martedì 12 ottobre 2010

Agile messa in vendita dai commissari

Eutelia, il governo continua a pagare chi l’ha portata alla bancarotta

Affidata a Deloitte la due diligence dell’ex Eutelia. Ma i sindacati ora chiedono che l’ex ramo IT venga riportato dentro Eutelia

di Marco Tennyson

Ore convulse nella vicenda di Agile, l’ex ramo IT di Eutelia in stato di amministrazione straordinaria. Da una parte infatti i commissari hanno ufficialmente messo in vendita l’azienda, dall’altra le parti sociali ne hanno chiesto la reintegrazione in Eutelia.
Per quanto concerne la vendita, è stato pubblicato un avviso su Il Sole 24 Ore in cui si legge che i tre commissari straordinari di Agile (Oreste Michele Fasano, Francesco Dimundo e Stefania Chiaruttini) hanno dato mandato a Deloitte di svolgere attività di due diligence contabile e amministrativa, in quanto è “intenzione sondare il mercato al fine di valutare manifestazioni di interesse in relazione all’acquisto, eventualmente preceduto da contratto d’affitto, di Agile Srl”.
Nel medesimo avviso, i commissari invitano gli eventuali interessati a prendere contatto, “purché in evidenza di possedere requisiti dimensionali quanto al volume d’affari, al capitale sociale e al numero di dipendenti”.
I commissari di Agile hanno anche provveduto alla nomina di un direttore generale di Agile. Si tratta di Luigi Pescarmona, già direttore della divisione servizi di Olivetti. Tale nomina è stata accolta positivamente da alcuni dipendenti di Agile, secondo i quali si potrà ora lavorare a un piano industriale, meno bene dai sindacati, che ritengono tale mossa ininfluente.
E proprio i sindacati, più o meno nelle stesse ore in cui è comparso l’avviso di messa in vendita di Agile da parte dei suoi commissari, hanno emesso un loro comunicato in cui chiedono di “rimettere insieme il ramo IT e quello TLC di Eutelia”, ovvero di far tornare Agile dentro la società di Arezzo.Nello specifico, le segreterie nazionali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil hanno sottolineato come a loro giudizio “la nomina del nuovo direttore generale annunciata dai commissari di Agile non servirà a cambiare le sorti della società se si continuerà a trascurare sistematicamente l’organizzazione e la gestione aziendale, soprattutto verso i clienti e i partner tecnologici, così come purtroppo fatto sinora”. Per questo motivo, affermano le parti sociali, “ritorna sempre più evidente la necessità di riportare indietro il ramo Information Technology di Agile in Eutelia”.

Per i sindacati probabilmente gioca una certa rilevanza il fatto che proprio Eutelia abbia nei giorni scorsi ricevuto una concreta offerta di acquisto, ma che in questa trattativa non rientri Agile, in quanto entità separata e non facente parte del piano industriale, prevalentemente tlc, presentato dai possibili acquirenti.
Le parti sociali non hanno però toccato questo argomento, sottolineando piuttosto che il rientro dell’ex ramo IT Agile in Eutelia debba avvenire “in base alla sentenza con cui un giudice ha stabilito l’antisindacalità del comportamento aziendale nella cessione ordinando di rimuoverne gli effetti, oltre che per gli arresti e le indagini delle varie Procure della Repubblica su quanto accaduto, e infine per evitare che la gestione dei due commissariamenti diventi incredibilmente incoerente.”
“Come altrimenti considerare, infatti, la vicenda dell’affitto del ramo aziendale della Geit (di proprietà di Isacco Landi) da parte dei commissari di Eutelia? L’effetto di tale iniziativa, se portata a termine, sarebbe che l’amministrazione straordinaria pagherebbe ai Landi un canone per l’affitto della società. Per questi motivi, ci pare sempre più opportuno arrivare a rimettere insieme ciò che qualcuno aveva ingiustamente e fraudolentemente separato: il ramo IT e quello TLC di Eutelia”, concludono i sindacati.

25 commenti :

Anonimo ha detto...

Dobbiamo Fidarci ?? E' brutto continuare a leggere che non ci fidiamo più di niente.
Sperare che questa notiza di una possibile vendita sia una svolta a una ormai situazione drammatica e insostenibile di molte famiglie, è lecito, ma dopo più di un anno allontanati dal proprio lavoro, come possimo rientrare ???

Anonimo ha detto...

E'inutile.
Dalle esperienze di realtà come la nostra, non risultano sbocchi posiivi.

Spero comunque che finisca presto.

Anonimo ha detto...

ma chi ci compra,chi puo' comprare un'azienda con 1500 dipendenti che non riesce a pagare nemmeno 400 stipendi?

Anonimo ha detto...

1) ma si può rientrare in una azienda che è in amministrazione straordinaria come noi?
2) Rispetto alla vendita della Agile se non si fa prima un "ripulisti" dei dirigenti collusi con relativa filiera al seguito e poi, purtroppo, dei colleghi che potenzialmente e volontariamente possono andare in mobilità, non si riuscirà a vendere un bel niente.
Mi sa che la strategia dei nostri commissari è solo mandare in mobilità il più possibile gente, mentre i dirigenti e relativa cricca si salveranno ancora una volta.
Sindacati cosa aspettate a presentare una quadro reale della situazione al nuovo direttore generale e magari in contraddittorio a quello presentato dai nostri benemeriti commissari?

Anonimo ha detto...

ma chi ci compra,chi puo' comprare un'azienda con 1500 dipendenti che non riesce a pagare nemmeno 400 stipendi?
-------------------------------------
Chi compra prende solo le commesse attive, con relativi dipendenti!!!

Anonimo ha detto...

Chi scrive che è brutto leggere che non ci fidiamo più di niente ha ragione.

E brutto aver subito tutto ciò che ci è caduto sulle spalle, ma è ancor più brutto vedere al punto in cui siamo arrivati il modo in cui siamo gestiti ed "USATI" dal sindacato.

E' brutto quello che è successo ieri, dove il sindacato si è presentato con tanto di LISTE DI FEDELISSIMI per gestire la rotazione della cassa integrazione!!!

Tutto questo è squallido, come facciamo a chiedere aiuto alla politica quando per prima internamente c'è la mafia?

Anonimo ha detto...

Il sindacato ha la sua lista dei fedelissimi, la crikka dei dirigenti ha la sua lista dei fedelissimi, i commissari hanno la loro lista dei fedelissimi.
Ma andate affanc.... voi e le vostre liste!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Riunioni a Milano, Bari, Roma....c'è qualcuno che ci racconta quanto detto?

Anonimo ha detto...

Qualcuno è a conoscenza di quando è possibile accedere alla procedura di mobilità volontaria??
Alcune aziende possono essere interessate, visti gli sgravi fiscali, ad assumere persone iscritte alle liste di mobilità, ma non è chiaro quando è possibile fare questo tipo di richiesta.

Anonimo ha detto...

tutti a casa gli ultimi filoexpadronali dirigenti che guadagnano un sacco di soldi e non fanno nulla se non conservasre il posto ai propri amichetti

Anonimo ha detto...

nei vari incontri che si sono tenuti negli ultimi giorni si è parlato dello stipendio di settembre ?

Anonimo ha detto...

nei vari incontri che si sono tenuti negli ultimi giorni si è parlato dello stipendio di settembre ?
----------------------------------
verra' corrisposto a fine ottobre

Anonimo ha detto...

Agile ex Eutelia, Regione pronta a intervenire
mi-lorenteggio.com) Milano, 13 ottobre 2010 - "C'è la disponibilità di Regione Lombardia ad intervenire nella crisi della AGILE ex EUTELIA, quando si concretizzeranno le disponibilità degli imprenditori a rilevare parti dell'azienda sulla base del piano industriale che i commissari presenteranno entro il 20 novembre prossimo". E' quanto detto dal vice presidente di Regione Lombardia e assessore all'Industria e Artigianto Andrea Gibelli e dall'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro Gianni Rossoni, al termine dell'incontro con il Commissario e i rappresentanti dell'azienda avvenuto nella sede della Direzione IFL.
I due assessori regionali hanno dunque ribadito l'impegno e l'attenzione al problema dell'AGILE, con tutti gli strumenti a disposizione della Regione.
I lavoratori dell'azienda sono attualmente in cassa integrazione.

Anonimo ha detto...

Messo gia'in pagamento il 70 % retribuzioni di Settembre.

Anonimo ha detto...

"C'è la disponibilità di Regione Lombardia ad intervenire nella crisi della AGILE ex EUTELIA, quando si concretizzeranno le disponibilità degli imprenditori a rilevare parti dell'azienda sulla base del piano industriale che i commissari presenteranno entro il 20 novembre prossimo"
-----------------------------------
Cosa vuol dire le disponibilità degli imprenditori a rilevare parti dell'azienda???

Anonimo ha detto...

"C'è la disponibilità di Regione Lombardia ad intervenire nella crisi della AGILE ex EUTELIA, quando si concretizzeranno le disponibilità degli imprenditori a rilevare parti dell'azienda sulla base del piano industriale che i commissari presenteranno entro il 20 novembre prossimo"
-----------------------------------
Cosa vuol dire le disponibilità degli imprenditori a rilevare parti dell'azienda???

14 ottobre 2010 11:40

-----------------------------------

Ma cosa vuoi che voglia dire, è la solita frase fatta da persone che non possono assolutamente fare NIENTE, se non quello di sparare boiate per raccimolare consensi.

Quando si è visto che una Regione abbia risolto tali problemi ???

Le regioni vanno abbolite come tanti altri enti facironosi e buchi neri per la politica e i soldi che bruciano.

Su tutta quasta storia non ho ancora visto un fatto concreto e tangibile, che ci porti verso una conclusione degna della fatica che ogniuno di noi a sostenuti in questi anni di lavoro.

Anonimo ha detto...

Pizzichi fuori
dal carcere
Per lui arresti domiciliari
Inchiesta Eutelia. Dopo più di tre mesi dal blitz dei pm l'ex presidente del Cda Eutelia, Leonardo Pizzichi, è fuori dal carcere, ottenuti gli arrersti domiciliari



Arezzo, 14 ottobre 2010 - E' tornato a casa nel pomeriggio di ieri Leonardo Pizzichi, ex presidente del Cda di Eutelia, arrestato lo scorso 9 luglio a fronte dell’inchiesta sul crack del gruppo societario. Dopo tre mesi di carcere non è ancora libero, ma adesso perlomeno ha ottenuto gli arresti domiciliari. La seconda richiesta — che vedeva anche il parere favorevole del Pm — avanzata dall’avvocato Enrico De Martino è stata accolta.

E’ stata una lunga «battaglia» tra il difensore e la Procura romana. E’ il 23 luglio quando il tribunale del riesame di Roma conferma le ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di cinque indagati nell’inchiesta sul crack 'Agile-Eutelia'. Per i magistrati romani le persone finite sotto inchiesta avrebbero portato il gruppo societario Agile, poi acquisito da Eutelia, ad una situazione di gravissimo dissesto economico-finanziario e di insolvenza per milioni di euro. Parte una prima richiesta per far uscire da Santo Spirito Leonardo Pizzichi. Viene respinta. Intanto lui ha già varcato due volte la soglia del nostro tribunale per essere interrogato su rogatoria. Il 24 settembre viene sentito per tre ore dal Pm romano, titolare dell’inchiesta. Ancora una volta l’ex presidente del Cda di Eutelia risponde a tutte le domande.


Il difensore presenta ricorso ai giudici della Cassazione contro la decisione presa da Riesame che aveva confermato la custodia cautelare del suo assistito. Il legale aveva chiesto la revoca della misura cautelare per il suo cliente, oppure la sostituzione della stessa in arresti domiciliari visto che il Pizzichi non aveva più incarichi e quindi erano venuti meno tutti i motivi che avevano portato al suo arresto. Passano i giorni, tanti, ben novantaquattro e finalmente ieri per Leonardo Pizzichi si aprono le porte di Santo Spirito. Gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.


La prima telefonata, appena varcata la soglia di casa, l’ha fatta al suo legale. "Ero andato a trovarlo proprio questa mattina (ieri per chi legge ndr) — racconta l’avvocato — e quando nel pomeriggio mi ha detto della scarcerazione ho tirato un sospiro di sollievo. A questo punto diversifichiamo la nostra posizione da quella degli altri che ancora rimangono in carcere". Leonardo Pizzichi potrà dunque festeggiare sabato nella propria abitazione il suo quarantatreesimo compleanno
.

Anonimo ha detto...

Facciamogli gli auguri a quella merda!!!!!!

Anonimo ha detto...

Cosa vuol dire le disponibilità degli imprenditori a rilevare parti dell'azienda???
--------------------------------
vuol dire che i commissari vogliono vendere l'asset principale di Eutelia cioe'la rete per poi buttarci a mare. Ma non lo avete ancora capito che tutto questo e' successo preche' qualcuno in alto voleva la rete a gratis?

Anonimo ha detto...

Leonardo Pizzichi potrà dunque festeggiare sabato nella propria abitazione il suo quarantatreesimo compleanno
----------
spero che la torta ti vada di traverso, pezzo di merda !!

Anonimo ha detto...

Riunioni a Milano, Bari, Roma....c'è qualcuno che ci racconta quanto detto?

...non hai ancoar capito che il sindacato si e' offeso (!!) del nostro comportamento e non risponde piu' se non in assemblea? quindi se vuoi sentirli sei costretto ad andare li'

la rete libera fa paura....

Anonimo ha detto...

Riunioni a Milano, Bari, Roma....c'è qualcuno che ci racconta quanto detto?
------------------------------------
Guarda che le assemblee sono aperte a tutti, se non vieni e' un tuo problema.

Anonimo ha detto...

e per quegli sfigati che stanno in periferia?

Anonimo ha detto...

Qualcuno conosce il motivo tecnico, per cui i nostri commissari hanno chiesto al tribunale fallimentare, un congruo differimento della data relativa alla verifica dello stato passivo di Agile, data gia' fissata in precedenza per 28 ottobre 2010, ed ora protratta al 24 febbraio 2011? Invece di anticipare rinviano?

Anonimo ha detto...

che schifo a Roma: stanno lavorando solo gli amici degli amici e ci si sta arrampicando sugli specchi per salvare le poltrone,tutti adesso a caccia dei tavoli operativi,tutti sanno fare bene tutto ed un commerciale con un super stipendio è stato messo ad imputare i dati per il passivo cosa che potrebbe fare benissimo qualcun altro che prende un quinto. E nessuno riesce a contrastare il potere e la lobby della "cricca" !!!