giovedì 10 dicembre 2009

Il comunicato Presidenziale a valle dell'incontro del 9/12

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, ha ricevuto questa sera a Palazzo Chigi le organizzazioni sindacali coinvolte nella vicenda Eutelia-Omega-Phonemedia. All’incontro non si sono presentati i rappresentanti del gruppo. Gli stessi rappresentanti, con una comunicazione scritta alla Presidenza del Consiglio (pervenuta in data odierna), hanno ammesso di non aver rispettato l’impegno di pagare gli stipendi arretrati entro il 5 dicembre scorso, assunto nella riunione del 26 novembre.
Governo e organizzazioni sindacali hanno registrato l’assenza dei rappresentanti del gruppo e preso atto delle dimissioni degli amministratori.
Il sottosegretario Letta ha ribadito l’impegno del governo affinchè la pubblica amministrazione confermi gli impegni assunti con il gruppo da committenti e fornitori e rivolto un invito che altrettanto facciano le aziende private. Analogo appello il Governo, su invito del sindacato, rivolgerà a enti locali e sistema del credito affinché assumano tutte le iniziative tese ad alleviare le condizioni di disagio dei lavoratori.
Le parti sociali hanno auspicato che il Tribunale fallimentare prenda in considerazione tutte le istanze presentate dai dipendenti del gruppo.

Per un'informazione piu completa http://www.youtube.com/watch?v=vf_ZTOl9IIU

12 commenti :

RedazioneLavorareAgile ha detto...

Eutelia, azienda sarà commissariata

Anche ieri non c'erano i rappresentanti dell'azienda all'incontro convocato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta per la vertenza Eutelia. Questi, con una comunicazione scritta alla presidenza del Consiglio, hanno ammesso di non aver rispettato l'impegno di pagare gli stipendi arretrati entro il 5 dicembre assunto nella riunione del 26 novembre. A questo punto i rappresentanti dei sindacati confederali e di categoria hanno deciso di rimanere a oltranza nella sala Verde al terzo piano di Palazzo Chigi, "occupandola" dopo che Letta aveva dichiarato chiusa la riunione.

A questo punto si va verso il commissariamento. Il 23 dicembre infatti è prevista l'udienza in tribunale per dichiarare l'insolvenza dell'azienda.I sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Federmanager) "hanno chiesto al Governo di riconvocare una specifica riunione alla presenza del Commissario, dopo il 23 dicembre, al fine di valutare lo stato della situazione a partire dal tema del reddito dei lavoratori del Gruppo".

Nel corso della riunione Letta - come è stato spiegato da una nota di Palazzo Chigi - "ha ribadito l'impegno del Governo affinché la pubblica amministrazione confermi gli impegni assunti con il gruppo da committenti e fornitori". Ha inoltre "rivolto un invito che altrettanto facciano le aziende private". Analogo appello il Governo, su invito del sindacato, "rivolgerà ad enti locali e sistema del credito, affinché assumano tutte le iniziative tese ad alleviare le condizioni di disagio dei lavoratori".

Davanti a Palazzo Chigi, in mezzo ai lavoratori in presidio, è arrivato il leader dell'Idv Antonio DI Pietro che ha definito, quella di Eutelia, "una situazione paradossale. Il Governo - ha commentato -prima fa scappare i buoi e ora non sa che pesci prendere".

Anonimo ha detto...

Intanto i mesi passano e i soldi ormai sono finiti, visto che per 50 anni sono stato onesto, è giunto il momento di diventare un delinquente.

Prossimo passo qualche rapina e spaccio di droga, rendono meglio e non ti creano grossi problemi, male che vada vai qualche giorno in galera, e quindi non hai problemi di vitto e alloggio.

Letta e C. potete andare a ........

Anonimo ha detto...

l'azienda ha ammesso di non aver rispettato l'impegno di pagare gli stipendi arretrati

Eutelia, sindacati occupano Palazzo Chigi

La delegazione è restata fino a mezzanotte nella sala Verde al terzo piano al termine del tavolo con il governoROMA - «Occupazione» simbolica e sit-in di protesta. Si fanno sentire i lavoratori di Omega-Agile (ex Eutelia) che rischiano il posto di lavoro. Mercoledì sera era previsto un nuovo incontro per cercare di risolvere la spinosa vertenza. Il sottosegretario Gianni Letta ha ricevuto a Palazzo Chigi le organizzazioni sindacali: all'incontro non si sono presentati i rappresentanti del gruppo. L'azienda, con una comunicazione scritta alla presidenza del Consiglio, ha ammesso di non aver rispettato l'impegno di pagare gli stipendi arretrati entro il 5 dicembre (assunto nella riunione del 26 novembre). Il governo - intenzionato, a quanto sembra, a intervenire a sostegno dei lavoratori da cinque mesi senza stipendio - formalmente si è trovato con le mani legate: formalmente si deve attendere il 23 dicembre, quando il Tribunale deciderà se dichiarare o meno il fallimento dell'azienda. E quando Letta ha dichiarato chiusa la riunione, i rappresentanti dei sindacati confederali e di categoria hanno deciso di rimanere a oltranza nella sala Verde al terzo piano di Palazzo Chigi, «occupandola» simbolicamente. Erano presenti rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Fiom, Fim, Uil, Ugl-Metalmeccanici, Slc-Cgil, Fiscal, Uilcom e Federmanager. La situazione si è risolta solo verso la mezzanotte, quando è stato diramato il testo di una sorta di accordo firmato in extremis.

L'IMPEGNO DEL GOVERNO - «Le parti sociali hanno auspicato che il tribunale fallimentare prenda in considerazione tutte le istanze presentate dal gruppo Eutelia-Omega-Phonemedia» si legge nel comunicato diffuso da Palazzo Chigi al termine dell'incontro. Gianni Letta «ha ribadito l'impegno del governo affinché la pubblica amministrazione confermi gli impegni assunti con il gruppo da committenti e fornitori. Ha inoltre rivolto un invito che altrettanto facciano le aziende private. Analogo appello il governo, su invito del sindacato, rivolgerà ad enti locali e sistema del credito, affinché assumano tutte le iniziative tese ad alleviare le condizioni di disagio dei lavoratori».

SIT IN DAVANTI A PALAZZO CHIGI - Proprio mentre si svolgeva l’incontro nella stanza del bottoni, i lavoratori che da mesi protestano per non essere licenziati si sono ritrovati in sit-in davanti alla galleria Alberto Sordi. «Non abbiamo grandi speranze che da questo incontro esca fuori la soluzione alla vertenza - commenta un dipendente in prima linea nella battaglia - ma siamo presenti in massa e ci faremo sentire. È importante che le istituzioni ci siano vicine anche perché il 23 dicembre il tribunale fallimentare deciderà se commissariare la nostra azienda. E questo comporterebbe il blocco della procedura di licenziamento iniziato il 22 ottobre scorso. La pubblica amministrazione, quindi, non deve bloccare le commesse che sono già in atto».

LAVORATORI A RISCHIO - Sono 1.800 i lavoratori dell’ex Eutelia che da mesi hanno iniziato la loro lotta per evitare quello che ritengono un licenziamento di massa camuffato da una cessione di ramo d’azienda alla società Omega-Agile. Come ultima azione, i dipendenti hanno deciso di occupare le sedi di Torino, Ivrea, Pregnana Milanese, Napoli e Roma (dal 28 ottobre). Proprio a Roma il 10 novembre è avvenuto anche un blitz di falsi poliziotti: all’alba un gruppo di persone in divisa (guidate da Samuele Landi, l’ex ad di Eutelia) aveva cercato di liberare lo stabile sulla Tiburtina (precisamente via Alessandro Bona, dove ancora c’è l’insegna Eutelia) dove dormivano una ventina di lavoratori. Un blitz che era stato ampiamente criticato dai sindacati

Anonimo ha detto...

Ma chi sta dirigendo oggi Agile ???

Potremmo sapere i nomi delle persone che sono al comando di una azienda fantasma e irriconioscibile, dopo solamente qualche mesi di gestione da parte di farabutti e ladri.

Non è possibile che si possa fare cose del genere, e che noi rimaniamo impotenti.

Mi auguro che almeno tutto ciò sia di esempio e che eviti altre situazioni del genere, che per noi lavoratori, ci sta veramente distruggendo l'anima.

Anonimo ha detto...

>> Ma chi sta dirigendo oggi Agile ???

Il governo stesso.. non lo hai ancora capito?? sveglia!

Anonimo ha detto...

Roba da film, questi non sanno più che dire,pensano al loro Natale, invece la gente che ha sempre lavorato avrà davanti un Natale molto magro, un'azienda senza timoniere,una situazione come quella della" Parmalat", è un incubo che si rinnova giorno per giorno, non sono una giornalista come la signora landi, sono una madre di due figli,signora landi con le azioni della Eutelia, snellita di migliaia di lavoratori svenduti ad una finta società che li porta alla fame,che cosa regalerà in questo periodo del'anno?Magari tanta speranza per un ottimo futuro che vuole vedere bravi managers e non finti arrampicatori, insegnerà che col sacrificio si ottengono tanti risultati,insegnerà l'onestà, insegnerà che la generosità non paga molto specie in economia ma la lungimiranza a saper governare fa arricchire e fa conquistare la stima dei propri dipendenti, che lavoreranno ancora di più e magari le aziende non saranno sempre in deficit,specie se nessuno di quelli che le dirigono decidono di non mangiarci "troppo" sopra.Insegnerà tutto questo sono sicura.Buon Natale anche a lei, a Natale siamo tutti più buoni,non è vero?

Anonimo ha detto...

Adesso, voglio proprio vedere se nei prossimi giorni qualcuno della dirigenza - C@mmalleri? Gi@ncarlo T@mmi o altri? - dirà ai capetti della payroll di pagare come i mesi scorsi i loro 50 amichetti e protetti.
C'è un certo numero di persone con incarichi di responsabilità (?), che ha preso settembre e ottobre anche senza cedolino, e tutti gli altri sono fermi a luglio o agosto.

Chiedo se qualcuno ha intenzione di chiedere con ingiunzione all'azienda (= payroll delivery nella persona di PAGANINI, che ha avuto lo stipendio) di RILASCIARE TUTTI I CEDOLINI e NON ACCAMPARE SCUSE DI OCCUPAZIONE SEDE.
SE VUOLE ACCEDERE PER FARLI, tanto li può fare anche da casa se vuole visto che basta un collegamento alla INTRA, LO FACCIAMO PASSARE CON TUTTI GLI ONORI!!!

sono molto alterato.
Per un Natale di m... che queste persone mi faranno passare.

Anonimo ha detto...

almeno le buste paga, chiedo solo quello, senza non posso nemmeno chiedere un fido bancario...M.O.R.TA.CC.I vostra!!!!!

Anonimo ha detto...

>> Ma chi sta dirigendo oggi Agile ???

Il governo stesso.. non lo hai ancora capito?? sveglia!

Ce lo spieghi quale governo? Io evidentemente sono un po' meno sveglio di te e del collega, perchè non l'ho capito. grazie

Anonimo ha detto...

>> Ce lo spieghi quale governo..

Certo Fenomeno, perchè chi pensi che ci sia dietro Omega, degli imprenditori galattici? Che si comprano aziende con commesse perdute e in semi-fallimento di 6500 persone dopo essersi presi un'altra azienda di 2000 piena di debiti con meno di metà del personale occupato su commesse e 1/4 di amministrativi? E perchè scrivono sul Giornale?
SIAMO FINITI! Altro che commissariamento, che ci mettono 2 anni.. Mobilità subito a chi è senza commesse! LIBERI! cA22O!

Anonimo ha detto...

>> Ce lo spieghi quale governo..

Certo Fenomeno, perchè chi pensi che ci sia dietro Omega, degli imprenditori galattici? Che si comprano aziende con commesse perdute e in semi-fallimento di 6500 persone dopo essersi presi un'altra azienda di 2000 piena di debiti con meno di metà del personale occupato su commesse e 1/4 di amministrativi? E perchè scrivono sul Giornale?
SIAMO FINITI! Altro che commissariamento, che ci mettono 2 anni.. Mobilità subito a chi è senza commesse! LIBERI! cA22O!

11 dicembre 2009 13.01


Grazie, fenomeno pure tu comunque, che se ti era tutto così chiaro, come mai sei nella m. come noi anche tu.

Qui ogni uno dice la sua, però la verità dove si trova ???

Mi sembra che nessuno sappia cosa stia veramente succedendo, e nemmeno i vari fenomeni, cioè i sindacati abbiano tutto questo potere che gli viene attribuito, io fino a oggi ho solamente sentito BLA BLA BLA BLA, mentre se noi ci fossimo comportati così in tutti questi anni, cosa sarebbe successo ???

Intanto il Natale è vicino, e per molti di noi, non lo dimenticheremo, e nessuno, dico nessuno ci sta dando una mano, solamente a parole e proclami, intanto i mesi passano e sicuramente andremo a una fine naturale, in pochi mesi sono stati capaci di distruggere tutto, e in qualsiasi modo che ci comportavamo facevamo il gioco dei nostri FARABUTTI amministratori.

Le commesse sono state perse dopo che agile ha preso in mano l'azienda, ed è tutto documentabile, con tanto di date e scritti da parte di aziende che chiedevano ragguagli sulla nuova gestione, ma NESSUNO si è mai presentato a riferire o riassicurare i nostri clienti.

Anonimo ha detto...

Certo Fenomeno, perchè chi pensi che ci sia dietro Omega, degli imprenditori galattici? Che si comprano aziende con commesse perdute e in semi-fallimento di 6500 persone dopo essersi presi un'altra azienda di 2000 piena di debiti con meno di metà del personale occupato su commesse e 1/4 di amministrativi? E perchè scrivono sul Giornale?
SIAMO FINITI! Altro che commissariamento, che ci mettono 2 anni.. Mobilità subito a chi è senza commesse! LIBERI! cA22O!

Vai da uno psichiatra che è meglio