mercoledì 17 ottobre 2012

LAVORATORI AGILE ex-EUTELIA


LA NOSTRA LOTTA CONTINUA !

 

Sono passati più di tre anni dal passaggio fraudolento di ramo d’azienda da Eutelia ad Agile e la conseguente “sparizione” di 54 ML di Euro di TFR,  di circa 100 ML di Euro di portafoglio ordini e la distruzione di  oltre 1500 posti di lavoro. Dopo mesi di occupazione delle sedi aziendali, lotta che ha permesso il successivo sequestro dei beni aziendali di Agile, dopo più di 2 anni e mezzo di cassa integrazione, dopo 29  mesi di amministrazione straordinaria, a 9 mesi dalla firma dell’accordo fra Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero del Lavoro, Regioni  niente è mutato circa la sorte degli oltre 1000 lavoratori in CIGS.

 L’obiettivo della nostra lotta è sempre stato quello di riottenere il lavoro che ci è stato rubato e per questo è essenziale che quanto sottoscritto dal MISE, MdL e Regioni il 23 gennaio u.s VENGA  RISPETTATO:

immediata convocazione del tavolo con i Ministri Passera e Fornero per assunzione immediata degli impegni;

conferma della Cigs per tutta la durata del Piano industriale di TBS.IT società cessionaria dei rami di azienda di Agile in A.S:e, in seguito e se necessario, conferma della mobilità come previsto alla data dell'accordo;

congelamento delle norme pensionistiche alla data di sottoscrizione dell’accordo di mobilità per coloro che maturano, nel periodo, i requisiti pensionistici;

impegno della società cessionaria di Eutelia in a.s. a ripristinare la filiera produttiva favorendo personale Agile per le attività di IT;

inserimento nei bandi pubblici di clausole premianti in favore della assunzione di lavoratori in Cigs rivenienti da aziende in procedura concorsuale;

utilizzo di Fondi Europei per specifici progetti formativi indirizzati a tutti i lavoratori di Agile

e finalizzati al reinserimento lavorativo dei lavoratori esclusi dalla cessione verso TBS.IT

Vogliamo che il nostro progetto, presentato alla conferenza nazionale dei lavoratori Agile, presso la CGIL, il 24/2/2011 e successivamente in audizione alla Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, sia inserito all’interno degli interventi del governo nell’ambito degli investimenti relativi all’Agenda Digitale Italiana. In quel progetto illustravamo modalità ed attività  per la ricollocazione delle  professionalità Agile, proprio su alcune aree tematiche oggi caratterizzanti l’ADI:

  • Infrastrutture e Sicurezza
  • E-Gov / Open Data
  • Informatizzazione digitale e competenze digitali
  • Smart Communities
Le professionalità dei lavoratori AGILE DEVONO INCONTRARE  le prospettive dell’ADI, l’ICT italiana di Bull, Edisontel ed Olivetti non deve essere distrutta.

Il MISE deve rappresentare un soggetto di coordinamento pubblico capace di uscire da una politica industriale di carattere prevalentemente difensivo, che ha lasciato anche aziende “sane” senza sostegno ed indirizzo, per avviare un percorso virtuoso con interventi di carattere strutturale ed un approccio sistemico che dia certezze nei tempi e nelle risorse, regole chiare e controlli efficaci, garantendo  trasparenza ed  equità.

PRESIDIO DEI LAVORATORI AGILE di Roma SOTTO LA PREFETTURA

 

Roma, 17/10/2012                                                                                                         RSU-FIOM ROMA

32 commenti :

Anonimo ha detto...

si diceva ai miei tempi "lotta dura senza paura". Contemporaneamente usciva il film "polvere di stelle" con il compianto Sordi e Monica Vitti,(vedetelo ne vale la pena) un brano della colonna sonora recitava :"ma n'ondo vai se la banana non c'è l'hai", scusandomi per la scrittura in siliml ..romanesco, dico la banana l'abbimo? se no di che parliamo?
La ...banana di Potetti e Landini non credo sia efficace, la nostra è appassita, il blog non aggrega, idee zero. Pigliamoci le briciole, in fondo comunque, monti o non monti, sbarcheremo a ...Roma (scimiottando il noto cantautore).

Anonimo ha detto...

si diceva ai miei tempi "lotta dura senza paura". Contemporaneamente usciva il film "polvere di stelle" con il compianto Sordi e Monica Vitti,(vedetelo..
==========================
Se ri accontenti a fare il pappone della CICGS fallo pure...collega.
Non capissco la tua posizione.
Ma come si fa ad accettare una situazione del genere.Si capisce che non hai bisogno di lavorare.
Io invece dico che bisogna INSISTERE con la lotta!!!perchè non senza lavoro siamo morti!!!!

Anonimo ha detto...

Da un controllo sul fondo Telemaco ho visto che mi hanno accreditato i contributi mancanti.Ora sono allineati al 30 giugno 2012

Anonimo ha detto...

Decreto CIGS 68362
fra l'latro e' scritto:
.....
l'inps verifica il rispetto del limite masimo di 36 mesi nell'arco del quinquennio previsto dalla vigente normativa
.......

la cigs finisce per la maggior parte di noi a Febbraio 2013 !!

Anonimo ha detto...

...e non agiugno 2013...

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
Da un controllo sul fondo Telemaco ho visto che mi hanno accreditato i contributi mancanti. Ora sono allineati al 30 giugno 2012

19 ottobre 2012 13:17
.........
Si, accredito contributi fino a giugno-2012, ma solo per la componente TCO (TFR - Contribuzione Ordinaria) e non ACO/LCO.

terminator ha detto...

E' in onda un programma "l'ultima parola" su RAI2, dove è stato mandato un servizio su Eutelia-Agile. Angelo Pagaria è intervenuto facendo del suo meglio nein pochi secondi disponibili.
Il conduttore Paragone, in carico alla Lega, è relegato a notte fonda. Il servizio su Passera meriterebbe una più ampia risonanza.
Ciò detto, sarebbe opportuno che chi di noi ha dimestichezza, estradda dal sito RAI lo spezzone che ci riguarda e lo metta a disposizione al fine che possa essere trasmesso e in rete che alle testate giornalistiche locali.
Facciamo rete, mobilitiamo i partiti.

Anonimo ha detto...

la cigs finisce per la maggior parte di noi a Febbraio 2013 !!

=================================
ma se c'e' un decreto che dice giugno 2013 perche' volete pestarvi le palle da soli?

Anonimo ha detto...


la cigs finisce per la maggior parte di noi a Febbraio 2013 !!

================================

ci vorrebbe una parola di chiarezza da qualche esperto!

Anonimo ha detto...

La durata dell’integrazione straordinaria non può superare i 36 mesi nell’arco di un quinquennio, compresi i periodi di CIG ordinaria per situazioni temporanee di mercato. Solo in casi eccezionali, previsti dal CIPE (Comitato Interministeriale per le Politiche Economiche), il limite può essere superato.

In effetti la frase non c'era sugli altri decreti precedenti.
Se è proprio così siamo fregati....

Anonimo ha detto...

Attenzione: il quinquennio è "rigido". L'attuale è iniziato il 12.08.2010, quindi bisogna fare i calcoli dei 36 mesi max da questa data in poi.

Anonimo ha detto...

E' in onda un programma "l'ultima parola" su RAI2.
=================================
Solo che lo fanno vedere a mezzanotte quando la gente dorme.
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-0b3726db-a58e-4874-b4a0-2a522f53b877.html

Anonimo ha detto...

Ma non molliamo.
Vogliamo di nuovo il nostro lavoro che ci e' stato derubato oltre al denaro che ci e' stato sottratto.
Solo in Italia possono succedere queste cose tutti ladri chi piu' chi meno ma tutti ladri.
Basta la cassa integrazione non ci serve noi vogliamo lavorare come abbiamo fatto da decenni con il benestare dei clienti che hanno apprezzato la nostra esperienza e che ancora oggi si lamentano dei servizi.

Anonimo ha detto...

Sul sito dell' INPS pagamento cassa secondo periodo di settembre addebito 26 ottobre.
Meno male cosi' ci tengono tranquilli per un po'.

Anonimo ha detto...

Sul sito dell' INPS pagamento cassa secondo periodo di settembre addebito 26 ottobre.
Meno male cosi' ci tengono tranquilli per un po'.

----------------------------------
casomai accredito..!

terminator ha detto...

http://www.eulav.net/Agile-Eutelia12_10_19.pdf

Se l'iniziativa non è coordinata con i media e con un contributo politico rischiamo l'ennesima gita a Roma. E' prevedibile che la partecipazione sarà scarsa, solo i soliti sfigati. Invece se c'è il coinvolgimento dei media, della politica la cosa ha un senso. Landini &Co si sono limitati ad una supplica al ministro, ovviamente risposta non pervenuta.
Avendo ratificato lo scellerato accordo, siamo fuori, la nostra strada è ancora più in salita. Bene il presidio, ma senza un adeguato supporto mediatico e politico è perdita di tempo.
Ovviamente la furbata sta nel fatto che se il presidio non è significativo i lavoratori non appoggiano convintamente il sindacato (a cui non è stata data forza e può farci poco), se è corposo e nessuno se ne frega gli stronzi sono nel palazzo (ed il sindacato non può farci niente). Comunque vada lo stipendio di Potetti &co è salvo. Attenzione! Potetti &co li paghiamo noi con le nostre trattenute da cassaintegrati e mi fermo quà. Essendo noi,loro datori di lavoro, non possiamo neanche cassaintegrarli. Come si dice a Napoli fanno a muina e noi siamo solo comparse paganti.
Sapendo che, almeno a detta della Camusso, è prevista una manifestazione sindacale a livello europeo, con inevitabile la risonanza mediatica, sarebbe stato logico coordinare la nostra iniziativa in un ambito più generale e con visibilità importante. Ma la logica non è di questo sindacato.
Mi piacerebbe conoscere come sono selezionati i dirigenti sindacali, se hanno fatto un concorso, una domanda di assunzione, hanno mandato un curriculum. Si parla di trasparenza di curriculum e compensi pubblicati sui siti istituzionali. Poichè li paghiamo abbiamo il diritto di sapere che competanze hanno, qaunto guadagnano, note spese comprese.
Non è possibile che i mestieranti gestiscano le sorti di 2000 famiglie.

Anonimo ha detto...

Leggendo il post precedente volevo ricordare il nostro collega Sergio Palermo che è stato il primo in assoluto, ad inscenare una protesta plateale. Poi i lavoratori sono saliti sui tetti, sulle ciminiere ecc ecc. Mi fa piacere se Sergio, che probabilmente non legge il blog, abbia trovato la sua strada. E' stato un esempio che non abbiamo saputo imitare. Sergio se mi leggi ...batti un colpo.

Anonimo ha detto...

Attenzione: il quinquennio è "rigido". L'attuale è iniziato il 12.08.2010, quindi bisogna fare i calcoli dei 36 mesi max da questa data in poi.
----------
... DOVE STA SCRITTO CHE INIZIA IL 12/AGOSTO/2010? CHE SIGNIFICA RIGIDO? NON SAPETE SPIEGARE? LA MAGGIOR PARTE DELLA CASSA E' PARTITA A FEBBRAIO-MARZO 2010, HA RAGIONE IL COLLEGA CHE HA POSTATO INIZIALMENTE IL MESSAGGIO, E QUESTO E' UN DATO. IL SECONDO DATO E' CHE PER LA PRIMA VOLTA COMPARE SUL DECRETO CIGS LA FRASE "L'INPS VERIFICHERA' I 36 MESI..". QUESTE SONO CARTE SCRITTE, IL PERIODO "RIGIDO" DOVE E' SCRITTO?!!

Anonimo ha detto...

Invece di aspettare sempre la pappa pronta, magari scrivendo in maiuscolo, basta fare una ricerca su Google. Le parole magiche sono "quinquennio cassa integrazione". Si tratta di vedere se possono esserci eccezioni. Buona pappa.

Anonimo ha detto...

a nessuno frega niente del lavoro, quello vero, si discute di come arrotondare lo stipendio della moglie

Anonimo ha detto...

o del lavoro in nero più redditizio

Anonimo ha detto...

Invece di aspettare sempre la pappa pronta, magari scrivendo in maiuscolo, basta fare una ricerca su Google. Le parole magiche sono "quinquennio cassa integrazione". Si tratta di vedere se possono esserci eccezioni. Buona pappa.
------
e tu pensi che google si possa sostituire cosi facilemnete aall'inps? ma sei mai satto all'inps? ti ridono in faccia se dici di aver trovato le tue ragioni su google...

Anonimo ha detto...

Stralcio analisi sindacale su prossime sigenze di cig:
"Ogni azienda può infatti utilizzarli per un massimo di 3 anni su 5, e il quinquennio scade ad agosto 2015. Diverse realtà hanno fatto ricorso alla cassa fin da subito, dal 2010, perciò da settembre 2013 non potranno più farne uso”.

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
e tu pensi che google si possa sostituire cosi facilemnete aall'inps? ma sei mai satto all'inps? ti ridono in faccia se dici di aver trovato le tue ragioni su google...
-------
L'informazione si trova sul sito dell'INPS stessa quindi come punto di partenza di discussione direi che non è male. E nello specifico è a nostro "sfavore" (tanto per cambiare) quindi vedo poche ragioni da sostenere, semmai sarebbe stato meglio non ci fosse stata per niente.

Anonimo ha detto...

MA NESSUNO PARLA DI LAVORO????????
ANDIAMO A ROMA PER IL LAVORO... PERCHE' CI OSTINIAMO A PARLARE DI CIGE E QUANTO DURA?
NESSUNO PARLA DI RIPRESA DU LAVORO???
FIOM CAPISCI????

Anonimo ha detto...

e tu pensi che google si possa sostituire cosi facilemnete aall'inps? ma sei mai satto all'inps? ti ridono in faccia se dici di aver trovato le tue ragioni su google...
-------
L'informazione si trova sul sito dell'INPS stessa quindi come punto di partenza di discussione direi che non è male. E nello specifico è a nostro "sfavore" (tanto per cambiare) quindi vedo poche ragioni da sostenere, semmai sarebbe stato meglio non ci fosse stata per niente.
--------
credo che il collega si riferisse alla data del 12 agosto 2010 come
inizio del quinquennio..in altre paroel che la cigs duri 36 mesi in un quinquennio lo sanno tutti ed e' scritto ovunque. Il dato che ci riguarda invece e' l'INIZIO di questo quinquennio: dove e' scritto che sarebbe iniziato il 12 agosto e non il 12 febbaio? Data, quest'ultima, che effettivamente e' stata il vero inizio dell aCIGS per tutti noi....

Anonimo ha detto...

credo che il collega si riferisse alla data del 12 agosto 2010 come
inizio del quinquennio..in altre paroel che la cigs duri 36 mesi in un quinquennio lo sanno tutti ed e' scritto ovunque. Il dato che ci riguarda invece e' l'INIZIO di questo quinquennio: dove e' scritto che sarebbe iniziato il 12 agosto e non il 12 febbaio? Data, quest'ultima, che effettivamente e' stata il vero inizio dell aCIGS per tutti noi....

-----------------------------------

Il quinquennio è "rigido": inizia ad agosto 2010 e termina ad agosto 2015. Nel nostro caso i 36 mesi scadono quindi a settembre 2013. Se qualcuno del sindacato può confermare. grazie

Anonimo ha detto...

Buongiorno, sono l'"Anonimo" dei post del 22/10 ore 19.07 e del 23/10 9.20

Ad integrazione di quanto scritto in quei post, aggiungo quanto segue, tratto dalla pagina del sito INPS che trovate a questo link

DURATA

In linea generale, non si può fare ricorso alla CIGS per una durata superiore ai 36 mesi nel quinquennio di riferimento, fatte salve le eccezioni previste dal CIPI (art 1, co. 9 della Legge n. 223 del 23 luglio 1991),computando a tal fine, anche i periodi di CIG ordinaria concessi per contrazioni o sospensioni dell'attività produttiva determinate da situazioni temporanee di mercato.
Ai fini del computo dei 36 mesi, il riferimento temporale al quinquennio deve considerarsi "rigido", considerando come termine iniziale l'11/8/1990, stabilito dall'art n. 22 della Legge n. 223 del 23 luglio 1991 e come termine finale l'11/8/1995.
Dal 12/8/1995 decorre il nuovo quinquennio che si è concluso l'11/8/2000 e così di seguito fino alla prossima scadenza del 11/8/2010 (circ. n. 106 del 17/5/1996).


Ribadisco che bisogna vedere quali sono le eccezioni di cui si parla nel testo facendo riferimento all' art 1, co. 9 della Legge n. 223 del 23 luglio 1991 e che riporto di seguito e se ci riguardano.
Come si vede è tutto un rimando ad altri articoli e commi di altre leggi.
Buon proseguimento a tutti.

9. Per ciascuna unità produttiva i trattamenti straordinari di integrazione salariale non possono avere una durata complessiva superiore a trentasei mesi nell'arco di un quinquennio, indipendentemente dalle cause per le quali sono stati concessi, ivi compresa quella prevista dall'art. 1 del decreto-legge 30 ottobre 1984, n. 726, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863. Si computano, a tal fine, anche i periodi di trattamento ordinario concessi per contrazioni o sospensioni dell'attività produttiva determinate da situazioni temporanee di mercato. Il predetto limite può essere superato, secondo condizioni e modalità determinate dal CIPI ai sensi del comma 6, per i casi previsti dall'art. 3 della presente legge, dall'art. 1 del decreto-legge 30 ottobre 1984, n. 726, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863, dall'art. 7 del decreto-legge 30 dicembre 1987, n. 536, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1988, n. 48, ovvero per i casi di proroga di cui al comma 3.

Anonimo ha detto...

Se le cose stanno così perche' si e' firmato l'accordo con tbs, visto che molti colleghi erano in cassa gia' da molto tempo e quindi si sarebbero superati i 36 mesi?
C'e' poca chiarezza o forse molta fretta nel farci morire

Anonimo ha detto...

Quindi conviene che il 5 novembre si faccia un po' di casino per far tornare in mente che non siamo morti e siamo ancora come ci avevano lasciato 2 anni e mezzo fa' cioe' senza prospettive e falsi piani industriali sottoscritti dal MISE.
Chi e' del nord massima partecipazione a Milano chi e' del sud massima partecipazione a Roma.
Lo so che ormai siamo rassegnati ma devono sapere che siamo ancora in 1200 senza prospettive oltretutto derubati in del TFR e degli stipendi.

Anonimo ha detto...

Ed Incazzati.........ora o mai piu'.

Anonimo ha detto...

Venerdi' 26 Ottobre
Roma - ore 11 - Udienza processo penale Liori-Massa-Landi (Ple Clodio)
------------ Audizione testimoni Landi.
La prossima udienza, fissata per il 21 dicembre ore 10, concluderà la fase istruttoria.

La nostra partecipazione dimostra che non molliamo.
-----------------------------------Mercoledi' 24 Ottobre
Roma - ore 11 - Udienza processo penale Liori-Massa-Landi (Ple Clodio)
Audizione testimoni Massa.

La nostra partecipazione dimostra che non molliamo.