venerdì 1 febbraio 2013

Lettera aperta al Segretario Generale della FIOM Maurizio Landini


Egregio Segretario Generale della FIOM, Maurizio Landini,  sicuramente saprà cosa stanno
scoprendo al Monte dei Paschi di Siena.
Visto che, come ha avuto modo di affermarlo varie volte pubblicamente e tramite comunicati
ufficiali, Lei si è impegnato personalmente ad interessarsi della nostra vertenza di Agile (ex Eutelia)
ricoprendo così di fatto un ruolo responsabile e di primo ordine nella stessa, saprà “sicuramente”
quali siano state gli intrecci , gli interessi, i complotti e le conseguenze drammatiche subite dai
lavoratori, tra Eutelia e MPS!
Di conseguenza mi chiedo se ha avuto l’idea di “rispolverare” i vari passaggi della vertenza,
riportando alla ribalta della cronaca i possibili intrecci, interessi e complotti che ci sono stati tra
MPS ed Eutelia e le cui conseguenze hanno dovuto subire i 1900 lavoratori di allora, ritrovandosi di
fatto derubati del proprio lavoro.
Cosa sia successo oggi alla banca non è mia intenzione commentare alcunché e tanto meno lanciare
accuse gratuite riguardo gli intrecci ed interessi che ci  possono essere tra la banca e la politica,
nella fattispecie il Partito Democratico (il PD senza la “L”). Saranno sicuramente le Forze
dell’Ordine, la Guardia di Finanza e la Magistratura ad indagare con serietà come hanno sempre
fatto e perseguire seriamente eventuali colpevoli!
Ciò che invece è mia intenzione mettere in risalto,  in qualità di lavoratore che ha subito tutti gli
effetti più sporchi e drammatici dei complotti, intrecci ed interessi che ci sono stati tra la banca ed
Eutelia, quali siano state quelle azioni non fatte dal sindacato (dalla FIOM!!!) e che invece
dovevano essere fatte, per non mettere in difficoltà il MPS!
Infatti Le ricordo che, così come ha sancito il Tribunale del Lavoro di Roma e che potrà
ricordarselo leggendo la sentenza, la FIOM ed i lavoratori hanno vinto l’art. 28 che purtroppo non è
mai stato utilizzato opportunamente.
Come anche saprà,  questa scelta della FIOM portata avanti da Fabrizio Potetti, è stata sempre
criticata e mai condivisa dai lavoratori ritenendo inspiegabile e irresponsabile che non sia stata
impugnata concretamente la cessione fraudolenta di Eutelia ad Agile, anche dopo una sentenza a
noi lavoratori favorevole del Tribunale!
Infatti, tale operazione societaria era stata escogitata “ad hoc” per estrapolare gli asset aziendali di
valore di Eutelia dai lavoratori da licenziare.
Prima della cessione era stata eseguita un’altra operazione “incompatibile” cioè nominare il
presidente del collegio sindacale di MPS Leonardo Pizzichi, come Presidente del CdA di Eutelia.
Le accuse che i lavoratori imputano al Monte dei Paschi di Siena è che, con questa operazione, si è
fatto in modo che mentre Eutelia si è ritrovata un personaggio del MPS, Pizzichi,  per gestire i
debiti di Eutelia, dalla parte di Agile ci si è ritrovati con degli  pseudo manager che di fatto sono dei
delinquenti specializzati nelle bancarotte fraudolenti e falsi in bilancio, i Massa e Liori.
Con questo scenario creato “ad hoc” dalla famiglia Landi, dal MPS in complicità con Massa e Liori,
hanno avuto modo di utilizzare la “cessione di ramo d’azienda” per trasferire la maggioranza dei
lavoratori (circa 1900) da Eutelia ad Agile, in compagnia di tutti i debiti che Eutelia aveva generato
e che infastidivano il MPS!
Naturalmente gli asset aziendali di valore,  azioni e crediti possedute da MPS, terreni dell’area expo
milanese e la rete in fibra ottica di 13400 km. sono rimasti in Eutelia!  
Con questa operazione delle “scatole cinesi” difatto mandavano sul lastrico migliaia di lavoratori e
famiglie, perché Agile era stata creata solo ed esclusivamente per fallire!
Egregio Segretario Generale della FIOM, Maurizio Landini, perché la FIOM non ha mai impugnato
seriamente e concretamente la cessione dei lavoratori di Eutelia verso Agile, nonostante il Tribunale
di Roma ci abbia dato ragione facendoci vincere l’art. 28???
Una cosa è stata fatta, una manifestazione a Siena che si è rivelata difatto del tutto sterile!


Mi chiedo, se è vero come dicono i giornali e le televisioni dei collegamenti tra il MPS ed il PD e
che nessuno mai ha smentito,  e se è pur vero che tra il PD e la CGIL corre “buon sangue”, quali
siano stati gli eventuali contatti e le indicazioni che hanno determinato difatto la messa da parte di
ogni azione che potevano mettere in difficoltà il Monte dei Paschi di Siena???
Probabilmente i poteri forti del MPS hanno fatto si che si mettesse da parte ogni tipo di azione,
sindacale-giudiziaria, che potevano mirare a mettere in discussione gli interessi della banca senese.
A questi nostri interrogativi, le uniche risposte avute da Fabrizio Potetti sono state che aveva
deposto in un cassetto della sua scrivania la sentenza a nostra favore dell’art. 28 e che l’avrebbe
utilizzata appena possibile! Difatto questo non è mai avvenuto!
Col tempo poi questa idea di Potetti è diventata più rivoluzionaria, cioè ha indicato che qualsiasi
lavoratore poteva impugnare la cessione da Eutelia vs Agile utilizzando l’art. 28 personalmente,
escludendo ogni tipo di coinvolgimento della FIOM!
Egregio Segretario Generale della FIOM, Maurizio Landini, cosa abbiamo fatto di male noi
lavoratori per subire tutti questi raggiri dettati dal malaffare???
Esigiamo che la FIOM ci dia immediatamente delle spiegazioni in merito a questi interrogativi, in
modo da escludere ogni minimo dubbio del sindacato da questa losca vicenda e riportando alla
ribalta la vertenza dei lavoratori di Agile ex Eutelia!
Dopo 3 anni e mezzo di questa lunga ed estenuante vertenza è impensabile ed irresponsabile che
Voi del sindacato pensiate in qualche modo che la rabbia dei lavoratori si sia pacata.
Ci sentiamo completamente traditi da parte di coloro che dovrebbero essere vicino ai lavoratori e
soprattutto da parte della  FIOM!
Probabilmente i Vostri progetti di farci morire lentamente, facendo cadere la vertenza sempre più
nel dimenticatoio, si stanno frantumando.
Infatti, così come Le dicevo già nella mia scorsa lettera “aperta” che Le ho inviato circa 20 giorni
fa, sperando che l’abbia ricevuta e anche letta e se non l’ha fatto La invito a leggerla, queste lettere
che Le sto inviando altro non sono che un primo passo per la riorganizzazione della lotta che gruppi
di lavoratori non hanno mai smesso!
Anzi soprattutto dopo l’accordo scellerato firmato da Potetti nel Gennaio del 2012, si è determinata
in gruppi di lavoratori di varie sedi una autorganizzazione alla lotta  che sfocerà in azioni come
quella, ad esempio, che ci ha visti ospiti negli uffici della FIOM di Roma!
Occorre davvero una “Rivoluzione” per trovare la soluzione!
 
Egregio Landini, esigiamo riposte serie e concrete!
IL NOSTRO UNICO E SOLO OBIETTIVO E’ DI RITORNARE A LAVORARE,
SERIAMENTE E DIGNITOSAMENTE!!!
Pasquale D’Italia
Lavoratore Agile (ex Eutelia) in CIGS sede di Napoli
Iscritto FIOM  

20 commenti :

Anonimo ha detto...

Giù il cappello!Quando si hanno le palle, bisogna farle vedere.
La sede di Napoli è stata la sede più combattiva di tutte. All'ultimo posto metto quella di Ivrea, la più borghese.....

Anonimo ha detto...

E' noto a tutti che all'atto della cessione di Getronics c'erano due compratori ovvero Engineering ed Eutelia, pare che il PD avesse avallato e garantito Eutelia, di fatto facendo fuori l'offerta di Engeenering.

Anonimo ha detto...

Complimenti a chi ha scritto la lettera..........
BRAVO COLLEGA............
TENIAMO DURO............
UN COLLEGA ISCRITTO ALLA FIOM.
PRETENDIAMO UNA RISPOSTA DA LANDINI

Anonimo ha detto...

LANDINIIIIIIIIIIII
SVEGLIAAAAAAAAAAAA

Anonimo ha detto...

E' noto a tutti che all'atto della cessione di Getronics c'erano due compratori ovvero Engineering ed Eutelia, pare che il PD avesse avallato e garantito Eutelia, di fatto facendo fuori l'offerta di Engeenering.

E'vero anche che dal 2006 ad oggi anche la Engineering ha licenziato molte persone.

Anonimo ha detto...

Egregio Landini, esigiamo riposte serie e concrete!
IL NOSTRO UNICO E SOLO OBIETTIVO E’ DI RITORNARE A LAVORARE,
SERIAMENTE E DIGNITOSAMENTE!!!

=================================
Concordo pienamente con il collega...
Dovrebbe essere la persona trainante di tutti noi per riorganizzarci per riprenderci il lavoro e mandando a cagare le RSU e la FIOM stessa se non si da una mossa!!!
Restiamo uniti

Anonimo ha detto...

occorrono le palle ed i napoletani le hanno

Anonimo ha detto...

Ma è stata recapitata la lettera alla FIOM?

Anonimo ha detto...

LANDINIIIIIII
SALVACI

Anonimo ha detto...

Come deciso
E' CONVOCATA L'ASSEMBLEA DEI LAVORATORI DI AGILE DI BARI
il giorno 4 febbraio alle ore 10.30 in sede


In allegato la bozza della lettera al Presidente Vendola che abbiamo preparato


Lunedì è importante la presenza e soprattutto la partecipazione di tutti.
Fate i vostri giri di telefonate e fatevi venire tante idee.
----------------
Pagliacci di rsu, credo che siate a conoscenza del fatto che il sig Vendola vada a fare il ministro dopo le elezioni, lo sanno anche le pietre. Allora mi chiedo, scrivere l ennesimo foglio di carta da mandare a uno che tra un mese non saprà neanche di cosa si sta parlando...
Basta con il fumo negli occhi, please.

Anonimo ha detto...

Complimenti, trovo personalmente che sia una lettera ben fatta e finalmente inviata all'interlocutore giusto, il quale se non vuole fare l'ennesima figura di merda...dovra' rispondere! Nel caso non lo faccia allora dovra' pagare pegno..in che modo? Vedremo! Vantiamo di essere l'eccellenza? Dimostriamolo! Abbiamo sempre delegato...purtroppo ad una manica di collusi che di fatto non hanno fatto altro che aderire a programmi fuorvianti, portando a casa risultati definibili appena sufficienti...Es. nessuna notizia di un possibile rinnovo CIGS, giusto per dare l'idea. Proponiamo scadenze...dopodiche' avviamo una campagnia di deligittimazione nazionale nei confronti del sindacato e di chi lo rappresenta. Il "Marketing collettivo" sviluppa le idee e le modalita' di distribuzione delle stesse che condivideremo su spazi da definire o nello stesso blog. Non dimetichiamoci che la rete e' uno strumento eccezionale!

Anonimo ha detto...

Scusate ma pensate che il buon Landini sia il nuovo messia?
In primis alla prossima convocazione al Ministero non dobbiamo chiedere il rinnovo della CIGS ma di essere ricollocati visto che tutti sanno e sapevano la fine che Agile avrebbe fatto.
Credo che tra dimissionari,esodati,pensionati e passati in TBS i numeri sono ormai nell'ordine di 500 persone sparse su tutto il territorio Nazionale quindi piu'facilmente ricoloccabili anche all'interno delle varie Amministrazioni Pubbliche.
Avrebbero ottimo personale e risparmierebbero i soldi della CIGS.
Se il Sig. Potetti pensa di tornare a parlare di CIGS o di piano industriale TBS e' meglio che Landini lo sostituisca perche' i lavoratori si sono rotti i co.....ni di essere mantenuti dallo stato e di continuare a vegetare quando c'e' gente che ancora timbra il cartellino e va a farsi i fatti suoi come Striscia la Notizia ha ampiamente documentato.
Cacciateli e prendete le persone che hanno veramente voglia di lavorare e noi vi garantiamo che non vediamo l'ora.

Anonimo ha detto...

Ma chi si rivede: PIZZICHI

http://www.ogginotizie.it/135857-monte-paschi-trapelati-i-nomi-degli-indagati-codacons-chiede-risarcimenti/#.UQ1hlh3K6K4

Ma che si aspetta a fare causa a MPS?? Che fanno i nostri legali????

Anonimo ha detto...

Ma questa lettera è stata inviata anche a giornali,radio,tv, o altri media? Vi sto che siamo in campagna elettorale un po' di visibilità ce la possono dare.

Anonimo ha detto...

Dimostriamolo! Abbiamo sempre delegato...purtroppo ad una manica di collusi che di fatto non hanno fatto altro che aderire a programmi fuorvianti, portando a casa risultati definibili appena sufficienti...Es. nessuna notizia di un possibile rinnovo CIGS, giusto per dare l'idea. Proponiamo scadenze...dopodiche' avviamo una campagnia di deligittimazione nazionale nei confronti del sindacato e di chi lo rappresenta
=============================
===========================

HAI PERFETTAMENTE RAGIONE.CONCORDO IN PIENO.

Anonimo ha detto...

CIRCOLARE INPS CON IMPORTI ASPI E MINI ASPI 2013


http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDOC.aspx?sVirtualURL=/circolari/Circolare%20numero%2014%20del%2030-01-2013.htm&iIDDalPortale=

Un abbraccio fraterno

Anonimo ha detto...

In riferimento alla comunicazione della direzione circa l'adesione alla mobilità da esercitare entro il 28 febbraio 2013 rivolgo un appello a tutti i colleghi che hanno consultato il patronato per avere un confronto circa le informazioni che mi sono state fornite da 2 patronati decisamente contrastanti circa la decorrenza dei 36 mesi per la maturazione del requisito per acquisire il diritto alla pensione.
Il primo patronato sostiene che i 36 mesi decorrono dalla data di messa in mobilità e deve coprire anche la finestra di 15 mesi menre il secondo sostiene che la decorrenza é dal gennaio 2012 al dicembre 2014 e deve coprire anche la finestra.
C'é qualche collega che può fornire ulteriori intrpretazioni ricevute per il bene di tutti gli interessati ?
Considerata la delicatezza della decisione che se non ponderata e certificata al 1000 x 1000 chiedo a Potetti di indire con urgenza una riunione per chiarire e supportare la delicata decisione che dobbiamo prendere.
Grazie a tutti.

Anonimo ha detto...

Non credo che Potetti legga questo blog

Anonimo ha detto...

Ma la magistratura che aspetta ad indagare sull'intreccio oscuro Fiom/Potetti/Agile? Ci devono pur dire perche' il sindacato non si e' fatto portavoce dei lavoratori ma degli interessi personali. Perche' nessuno si degna di dare una risposta a queste domande? Che fine hanno fatto i vari sindacalisti della famosa occupazione sempre pronti a prendere un microfono in mano ( e a candidarsi alla solita poltrona alla prima occasione) ma poi improvvisamente ed inspiegabilmente spariti?

Anonimo ha detto...

E' sconcertante, leggo cose che non stanno né in cielo né in terra, tipo: ma gli avvocati che fanno o la magistratura che fa'?!?!?. Certo che siamo arrivati a questo punto se c'è gente che pensa ancora che sia qualcun'altro a doversi muovere. Gli avvocati fanno quello che gli chiediamo di fare, la magistratura si attiva se c'è una denuncia. Questa mentalità che sia sempre qualcun'altro a doversi muovere, a dover organizzare, a dover scrivere, o denunciare è la mentalità che ci ha portato allo stato attuale delle cose. Che fa' il sindacato? che dice il sindacato? ... eh ma Potetti ha detto questo .... eh ma Potetti ha detto quest'altro e tutti come pecore ed ecco i risultati.
Comunque, considerando la difficoltà oggettiva a poter fare qualche azione congiunta, sia per la scarsa partecipazione, sia perché siamo sparsi sul territorio nazionale, perché non manifestare le nostre ragioni, malesseri e quant'altro, utilizzando i social network? Landini ha la sua pagina facebook ed io spesso ci scrivo, certo se fossimo 7/800 a scrive il nostro disagio l'impatto sarebbe diverso... o no?! Facile e non dispendioso. Se ognuno di noi facesse una piccola cosa!