venerdì 30 maggio 2014

CRAC EUTELIA: 14 RINVIATI A GIUDIZIO, PROCESSO AL VIA 25/9

Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 29 mag - Il Gup del tribunale di Milano Alfonsa Ferraro ha rinviato a giudizio 14 persone nell'ambito del procedimento sul crac della Libeccio, holding che attraverso Agile, aveva acquisito alcune attivita' di Eutelia (call center). Le accuse sono, a vario titolo, associazione per delinquere, bancarotta fraudolena e aggiotaggio. Il processo iniziera' il 25 settembre prossimo davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Milano. Tra le persone rinviate a giudizio ci sono i fratelli Sebastiano e Antonangelo Liori, insieme al commercialista Claudio Marcello Massa. I tre erano stati raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare l'11 maggio 2012 nell'ambito di questa inchiesta, dopo essere gia' stati coinvolti anche in indagini delle procure di Roma e Cagliari sempre sul crac del gruppo di call center. I fratelli Liori sono ritenuti i promotori e gli organizzatori di un sistema che avrebbe permesso loro di acquisire, attraverso fraudolente ricapitalizzazioni e finanziamenti, il controllo di societa' - in alcuni casi anche quotate in Borsa - o interi gruppi di impresa, in grave crisi economica e finanziaria svuotandole delle residue risorse finanziarie. Le stesse societa', ormai prive di qualunque fonte finanziaria ed economica, venivano quindi mandate al fallimento, a scapito di lavoratori e creditori. Gli indagati in tutto erano 18, tre hanno patteggiato pene intorno ai due anni e uno ha scelto di essere giudicato con rito abbreviato. Nel procedimento si sono costituiti parte civile i curatori fallimentari delle societa' del gruppo dichiarate fallite, tra le quali Seteco, ex Omnia Network, gia' quotata a Piazza Affari.
Fla-
(RADIOCOR) 29-05-14 13:37:55 (0346) 5 NNNN

14 commenti :

Anonimo ha detto...

Qui tutti patteggiano .. intanto migliaioa di famiglie sono alla disperazione...
La settimana prossima TUTTI a Roma Numerosi.

Anonimo ha detto...

Servizio de la gabbia: Agile/Eutelia figli di nessuno:
http://www.la7.it/la-gabbia/video/eutelia-figli-di-nessuno-29-05-2014-132558

Anonimo ha detto...

Inquietante, e pensare che i Liori li hanno indicati propri i sindacati. Loro sapevano bene in che mani ci mettevano e questa strana concomitanza con il piddino Soru e la sua società ancora al centro di indagini della magistratura e della finanza?
L'UNIONE SARDA - Cronache : Andalas e i soci occulti di Eutelia, tutti nel sottoscala londinese20.09.2011
Al 27 di Holywell Row si incrociano i destini della finanza europea
Ascolta la notiziaIl 27 di Holywell Row, strada tra le meno esclusive del centro di Londra, non smette di destare stupore. Lì c'è la sede di Andalas ltd, la società da due sterline di capitale attraverso la quale, secondo Procura e Guardia di Finanza di Cagliari, Renato Soru avrebbe nascosto al fisco italiano 20 milioni di euro negli ultimi anni. Ma allo stesso indirizzo trovano ospitalità pure gli uffici di Restform e Anglo Corporate Management, i due fondi “fantasma” attraverso cui sarebbe stata portata sull'orlo del baratro Eutelia, società di telefonia attualmente sotto il controllo dei commissari giudiziali. E sempre lì stanno almeno una ventina di altre anonime limited intestate a sconosciuti cittadini inglesi ma tutte in qualche modo legate ad alcune tra le più importanti aziende italiane. Al che viene il sospetto che il cuore della finanza europea non sia, come si è sempre pensato, nella City londinese, bensì un paio di isolati più in là, proprio in quell'ufficio scalcinato al 27 di Holywell Row dove sembrano incrociarsi i destini delle imprese di mezza Europa. I BANCAROTTIERI DI EUTELIA Si diceva della Restform e della Anglo Corporate Management. Due nomi che ai più non dicono nulla, ma che certamente ricordano molto bene i mille e più dipendenti dei call center Agile-Eutelia che ancora aspettano di sapere se avranno un futuro. Secondo la Procura di Roma, che l'estate scorsa arrestò otto persone per bancarotta, è proprio attraverso quei due fondi con sede al 27 di Holywell Row - che controllavano “a cascata” una serie di altre società (Libeccio srl, Tyche srl, Theia srl, Omega srl e Agile srl) - che Eutelia sarebbe stata spolpata e depredata di 11 milioni di euro. E che c'entrano con Andalas e Soru? Nulla, indirizzo a parte. Anzi, no. In realtà Restform e Anglo Corporate hanno anche un'altra cosa in comune con la società del patron di Tiscali: la company director, cioè la società che si occupa della gestione societaria e della rappresentanza legale. Per le une come per l'altra è la stessa: la Cdf Formations Limited, la cui sede legale è ancora una volta al 27 di Holywell Row. Coincidenze. Come è certamente una coincidenza il fatto che qualche mese fa Tiscali avesse manifestato l'intenzione di acquisire la rete di Eutelia, ipotesi di cui poi non si è più saputo nulla.

Anonimo ha detto...

a mazzate bisogna prenderli e basta,altro che tribunale.

Anonimo ha detto...

Al prossimo incontro della settimana prossima(almeno si spera) dobbiamo essere presenti in MOLTI anche perchè forse è l'ultima possibilità che abbiamo di ottenere qualcosa ...il tempo sta per scadere.

Uniti .. si VINCE

Anonimo ha detto...

Leggendo il comunicato sindacale
(http://www.viaolivetti79.it/Documenti/ComunicatiSindacali/com300514%20FIM%20FIOM%20UILM.pdf) mi rendo conto che si crede ancora alla "favola" dei "bandi
gara con il sistema premiante". Ormai questa soluzione (se cosi si può chiamare) non ha più senso a questo punto. E' solo una presa x i fondelli:
1) perchè le gare che si fanno sono sempre meno
2) non possiamo aspettare le calende greche ammesso che le future gare contengano il "sistema premiante".
Ormai siamo arrivati alla fine o trovano una soluzione immediata oppure facciamocene una ragione che per anni ci hanno preso in giro punto e basta.
Una cosa da fare è quella di INCAZZARCI DAVVERO con manifestazioni ad oltranza fino a quando non vediamo soluzione vere.Tutti gli accordi firmati nel 2012 sono stati disattesi queindi altri accordi a lungo termine non dobbiamo accettarli.
Una soluzione per gli over 50 anni potreìbbe essere quella di proporre una assunzione a tempo presso enti statali x almeno 4 anni in modo da usufruire alla fine dell'impiego degli anni di mobilita che sono 3 o 4 anni.
Mentre per chi non rientra fra gli over 50 devono essere presi impegni seri x il reinserimento nel lavoro.

Anonimo ha detto...

Leggendo il comunicato sindacale
(http://www.viaolivetti79.it/Documenti/ComunicatiSindacali/com300514%20FIM%20FIOM%20UILM.pdf) mi rendo conto che si crede ancora alla "favola" dei "bandi
gara con il sistema premiante". Ormai questa soluzione (se cosi si può chiamare) non ha più senso a questo punto. E' solo una presa x i fondelli:
--------------

ma non hai capito che questa storia dei bandi gara premianti era solo una "moina" dei sindacati per prendere tempo e far vedere che stavano facendo qualcosa? La dimostrazione viene anche dal fatto che "solo" ora qualcuno ha scoperto che la cosa sarebbe illegale....e prima? 3-4 anni fa? nessuno se ne era accorto? ma dai, e' lampante la presa per il c..o....

Anonimo ha detto...

http://www.eulav.net/AGILE_Comunit_14_05_30.pdf

Anonimo ha detto...

ma non hai capito che questa storia dei bandi gara premianti era solo una "moina" dei sindacati per prendere tempo e far vedere che stavano facendo qualcosa?
===========================
Appunto non fai altro che confermare quello che intendevo dire.
Quindi non devono più proporre queste pseudo-soluzioni .Al prossimo incontro(dove spero sremo in tanti) dobbiamo cercare ri ottenere soluzioni VERE!

Anonimo ha detto...

Un quotidiano di Roma denuncia che la posta non viene consegnata regolarmente poiche' mancano in organico circa 350 postini e la cosa si aggrava quando il personale va in ferie o si ammala.
Si legge anche della nota carenza di personale nei musei tanto da mettere in dubbio le aperture nei giorni festivi dei siti archeologici o del Colosseo stesso.
Credo che gli stessi problemi ci siano in altre zone dell'Italia quindi se volessero una ricollocazione potrebbero trovarla tranquillamente.
Ricordo che Poste Italiane e' una partecipata dello Stato e come in tutte le aziende di questo tipo non necessita' alcun concorso pubblico per essere assunti quindi............
Forse il nostro problema si potrebbe risolvere cosi' e comunque almeno per tutti i colleghi di Roma il problema sarebbe stato risolto.
Vi ricordo che 'Amministrazione Pubblica come le Aziende e' obbligata per Legge ad assumere un numero di Invalidi Civili quindi si potrebbe pensare di farlo andandoli a prendere da coloro che sono in CIG di Agile. Non saranno tantissimi ma sicuramente il numero degli 800 da ricollocare sarebbe minore.
Penso che il Sindacato oltre che prospettare accordi utopostici dovrebbe proporre soluzioni concrete,realistiche ed immediate tipo quelle sopra descritte.

Anonimo ha detto...

Ma si sa niente della data del prossimo incontro?
Il 30 giugno è alle porte.

Anonimo ha detto...

Ricordo che Poste Italiane e' una partecipata dello Stato e come in tutte le aziende di questo tipo non necessita' alcun concorso pubblico per essere assunti quindi............
Forse il nostro problema si potrebbe risolvere cosi' e comunque almeno per tutti i colleghi di Roma il problema sarebbe stato risolto
-------------
...peccato che nella provincia di Roma ci siano piu di 3000 disoccupati....

Anonimo ha detto...

.peccato che nella provincia di Roma ci siano piu di 3000 disoccupati....
----------
Quindi? Vuoi dire che ti dispiacerebbe se avessero un occhio di riguardo per noi che siamo in ballo da piu' di 4 anni?
O gi altri sono stato oggetto di una truffa certificata come noi?
A ROMA ci sono dipendenti in CIG che hanno subito angherie come noi? Non mi pare.
Sono stati venduti a dei banditi certificati? Non mi pare.
La nostra storia e' piu' unica che rara e dopo 4 anni in CIGS francamente degli altri 3000 di Roma non m'interessa ed egoisticamente penso alle promesse che ci sono state fatte da quei Signori che ora sono nella stanza dei bottoni da Ministri e Sottosegretari ed ora non possono esimersi dal mantenere gli impegni a suo tempo presi con NOI.
L'ultima notizia che riguarda la situazione Alitalia e' che dei 2200 esuberi si fara' carico lo Stato affermazione del Ministro Lupi.
Quindi quale sarebbe la differenza tra noi e loro?
Cara FIOM il tempo passa e se entro la settimana non avremo l'incontro sei vivamente pregata d'indire una manifestaziine Nazionale e l'appuntamento ce lo faremo dare NOI ma non al MISE ma a Palazzo Chigi dove questo Iter Istituzionale e' iniziato al tempo del Governo Berlusconi con Letta Sottosegretario ed i Vari Deputati del Pd Damiano,Madia,Fassina,Miccoli ecc. sotto l'obelisco di Montecitorio uniti a noi nella protesta uniti nello sciopero della fame.
Ti sei dimenticato caro collega?Insieme a noi c'erano anche gli altri 3000 disoccupati?
Sei ancora convinto che siamo tutti uguali o forse Noi abbiamo fatto qualcosina in piu' ANCHE PER LA CAUSA DEL PD.
IL centro destra ha assunto in varie Municipalizzate Romane suoi uomini od ora quei signori sono felicemente sistemati.
Prendono lo stipendio nessuno, malgrado lo scandalo, pensa di licenziarli e le loro famiglie vivono dignitosamente mentre noi siamo allo stremo.
Ancora pensiamo all'etica? Con l'etica non si mangia e non si crescono i figli quindi vaffanculo l'etica e la falsa moralita'.
FATECI TORNARE A LAVORARE costi quel che costi CE LO DOVETE alla faccia di TUTTI i FALSI MORALISTI.

Anonimo ha detto...

Cara FIOM il tempo passa e se entro la settimana non avremo l'incontro sei vivamente pregata d'indire una manifestaziine Nazionale e l'appuntamento ce lo faremo dare NOI ma non al MISE ma a Palazzo Chigi dove questo Iter Istituzionale e' iniziato al tempo del Governo Berlusconi con Letta Sottosegretario ed i Vari Deputati del Pd Damiano,Madia,Fassina,Miccoli ecc. sotto l'obelisco di Montecitorio uniti a noi nella protesta uniti nello sciopero della fame.
=========================
GIUSTO!!!!!! Sono d'accordissiomo