venerdì 2 ottobre 2015

Crac Vol 2, il pm chiede pesante condanna per i fratelli Liori e Massa

Durante il processo a Cagliari per il presunto crac milionario della società Vol 2, fallita nel 2010 con un buco di oltre 20 milioni di euro, il pm Andrea Massidda ha chiesto otto anni di carcere per l’ex giornalista Antonangelo Liori e per il commercialista Claudio Marcello Massa, sei anni per il fratello dell’ex direttore dell’Unione Sarda, Sebastiano Liori. Il sostituto procuratore che ha coordinato l’inchiesta della Guardia di Finanza sul fallimento, ipotizzando una bancarotta fraudolenta, ha dunque concluso la propria discussione chiedendo pene pesantissime per i tre imputati, difesi dagli avvocati Massimiliano Delogu e Rita Dedola. Davanti al collegio presieduto da Massimo Costantino Poddighe il magistrato ha parlato a lungo, ricostruendo l’intera vicenda che ha portato al fallimento del Call center Vol 2. La società cagliaritana era stata rilevata dalla Omega con oltre 300 dipendenti e commissioni della Telecom. Gli stessi imputati sono poi finiti inquisiti sia a Milano che a Roma per altre inchieste legate ai fallimenti della stessa Omega e della società Agile-Eutelia. Nella prossima udienza, fissata per il 20 novembre, parleranno le difese e poi i giudici si ritireranno in camera di consiglio per pronunciare la sentenza. L’ex giornalista Antonangelo Liori è attualmente detenuto nel carcere di Uta.

Nessun commento :