venerdì 25 marzo 2011

EUTELIA-AGILE: PD, UNITE PER RILANCIO INDUSTRIALE

Roma, 24 mar - “Esprimiamo rammarico per il ritardo, più di un anno, con cui il governo ha risposto a interrogazioni su una crisi aziendale così grave.” Così i deputati del Pd, Ludovico Vico e Vinicio Peluffo, replicano al Governo in merito alla risposta sulla vicenda Eutelia-Agile.

“Siamo insoddisfatti – proseguono Vico e Peluffo - perchè non basta il richiamo al tavolo istituito presso il ministero dello Sviluppo economico, la nostra sollecitazione era rivolta ad un maggiore protagonismo del tavolo stesso, a partire dalla questione centrale. Il governo per Eutelia e Agile parla, infatti, di percorsi ‘distinti seppur paralleli’, mentre noi siamo convinti che lo sforzo da fare in questo momento sia di ricondurre ad unità le due vicende che sono indissolubilmente intrecciate per la complicata storia aziendale, così come certificate nelle aule dei tribunali; sono indissolubilmente intrecciate per dare futuro all'azienda, rappresentano infatti due settori (infornation technology e telecomunicazioni) che solo unite possono dare un rilancio industriale".
“Per questo chiediamo al ministero dello Sviluppo economico di prendere in considerazione la proposta avanzata dalla Conferenza nazionale dei lavoratori Agile di rientrare in Eutelia. Chiediamo di intervenire, inoltre per tutelare le commesse ancora in corso tra Eutelia-Agile e la pubblica amministrazione. Chiediamo,infine, alla commissione Attività produttive – concludono i deputati Pd - di accogliere la richiesta dei rappresentanti dei lavoratori di un'audizione parlamentare che consenta una discussione più complessiva sul futuro dell'azienda”.

La beffa di Eutelia, condannati i lavoratori
Tre mesi di carcere o 7600 euro di multa per i dipendenti che hanno occupato la sede. Samuele Landi, fondatore dell'azienda e ora latitante a Dubai, aveva denunciato i suoi ex impiegati

Condannati. Solo che gli ultimi a sporcarsi la fedina penale non sono i manager che hanno spolpato Eutelia, lasciato senza lavoro migliaia di persone e che si sono intascati milioni di euro di commesse. Ma i dipendenti che, nei mesi in cui venivano ignorati dai loro datori di lavoro (distratti da quella che i magistrati romani hanno definito una frode “colossale”), hanno protestato occupando la sede romana dell’azienda. A dodici di loro è stata appena notificata la sentenza del Tribunale penale di Roma: tre mesi di reclusione convertiti in una pena pecuniaria di 7.600 euro a testa. Cioè quanto ognuno di loro prende di cassa integrazione in un anno. Il delitto? Aver “invaso arbitrariamente, al fine di occuparlo, l’immobile di proprietà della società Eutelia”. E visto che erano in gruppo, scatta automaticamente anche il concorso di persone.


La giornata incriminata è stata al centro delle cronache nazionali per ben altri motivi: in molti ricorderanno l’irruzione con piede di porco del fondatore della società, Samuele Landi, all’alba del 10 novembre 2009 nell’edificio di via Bona. Con lui diciassette vigilantes, arruolati per sgomberare il presidio dei lavoratori. Questi ultimi sono stati condannati per “sostituzione di persona”, ma dovranno pagare una somma inferiore di 100 euro a quella dei dipendenti ex Eutelia: 7.500 euro a testa. Il giudice per le indagini preliminari Roberta Palmisano ha dunque accolto le richieste del pm, Fabio Santoni, emettendo un decreto penale secondo cui spacciarsi per poliziotti, svegliare i lavoratori con torce puntate in faccia e chiedere loro i documenti senza alcuna autorità sia meno grave che presidiare un’azienda mentre viene distrutta dai suoi proprietari.
A denunciare i 12 lavoratori di Agile, la società venduta per un euro da Eutelia a Omega, è stato proprio Samuele Landi, ancora latitante a Dubai. Che poi è l’unico della famiglia a non aver pagato per la bancarotta fraudolenta (il fratello Isacco è finito in manette). Dagli Emirati Arabi deve aver avuto tempo, tra un lancio e l’altro col paracadute, sua grande passione, di seguire l’esito della vicenda. Ma i 12 lavoratori non sapevano neppure di essere sotto inchiesta, l’hanno scoperto solo l’altroieri a condanna notificata (procedura prevista per alcuni reati lievi, tipo la guida in stato di ebbrezza).

Fabrizio Potetti della Fiom, che da oltre due anni segue le vicende di Eutelia, sta già lavorando con gli avvocati del sindacato per opporsi (hanno tempo 15 giorni). E spiega al Fatto che “la cosa grave è che i ragazzi in presidio non hanno mai impedito a nessuno di continuare a lavorare, tanto che, quando i poliziotti veri sono arrivati dopo l’irruzione di Landi, non hanno ordinato a nessuno di sgomberare”.
Intanto i 12 lavoratori vivono un paradosso: dopo mesi senza stipendio e 890 euro al mese di cassa integrazione, se questa condanna venisse confermata andrebbero definitivamente in rovina. “Io preferirei andare in galera tre mesi piuttosto che finire per strada – dice Luigi Civita, uno di loro – non ho mai avuto così tanta paura in vita mia. Sono più angosciato di quando ho perso il posto: perché sono uno che rispetta le regole, che non ha mai fatto nulla di male. Siamo stati noi a essere derubati. Truffati dall’azienda, ingannati dalle istituzioni e, adesso, traditi anche dalla legge”.

Da Il Fatto Quotidiano del 24 marzo 2011

21 commenti :

Anonimo ha detto...

continua a leggere il giornale e libero che è meglio. ciao samuè

Anonimo ha detto...

A samuè fatte na pippa co la mano sinistra, cosi pare che te la fatta un'altro... e non rompe li cog.... a chi lavora.
Tanto dovrai tornare prima o poi... e te levano tutto.

Anonimo ha detto...

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-4cee2da6-74f8-4a28-a8a6-b14b20017397.html
guardare dal min.24

Anonimo ha detto...

Certo che fa un certo effetto sentir parlare di codice penale e di giustizia da uno che si è sottratto alla stessa scappandosene all'estero.
Il bove che dice cornuto al ciuccio.
Cerca di non rompere le scatole a tutti noi lavoratori in condizioni disperate grazie a tue malefatte(no voglio essere volgare) e ai tuoi compagni di merende.

Anonimo ha detto...

Ma penserà mica di cavarsela a buon mercato, non sempre pagare frutta, quindi fai tutte le tue illazioni e considerazioni, ma prima o poi i nodi al pettine arriveranno, e tu qui in Italia dovrai tornare.

TI ASPETTIAMO !!!!!

REDAZIONE LAVORARE IN AGILE/EUTELIA ha detto...

Sig. S. Landi, il suoi commenti da Dubai, Emirati Arabi, non sono graditi su questo blog
Per cui verranno prontamente rimossi

Statistiche numero di accessi
alle pagine del blog.

Italia 138.192
Stati Uniti 1.583
"Emirati Arabi Uniti 1.290"
Regno Unito 838
Federazione Russa 764
Germania 246
Francia 171
Paesi Bassi 96
India 85
Svizzera 62

Anonimo ha detto...

ma ancora ha la faccia di parlare questo?
La tigna è una brutta bestia eh?

Anonimo ha detto...

Ti ricordo caro samuele che sei stato condannato per bancarotta fraudolenta se non erro e quindi sei quello meno adatto a parlare di giustizia. Probabilmente un fascistello come te penserà che a condannarti sono stati quei cattivoni dei giudici comunisti che si sono permessi di indagare su di te. Se hai le palle torna in italia sconta la tua pena e poi ne parliamo e cerca di non fare danni e porcherie anche a Dubai che in quei paesi non sono tanto teneri.P.S. Non sei capace neanche di camuffare il tuo IP ma è normale che ne sai tu di informatica.

Anonimo ha detto...

Sgominata holding che svuotava aziende in crisi

I vertici di una holding che "svuotava" aziende in crisi nel nord est con guadagni milionari e relativa sottrazione di denaro ai danni di creditori e dell'erario sono al centro di un'indagine dei carabinieri di Padova che stamane hanno operato 14 arresti e compiuto diverse perquisizioni. Il gruppo, secondo quanto accertato dalle indagini, aveva base in Campania.

Nel corso dell'operazione sono stati compiuti anche degli accertamenti nei confronti di professionisti. L'ipotesi al centro delle indagini, avviate circa un anno fa dal pm Paola De Franceschi, sono di associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, truffa e reati connessi al falso nella gestione di aziende sull'orlo del fallimento. I provvedimenti restrittivi sono stati firmati dal gip padovano, Paola Cameran. Il punto delle indagini sarà reso noto nella mattinata. (ANSA).

Anonimo ha detto...

lasciatelo parlare,tanto prima o poi torna ed allora si che ci divertiamo.caro pirata per quando torni e' meglio che affili l'uncino.ti potra' servire per difenderti.guardati sempre le spalle,non si sa mai.....

Anonimo ha detto...

.....E U T E L A.....
caro sindacato SLC-GCIL -"furfanti"contunuano a rubare
-aumentano le consuleze esterne
-le partite iva (quelle alte) sono sempre la
-i commissari perndono stipendi da capogiro
-i lavoratori continiano ad essere in casa
E TU CHE FAI?
un accordo sulla cassa integrazione x EUTELA
EUTELIA che ha in cassa + di 20ML euro liquidi.
......STRANO!
VERAMENTE STRANO!

Anonimo ha detto...

si veramente strano, ma tanto non interessa a nessuno, ne' politici, ne' sindacati ne' tantomeno magistrati

Anonimo ha detto...

I CUD dopo il 15 Maggio ??????

secondo i CAAF è troppo tardi,
qualcuno rischia non poter presentare il 730 per tempo.

per chi avanza rimborsi dall'erario
un'altra beffa???????

Anonimo ha detto...

Ma secondo voi, se Eutelia dovesse essere acquisita da un altro o altri gruppi, saranno questi ultimi ad accollarsi i debiti corrispondenti alle nostre richieste nelle procedure di insinuazione? oppure restano in capo ad una fantomatica eutelia in amministrazione straordinaria?

Anonimo ha detto...

E' certo che i debiti rimangono alla fantomatica Eutelia in A.S. I commissari mica vendono le ciofeche!
------------------------------------
Ma secondo voi, se Eutelia dovesse essere acquisita da un altro o altri gruppi, saranno questi ultimi ad accollarsi i debiti corrispondenti alle nostre richieste nelle procedure di insinuazione? oppure restano in capo ad una fantomatica eutelia in amministrazione straordinaria?

Anonimo ha detto...

Ma come funziona l'elenco per l'esame delle domande di insinuazione al passivo ?
Qualcuno sa spiegare perche' nell'elenco creditori dell'udienza del 13/4/2011 (su agilenet)ci sono numeri di cronologico successivi, e di molto, a quelli assegnati a molti di noi ? Se viene assegnato un nr. di cronologico mi aspetto che venga rispettato !

Anonimo ha detto...

E' un numero, come abbiamo avuto modo di sapere siamo dei numeri, solo dei numeri(siamo 1500 non con tiamo nulla).
L'ordine chi lo sa?? Speriamo sia quello di chi muore per primo.

Anonimo ha detto...

Chi se ne frega di chi e' a pagare (Massa,Liori,Monte Dei Paschi,Landi,azionisti vari) quello che mi importa e' quello che io devo recuperare, per questo tutte le cause possibili vanno fatte. Io le ho fatte e se ancora ne mancano le faro'.

Anonimo ha detto...

Sono un ex dipendente dimissionario e vedo con piacere che pur avendo un numero basso nell'udienza del 13/4 non sono stato inserito.
Bisogna avere i santi in paradiso anche da ex?

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
Chi se ne frega di chi e' a pagare (Massa,Liori,Monte Dei Paschi,Landi,azionisti vari) quello che mi importa e' quello che io devo recuperare, per questo tutte le cause possibili vanno fatte. Io le ho fatte e se ancora ne mancano le faro'.

29 marzo 2011 13:42

SPERO CHE TU PAGHI QUANTO HO PAGATO IO.

Piccolo azionista che ha investito i risparmi di duro lavoro in eutelia,e adesso rovinato.

Anonimo ha detto...

secondo me sono stati inseriti solo i creditori che hanno scelto avvocati privati.Non mi sembra ci siano creditori patrocinati dal sindacato.