lunedì 11 maggio 2009

Nuovo presidente nuovo sciopero

Nonostante il cambio al vertice dell'azienda, la parola d'ordine rimane sempre la stessa: DISMISSIONE.
Si pensava che con l'ingresso di un nuovo presidente qualcosa potesse cambiare o quanto meno sbloccare, invece la solfa rimane sempre la stessa.
Si è ormai capito quale è la tattica di Eutelia, arrivare intonsi fino alla data del 30 giugno per poi chiedere la cassa integrazione straordinario per i circa 2000 dipendenti.
L'atto di forza a queso punto deve essere fatto dal governo, richiamando i vertici aziendali al rispetto delle regole imprenditoriali e sociali facendo leva sulla concessione della cassa integrazione.
In poche parole...o vieni a piu miti consigli o niente CIGS/mobilità.
La disponibilità sindacale e governaiva già c'è manca solo quella Eutelia.
Per questo motivo oggi è stato indetto uno scopero di 8 ore dell'intero gruppo EUTELIA con presidio al Presidenza del Consiglio ed al Ministero dello Sviluppo Economico in occasione dell'ennesimo incontro tra le parti.

Nessun commento :