lunedì 21 settembre 2015

A rischio la latitanza dorata di Samuele Landi: ora con Dubai c'è l'estradizione

12 commenti :

Anonimo ha detto...

caro "capitano" torna tra noi, ti aspettiamo a braccia aperte.
comincia a dormire preoccupato. guardati le spalle.

Anonimo ha detto...

Tu che scrivi queste stronzate sei lo stesso che sta dietro al blog!
Ma falla finita...
Rivolgiti al Potetti, il traditore cantastorie!
Oppure volete chiederci altre 30€?
Per caso vi avanzano delle tessere?

Buffoni

Anonimo ha detto...

"Tu che scrivi queste stronzate sei lo stesso che sta dietro al blog!"
ti sei bevuto il cervello? se ti serve la tessera la puoi anche chiedere? oppure voui donare 30€ per la causa? falla finita tu rancoroso, permaloso e buffonoso. se non ti va bene quello che gli altri scrivono leggi qualche altro blog.

Anonimo ha detto...

tanto già starà da altra parte con i soldi nostri

Anonimo ha detto...


---- FINALMENTE ALLO SCOPERTO ----
----------------------------------

- Oppure vuoi DONARE 30€ per la causa?

Considerato che siamo MORTI, i famosi 30€ di cancelleria OGGI sono l'obolo da versare a Sinone il greco(Potetti) che dovrà versare come nostro pedaggio per il fiume Acheronte.
Gli interessi del sindacato vanno oltre la vita, pensano anche alle nostre anime.

- Per la ca'u'sa?

Forse intendi CASA? Dobbiamo versare una TASSA/DONAZIONE/CONTRIBUTO per un mutuo? Forse di Potetti?

- se ti serve la tessera la puoi anche chiedere?

Anche questa è per la ca'u'sa? Se vi avanzano potete giocarci a ramino.

- Ti sei bevuto il cervello?

No, bevo del buon Saint-Émilion Grand Cru.

- tanto già starà da altra parte con i soldi nostri

Ne vous inquiétez pas, i soldi VOSTRI sono per la ca'u'sa!

Anonimo ha detto...

Ops.... oggi 23 settembre sull'Espresso:

Quanti miliardi incassano i sindacati: i bilanci segreti di Cgil, Cisl e Uil

Quanti miliardi incassano i sindacati: i bilanci segreti di Cgil, Cisl e Uil
I conti delle grandi associazioni dei lavoratori sono uno dei segreti meglio custoditi d’Italia. 
“L’Espresso” però ha fatto un po’ di analisi, sommando i proventi delle iscrizioni ai finanziamenti pubblici. Risultato? Un montagna di denaro

Lo zoccolo duro delle finanze sindacali è la tessera, che ogni iscritto paga con una piccola quota dello stipendio di base (o della pensione). Nei bilanci delle tre confederazioni sono indicati complessivamente 68 milioni 622 mila 445 euro e 89 centesimi. Ma è una presa in giro bella e buona. Si tratta infatti solo delle quote trattenute dalle holding. Per avvicinarsi alla cifra vera bisogna seguire un altro percorso. Cgil, Cisl e Uil dichiarano di rappresentare tutte insieme 11 milioni 784 mila e 662 teste (che scendono in picchiata quando è il momento di versare i contributi alla Confédération Européenne des Syndicats, dove si paga un tanto per iscritto). I sindacati chiedono per l’iscrizione lo 0,80 per cento della retribuzione annua ai lavoratori attivi e la metà ai pensionati.

Anonimo ha detto...

Conoscendo la ripartizione degli iscritti tra le due categorie, gli stipendi medi dei dipendenti italiani (25.858 euro lordi, secondo l’Istat) e le pensioni medie (16.314 euro lordi, per l’Istat), è dunque possibile fare il conto. La Cgil dovrebbe incassare 741 milioni di euro e rotti (loro ammettono poco più della metà: 425 milioni). Alla Cisl si arriverebbe a 608 milioni (in via Po parlano di 80 milioni circa). E la Uil intascherebbe 315 milioni (in via Lucullo ridimensionano a un centinaio di milioni).

Solo le tessere garantirebbero dunque quasi 1,7 miliardi. Ora: è possibile che i calcoli de “l’Espresso” siano approssimati per eccesso, se si considerano il mix degli iscritti (full-time, part-time, stagionali); la durata del versamento, non sempre ininterrotto; l’incidenza di eventuali periodi di cassa integrazione. Ma una cosa è certa: il tesoretto delle tessere non vale solo i circa 600 milioni e spicci che dicono Cgil, Cisl e Uil. Secondo quanto “l’Espresso” è in grado di rivelare, infatti, nell’ultimo anno solo l’Inps ha trattenuto dalle pensioni erogate, e girato a Cgil, Cisl e Uil, 260 milioni per il pagamento della tessera sindacale. Una cifra alla quale va sommata la quota-parte di competenza delle confederazioni sui 266 milioni che l’Inps incassa da artigiani e commercianti e poi trasferisce alle organizzazioni dei lavoratori per la tassa di iscrizione. Già con queste voci si arriva vicino alla somma totale ammessa da Cgil, Cisl e Uil. I conti dunque non tornano.

Anonimo ha detto...

SINDACATO MELMA DELLO STATO

Anonimo ha detto...

....Roma - Processo ai 12 colleghi "la sporca dozzina"....

notizie da roma?

Anonimo ha detto...

Per chiarimenti sui 12 contattare la FIOM

Anonimo ha detto...

....Roma - Processo ai 12 colleghi "la sporca dozzina"....

notizie da roma?

Anonimo ha detto...

Ha scritto l'avvocato.
Dobbiamo versare una TASSA/DONAZIONE/CONTRIBUTO .
1000 euro per ciascuno di noi.
Ti piace vincere facile !!!