Volevi dire nei CUD 2011 relativi ai redditi 2010 ?
Ma in entrambi alla voce 54 non c'e' nulla. Cosa significa ?