lunedì 6 dicembre 2010

Che fine ha fatto Eutelia?

Il Pd non dimentica i lavoratori. Il governo sì


Tutto il gruppo Omega, che includeva anche Phonemedia se la passa male, proprio questi ultimi sono entrati da poco in cassintegrazione.
Un provvedimento che tocca oltre 6.000 lavoratori che si vanno ad aggiungere ai circa 2.000 di Agile, eppure il governo si è dimenticato di loro.
Tutto mentre il gioco di scatole cinesi che controllava le aziende si è rotto: prima a luglio c’è stato l’arresto di otto persone per bancarotta fraudolenta, ora Libeccio, la holding che in Gran Bretagna controllava Omega, ha dichiarato fallimento.
Il Partito Democratico in tutti questi mesi è rimasto al fianco dei lavoratori.
Nello scorso dicembre Bersani annunciava l'emendamento al decreto milleproroghe per un Fondo di Garanzia che anticipa gli stipendi ai lavoratori nei casi in cui non ci sono ancora le condizioni giuridiche per poter attivare strumenti come la cassa integrazione o l’anticipo del tfr. C’è un vuoto normativo che non consente di intervenire a sostegno dei lavoratori e
l’emendamento Bersani va in questa direzione costituendo un fondo di garanzia presso il Ministero del lavoro per anticipare i crediti maturati dai lavoratori in caso di insolvenza dell’impresa nel pagamento delle retribuzioni. Potranno accedervi, facendo domanda, coloro che non percepiscono lo stipendio da almeno 4 mesi e che non godono di alcun beneficio.
Proposta presentata a febbraio in Parlamento.
Poi anche quando il governo non aveva un ministro dello Sviluppo Economico siamo stati con loro. Durante tutta l’estate deputati e senatori a staffetta hanno partecipato a uno sciopero della fame di solidarietà ed appena Paolo Romani ha messo fine all’interim di Berlusconi in Parlamento il PD ha chiesto un impegno serio.


Eutelia – Phonemedia. I lavoratori a casa, gli “imprenditori”?


Eutelia è finita sulle pagine dei giornali spesso per le foto dell'ex ad, Simone Landi, con un coltello tra i denti. Un personaggio che si è reso protagonista di un agguato vergognoso ai lavoratori che presidiavano la sede romana di Eutelia . Come farli smettere? Con un attacco all'alba in stile militare! Lo ha fatto in risposta alla protesta simbolica dei lavoratori dell'Eutelia che, rimasti senza stipendio da alcuni mesi, avevano deciso di occupare l'azienda. Una spedizione punitiva alle 5 e 20, quando un piccolo “commando” è riuscito ad introdursi nella sede romana, forzando gli ingressi con piedi di porco. Quindi, fingendosi poliziotti, intimavano agli occupanti allo sgombero immediato. Le tensioni dovute all'atteggiamento violento dei vigilantes è stato sedato dall'arrivo della Polizia (vera) che è stata chiamata dai lavoratori spaventati.



Il morso dell'alba è stata forse la pagina più brutta di questa storia, un episodio su cui i senatori PD si sono mossi nel dicembre scorso con un'interrogazione.
Per mesi gli amministratori intascavano i ricavi di anticipi e rate da tanti clienti, tra cui ministeri e Regioni, ma non pagavano gli stipendi dei lavoratori! Fin quando il nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza di Milanoa luglio esegue una raffica di arresti, i “manager” sono arrestati perché avrebbero sottratto alle rispettive società circa 17 milioni di euro. Finiscono in manette Pio Piccini, presidente e amministratore delegato di Omega; Claudio Marcello, amministratore protempore di Omega; Marco Fenu, tesoriere del Gruppo Omega; Antonangelo Liori, dominus del gruppo Omega. Gli stessi che PDL e Lega in Piemonte avevano sponsorizzato come i salvatori di Phonemedia. Luigi Bobba, deputato PD, ricorda come “l’onorevole Roberto Rosso assessore al lavoro della giunta Cota in Piemonte finché non ha optato per i banchi del parlamento, rassicurava a settembre 2009 i dipendenti di Phonemedia senza stipendio da mesi (mentre gli arrestati incassavano le commesse e dicevano loro di non avere fondi ndr) che i nuovi acquirenti della società, il Gruppo Internazionale Omega S.p.a, era il primo gruppo italiano nel settore e poteva vantare altissimi indici di fatturato e utili”. Si è visto come è andata a finire…
L’Azienda da mesi è gestita da due team di Commissari Straordinari una per Eutelia e l’altra per Agile, e adesso Achille Passoni, senatore del PD, si prepara a presentare: “Seguo da tempo la vertenza Eutelia-Agile e sono vicino ai lavoratori esasperati da una proprietà irresponsabile, colpevole di una serie di comportamenti inqualificabili che hanno causato la perdita di commesse fondamentali per il futuro della società e lasciato per mesi i lavoratori senza stipendio. La messa in cassa integrazione dei dipendenti Phonemedia,call center legato a doppio filo con il gruppo Omega di cui fanno parte anche i lavoratori Eutelia-Agile, non è altro che l’ennesimo capitolo di questa triste saga. Parliamo di6mila persone, di 6mila famiglie che giorno dopo giorno guardano al futuro con sempre maggiore paura e sfiducia. Il Governo conosce bene la situazione ma sinora è stato a guadare, occupandosi soltanto delle sue beghe interne e delle fratture all’interno della maggioranza. Nei prossimi giorni presenterò un’interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico Romani per sapere se davvero il Governo abbia intenzione di continuare a ignorare i 6mila lavoratori Phonemedia oppure se intenda convocare un tavolo e occuparsi finalmente di una vertenza da cui dipende il futuro di migliaia di persone”.
Le promesse mancate del governo.
Già, perché a fine ottobre ad un anno esatto dalla prima occupazione della sede aziendale di Eutelia a Roma, i lavoratori si sono rivisti lì per protestare contro l’assenza di prospettive per 1.800 lavoratori, dei quali solo 400 non sono in cassa integrazione. Stefano Fassina, responsabile Economia e Lavoro del Pd ricordava in quell’occasione come “il neo Ministro Romani, nell’incontro con i sindacati del 5 ottobre, si era impegnato al riconvocarli il 20 ottobre e presentare un piano di rilancio per l’impresa e soprattutto mantenere, consolidare e riacquisire le commesse gestite con professionalità e profitto dai lavoratori. Tutti impegni mancati, - continuava Fassina - il Pd chiede al ministro Romani l’uscita dalle Amministrazioni Straordinarie delle due Aziende possibilmente riunificate e di operare da subito per il consolidamento ed il recupero delle commesse già in carico all’Azienda.”
E’ così difficile? Secondo noi no. A partire da Agile ed Eutelia, il Governo deve subito dare una risposta seria di politica industriale anche agli altri 150 tavoli di crisi aperti al ministero dello Sviluppo Economico. Il PD al governo agirebbe così.

11 commenti :

Anonimo ha detto...

Adesso visto che a Roma è stata creata una apposita BU di presales per mantenere al lavoro i raccomandati mi aspetto che i veri presales ne chiedano conto ai commissari,a Paganini e Spersi così come spero facciano la stessa cosa tutti i tecnici che non ruotano e via discorrendo,vi serve l'indirizzo mail??? SVEGLIATEVI,la cricca continua a comandare impediamoglielo!!!!

Anonimo ha detto...

Per tutti i cassintegrati e anche chi ancora lavora in agile( il 30% di ottobre ancora non si vede), vi dedico questa famosa canzone Renato Carosone

http://www.youtube.com/watch?v=_lfbg_53Y0U

Anonimo ha detto...

Sul sito del Ministero Lavoro non compare ancora il nuovo decreto CIGS di Agile. E' il caso di cominciare a preoccuparci?

Anonimo ha detto...

Scusate, mi rendo conto che la cosa può sembrare di poca importanza, però la domanda che mi pongo è la seguente: con quale professionalità e competenza i giornalisti (?) italiani scrivono gli articoli?
Nell'articolo che fa da sfondo ai commenti si fanno le seguenti affermazioni:
- 2000 lavoratori di Agile (sono in realtà 1500)
- Libeccio controllava Omega dall'Inghilterra (in realtà erano due holding fantasma che controllavano a loro volta Libeccio, la cui sede è in Italia!)
- intervento di Simone (!) Landi (in realtà si chiama Samuele, come ben noto a tutti)

Come al solito, l'ignoranza regna sovrana (anche in una repubblica)!

Anonimo ha detto...

Ah, dimenticavo...

Si parla dell'amministratore di Omega: Claudio Marcello (e il cognome Massa dov'è finito ?)

Conclusione:

Meglio stendere un velo pietoso...

Anonimo ha detto...

Ah, dimenticavo...

Si parla dell'amministratore di Omega: Claudio Marcello (e il cognome Massa dov'è finito ?)

Conclusione:

Meglio stendere un velo pietoso...

06 dicembre 2010 21:19

Ma è mai possibile che con tutti i problemi che abbiamo,tu debba andare a fare il pelo agli articoli di giornale?
Scusami,sai,ma questa è proprio lana caprina.
Sono invece d'accordo con il collega che invita a muoversi sulle rotazioni...scusa,potresti dare effettivamente mail a cui inviare proteste seriamente?

Anonimo ha detto...

Scusatemi ma credo che dobbiamo dare delle priorita'.
Anche se non interessata credo che il decreto per la CIGS debba essere al primo posto perche' se cade il Governo......
Almeno la CIGS!!!! come fanno senza stipendio e senza amortizzatori?
Le rotazioni avrebbero senso solo per una azienda con un futuro, non e' purtroppo il nostro caso, non perdiamo tempo.
Recupero dei soldi "rubati" e LAVORO "vero" per tutti!
La lotta deve avere questo fine. Ciao.

Anonimo ha detto...

Per protestare sulle rotazioni e sulle schifezze che stanno continuando a fare francesco.dimundo@stcristiani.it
luciano.paganini@agileservizi.com
stefano.spersi@agileservizi.com

E per quelli che lavorano e si lamentano del mancato 30% invece di rompere le balle FERMATEVI e create il problema noi ci siamo rotti di leggervi senza che fate nulla per la lotta!!! Adesso solamente voi avete il potere di smuovere la cricca!!

Anonimo ha detto...

Il PD sta pensando a Eutelia? Ai cassintegrati? Fa comunicazione ? Sigh..e' un film, vero? Per me sta facendo solo PROPAGANDA. (E pure male).

Anonimo ha detto...

Il PD sta pensando a Eutelia? Ai cassintegrati? Fa comunicazione ?
Sigh..e' un film, vero? Per me sta facendo solo PROPAGANDA.
=====

Confermo. Se non fa così come fanno i vari Bersani,Veltroni, Fassino...., a tenere il potere?Siamo vittime anche del PD.

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=_lfbg_53Y0U