lunedì 25 marzo 2013

Ieri la "bomba" dei documenti riguardanti Eutelia pubblicati nel web, oggi la risposta della dottoressa Daniela Saitta


La professionista minaccia querela per diffamazione lamentandosi di essere rimasta vittima di un'operazione di spionaggio



Dopo la “bomba” pubblicata su internet, riguardante il caso Eutelia, arriva la replica dei commissari, che nel documento erano stati chiamati in causa. La dottoressa Daniela Saitta, puntualizza alcune situazioni descritte nel dossier: a San Marino, i commissari ci sono andati per scoprire un conto segreto alimentato dai bonifici di una controllata di Eutelia ai tempi della gestione Landi, la società C3, di diritto inglese, la quale dalla Gran Bretagna ha alimentato il conto con fondi per circa un milione di euro. Uno dei prelievi, 350 mila euro, è stata effettuato da Eva Landi.  La Saitta, in un comunicato, lancia un'operazione trasparenza sui suoi redditi personali (900 mila euro nel 2011 contro 800 mila del 2010, l'anno in cui assunse l'incarico). La commissaria spiega di aver percepito per il suoi lavoro 97 mila euro, mentre altri 107 mila euro a titolo di liquidazione le devono ancora essere accreditati. La professionista minaccia querela per diffamazione lamentandosi di essere rimasta vittima di un'operazione di spionaggio. L'anonimo, o gli anonimi, sono entrati indebitamente nella sua posta elettronica e nel suo cellulare, cambiando date e frasi per dare alla documentazione un significato diverso, dice lei, da quello che avevano originariamente.

18 commenti :

Anonimo ha detto...

Perchè il fondo Telemaco non invia ai dipendenti che lo hanno richiesto il modello PPC/FOND COD. SR98????
Senza di quello l'INPS non pagherà le quote dovute al fondo e certificate dal Tribunale.
Adesso ci si mette anche Telemaco???
Questa storia non avrà mai fine....

Anonimo ha detto...

ma perche? INPS sta gia pagando le quote certificate?

Anonimo ha detto...

OK tutti hanno fatto i loro interessi peccato che i lavoratori sono gli unici che ci hanno rimesso.
Sia in soldi che in perdita di posto di lavoro.
Quindi non raccontate fandonie e cercate di recuperare il danno fatto.
Oramai e fatto cercate di rimediare in qualche maniera altrimenti non avrete piu' nessuna adesione da nessuno.

Anonimo ha detto...

INCREDIBILE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
TUTTI sti soldi hanno pagato alla D.ssa Commissaria per far fallire DUE aziende....
Io sarei stato capace anche gratis !!!

Anonimo ha detto...

La professionista minaccia querela per diffamazione lamentandosi di essere rimasta vittima di un'operazione di spionaggio
=====
speriamo

Anonimo ha detto...

Mentre voi pensate alla Saitta sappiate che la lista delle persone in cassa e' aumentata....tutti i tempi determinati son stati liquidati!!! E non vi dico in che modo!!! Vergognati sindacato di come hai saputo gestire bene la TBS ed il suo piano aziendale!!!

Anonimo ha detto...

La dr-ssa ha ammesso che e' tutto vero, vistasi che parla di spinaggio.

Anonimo ha detto...

In relazione al calunnioso esposto anonimo i commissari straordinari di Eutelia comunicano di aver depositato in data 25 marzo 2013 denuncia presso la competente autorità giudiziaria

Anonimo ha detto...

voglio vedere se viene attivata "la moderazione dei commenti"

Anonimo ha detto...

Ma il sindacato non doveva controllare che TBS rispettase il piano industriale, invece dopo aver affermato che er aun buon accordo si è dimanticata di tutti i colleghi che sono passati in TBS lasciandoli alla mercè di un'azienda inclocudente.
P.S. hanno addirittura rifiutato di rinnovare il contratto Poste mettende fuori dall'azienda tutti i contratti a tempo determinato. Ora specialmente per il sud dove la commessa Poste era la più importante saranno a rischio anche quelli a tempo indeterminato. Qualcuno che a contattato i RSU di BAri
da questi non hanno avuto nessun aiuto, neanche morale.

Anonimo ha detto...

In relazione al calunnioso esposto anonimo i commissari straordinari di Eutelia comunicano di aver depositato in data 25 marzo 2013 denuncia presso la competente autorità giudiziaria

27 marzo 2013 17:05
=====
grazie per l'indispensabile notizia.

Anonimo ha detto...

Non capisco perche' dovremmo interessarci degli ex-colleghi passati in TBS?
Tutti sanno quali sono state le modalita' grazie alle quali sono stati assunti in TBS quindi non vedo perche' dobbiamo piangere per loro.
Nelle manifestazioni organizzate dopo le assunzioni in TBS nessuno dei fortunati si e' degnato di partecipare sperando di essersi salvati ed ora chiedono aiuto al sindacato?
Avete preso lo stipendio pieno per due anni contro la CIGS dei vostri colleghi quindi ora e' il vostro turno e capirete cosa vuol dire campare con 1000 euro al mese.
Guardatevi allo specchio e capirete perche' nessuno scendera' in piazza per voi e per favore nelle prossime manifestazioni evitate di farvi vedere come avete sempre fatto in questi ultimi due anni altrimenti potreste generare in noi rigurgiti di stomaco.
grazie

Anonimo ha detto...

Tutti sanno quali sono state le modalita' grazie alle quali sono stati assunti in TBS..
----
Si quella del 20% in meno di stipendio al 6 livello.

Anonimo ha detto...

Io sono uno dei cacciati e ti diro' che faresti bene a studiare la matematica visto che TBS esiste solo da 1 anno...Detto questo ti ricordo che pur lavorando ho sempre partecipato alle manifestazioni di piazza e ho visto che i VERI ASSENTI erano sempre quelli assunti a tempo indeterminato. Gli amici degli amici di S.Sp., il quale ancora oggi ha usato la sua mano potente per aprire la porta a chi gli ha sempre portato le borse.
Io non mi vergogno di quel che ho fatto, piuttosto mi sento deluso da chi ha sempre predicato la giustizia nel lavoro e poi magicamente...si e' lasciato trasportare sul pullman di quelli di Roma!!! E tutto questo Potetti & C. lo sapevano da tempo! Buona fortuna a chi va in CIGS...chi resta non avra' vita facile!

Anonimo ha detto...

---------------------------------
Anonimo ha detto...

Io sono uno dei cacciati e ti diro' che faresti bene a studiare la matematica visto che TBS esiste solo da 1 anno...Detto questo ti ricordo che pur lavorando ho sempre partecipato alle manifestazioni di piazza e ho visto che i VERI ASSENTI erano sempre quelli assunti a tempo indeterminato. Gli amici degli amici di S.Sp., il quale ancora oggi ha usato la sua mano potente per aprire la porta a chi gli ha sempre portato le borse.
Io non mi vergogno di quel che ho fatto, piuttosto mi sento deluso da chi ha sempre predicato la giustizia nel lavoro e poi magicamente...si e' lasciato trasportare sul pullman di quelli di Roma!!! E tutto questo Potetti & C. lo sapevano da tempo! Buona fortuna a chi va in CIGS...chi resta non avra' vita facile!

28 marzo 2013 16:10

.................................

spiegati meglio chi legge ho ha gli elementi per capire o sono sfoghi in ...rete

Anonimo ha detto...

------------------------------
In relazione al calunnioso esposto anonimo i commissari straordinari di Eutelia comunicano di aver depositato in data 25 marzo 2013 denuncia presso la competente autorità giudiziaria
-------------------------------------
scusa collega (o presunto tale) comunicano a chi e dove ...mi sfugge qualcosa

Anonimo ha detto...

Caro ex-collega forse vuoi dire che il 20% in meno sono sempre di piu' della CIGS o lo vuoi negare?
Forse vuoi negare la tredicesima? Il premio produzione?
Per favore non siate ipocriti il CUD di un CIGS arriva al massimo a 12000 euro e non credo che in TBS si guadagni di meno.
Confermo che per passare in TBS era necessario avere certi requisiti particolarmente relazionali e se e' vero che esiste da un anno non potete negare che ci sono passati le stesse persone che gia' lavoravano in AGILE grazie alla stessa metodologia di scelta malgrado le assicurazioni dei sindacati che parlavano di merito e consultazione dei C.V.
Abbiate il pudore di tacere.

Anonimo ha detto...

se solo un decimo di quanto letto nei documenti relativi all'attività delle persone del tribunale fallimentare di Roma e connesse fosse vero,e in quelle mail, farebbero sembrare i L***di quasi degli angioletti...

che schifo
Non c'è nessun che indaghi cosa c'è di vero?