venerdì 30 luglio 2010

Eutelia: Damiano, "Finalmente convocazione dei sindacati a Palazzo Chigi"

"È un successo della mobilitazione dei lavoratori e del Pd"
“È finalmente giunta alle organizzazioni sindacali la convocazione presso la presidenza del Consiglio per l’incontro sulla situazione Agile-Eutelia. La riunione si terrà il prossimo 4 agosto e raccoglie la richiesta formulata nei mesi scorsi dal sindacato e dai lavoratori di avere un livello di attenzione adeguato per una vertenza che riguarda una società strategica dell’information tecnology e l’occupazione di alcune migliaia di lavoratori”. Lo ha detto Cesare Damiano, capogruppo Pd in commissione Lavoro della Camera.

“Per ottenere i tavoli di confronto – ha proseguito Damiano - al ministero dello Sviluppo economico e alla presidenza del Consiglio si è mobilitato, nelle scorse settimane, a fianco dei lavoratori e dei sindacati unitari anche il Pd, attraverso una specifica iniziativa di sciopero della fame a staffetta alla quale hanno aderito 120 parlamentari. Il nostro partito continuerà a vigilare sulla situazione per favorire una conclusione positiva sui temi della politica industriale e dell’occupazione e sarà pronto a riprendere la mobilitazione se questo si renderà necessario. Questo primo successo testimonia l’importanza di una iniziativa politica e sociale che, per quanto riguarda il nostro partito, ha fatto del tema del lavoro e della crisi occupazionale un tema fondamentale

19 commenti :

Anonimo ha detto...

Sarà anche un successo, ma ....

NON siamo stati ammessi come costituenti parte civile al processo Penale nei confronti di Eutelia ad Arezzo.

QUESTO E' GRAVISSIMO.

Anonimo ha detto...

ma chi è sta D.SSA CHIARUTTINI? la nuova commissaria al posto di PERTILE? e Pertile quando se ne è andato?

Anonimo ha detto...

Ma l'azionisti sono stati ammessi?

Anonimo ha detto...

i Francesi hano le PALLE e sanno come risolvere i problemi.

Anonimo ha detto...

ma chi è sta D.SSA CHIARUTTINI? la nuova commissaria al posto di PERTILE? e Pertile quando se ne è andato?
-----------------------------------
Un'altra novita' oltre al cambio nome evidenziato, sta' nel fatto che nella convocazione al Ministero si parla gia' di commissari straordinari, quindi le nomine finali sono gia' avvenute.

Anonimo ha detto...

che c'entrano i francesi ??

Anonimo ha detto...

qualuno sa per caso se SR41 di luglio verrà emesso e quando ??

Anonimo ha detto...

Questo e' uno dei tanti link all'attivita' svolta da Stefania Chiaruttini nel caso Parmalat:
http://leggefiscofinanza.oltreover.org/Documenti%20su%20obbligazioni%20collocate%20ad%20investitori/Articoli%20su%20Parmalat/263326.pdf

Anonimo ha detto...

qualuno sa per caso se SR41 di luglio verrà emesso e quando ??
-------------------------------

ancora deve essere accreditata la cassa di giugno....
con il modello non ci mangio....

Anonimo ha detto...

Eutelia/Agile - Nicotra (FDS) su mancato accoglimento da parte civile
Nicotra: 'Comunque sia le vittime sono i lavoratori'
Pubblicata venerdì 30 luglio 2010


Alfio Nicotra AREZZO - Alfio Nicotra, capogruppo provinciale della Federazione della Sinistra ad Arezzo esprime “sincero rammarico per il mancato accoglimento da parte del Tribunale di Arezzo, della richiesta avanzata da oltre 800 lavoratori ex-Eutelia di costituirsi parte civile nel processo contro i loro dirigenti.”
“l'accoglimento nella parte civile dei lavoratori – prosegue Nicotra – sarebbe stata una importante evoluzione del diritto del lavoro nell'epoca della finanziarizzazione selvaggia ,nella quale industriali senza scrupoli hanno usato il lavoro e la vita di migliaia di persone come se fossero dei klines. Forse era troppo chiedere alla magistratura di supplire anche in questo caso all'assoluta subalternità del potere politico e legislativo a quei potentati economici e finanziari da cui capricci dipende la vita delle persone che vivono del loro onesto lavoro.”
Per l'esponente della Fds che stamattina è stato al fianco dei lavoratori Agile davanti al tribunale di Arezzo in attesa del pronunciamento del Gup “ la mancata costituzione di parte civile dei lavoratori non cambia però la sostanza delle cose. La vera parte lesa in tutta questa vicenda sono appunto i lavoratori.”
“Il tribunale – ha proseguito Nicotra – ha appesantito le accuse nei confronti dei dirigenti Eutelia passando la fattispecie di reato dal falso in bilancio alla bancarotta fraudolenta. Ci auguriamo che sia fatta luce e giustizia su tutta la vicenda ma al contempo continuiamo a chiedere la difesa dei posti di lavoro sia dei lavoratori Eutelia che di quelli Agile.
L'incontro del 4 agosto alla Presidenza del Consiglio deve tramutarsi in impegni precisi da parte del Governo per il rilancio dell'azienda e per non perdere le commesse che ancora rimangono.”

Anonimo ha detto...

Eutelia, scure del Gip
sulle parti civili
Fuori 800 lavoratori
Ammessi un centinaio di piccoli azionisti. Cambia il capo di imputazione: ora è di bancarotta fraudolenta


Arezzo, 31 agosto 2010 - Doveva essere il giorno della prima rivincita sui manager che (dicono loro) li hanno messi in mezzo alla strada, diventa il giorno della delusione per i lavoratori Agile-Eutelia che si presentano in massa davanti al tribunale ma poi sfollano in un silenzio mesto quanto significativo. Il Gip Anna Maria Lo Prete, il giudice dell’udienza preliminare per la bancarotta di Eutelia, non li ammette alla costituzione di parte civile nel processo e sono ottocento persone che vengono cancellate con un tratto di penna da quello che avrebbe potuto diventare un dibattimento monstre (quasi mille parti civili) e che invece torna a dimensioni più modeste. Il che non toglie che non basteranno comunque le aule del palazzo di giustizia quando l’udienza riprenderà il 21 ottobre. Vengono infatti ammessi come parti civili un centinaio di piccoli azionisti, capeggiati dall’avvocato Alessandro Liberatori: se mai dovessero presentarsi tutti insieme non ci sarebbe spazio capace di ospitarli.



Ci vorrebbe un piazzale, come quello della «Vela» in cui ieri mattina si sono concentrati i dipendenti Agile con tutto il loro colore: le magliette nere, gli slogan, qualcuno il figlioletto tenuto per la mano. Clima da happening, nonostante la pesantezza della situazione di gente che non riscuote da mesi o addirittura è senza lavoro, ma dura poco. Perché il giudice Lo Prete arriva alla terza puntata dell’udienza preliminare già munita delle quattordici pagine di un’ordinanza preparata con puntiglio nei giorni trascorsi dall’ultimo appuntamento, il 22 luglio. Il Gip ritiene che i reati eventualmente commessi dai sei membri della famiglia Landi e dai loro collaboratori sotto accusa non danneggino direttamente i lavoratori Agile. Come a dire che manca il presupposto del danno immediato richiesto per l’ammissione alla costituzione di parte civile. Di qui la decisione di escludere sindacati e dipendenti. Il giudice non lo dice esplicitamente, ma il senso è evidente: c’è un’altra inchiesta aperta a Roma, direttamente sul filone Agile-Omega, i lavoratori se vogliono possono chiedere di essere risarciti in quella sede. Se e quando si arriverà all’udienza preliminare e al processo, fra un paio di anni (attualmente siamo ai primi passi, con gli otto arresti che risalgono all’inizio di luglio).
---->continua

Anonimo ha detto...

--> continua
Gli avvocati dei dipendenti Agile e del sindacato (Fiom-Cgil), fra i quali c’è anche l’ex Pm della strage di Bologna Libero Mancuso, sfilano via con le facce decisamente scure. Non lo dà a vedere, come al solito, ma di certo non è soddisfatto neppure il Pm Roberto Rossi, che si era pronunciato a favore dell’ammissione delle parti civili Agile. Conservano il loro aplomb anche gli avvocati difensori, a cominciare da Ennio Amodio, già legale di Berlusconi, e Alessandra Cacioli, storica legale dei Landi. Per loro tuttavia è una vittoria importante. L’ordinanza del Gip ricalca nella sostanza le loro argomentazioni. Nel cuore delle accuse non cambia niente, ma è comunque una soddisfazione.



L’ultimo atto della giornata tocca al Pm Rossi ed è la famosa modifica del capo di imputazione, che cancella i reati di appropriazione indebita e falso in bilancio sostituendoli con quello più grave di bancarotta fraudolenta (con associazione a delinquere), conseguenza dell’insolvenza di Eutelia dichiarata a inizio giugno. La contestazione riguarda solo i sei Landi (Angiolo, Samuele, Raimondo, Isacco, Alessandro e Sauro) ma non gli imputati minori, difesi fra gli altri da Luca Fanfani e Stefano Lusini. Questi ultimi rischiavano il concorso, ma per una questione procedurale in quel caso il Gip avrebbe potuto restituire gli atti alla procura perché si ricominciasse daccapo. Il Pm Rossi ha preferito imboccare la corsia veloce, quella che porta al processo nel 2011. Nell’aula del tribunale anche i lavoratori Agile potranno tornare a farsi sotto, chiedendo di nuovo l’ammissione alla costituzione di parte civile negata dal giudice Lo Prete.

Anonimo ha detto...

Eutelia: a giugno posizione finanziaria netta gruppo +10,7 milioni

A seguito della dichiarazione dello Stato di insolvenza (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 30 lug - Allo scorso 30 giugno il gruppo Eutelia presenta una posizione finanziaria netta positiva per 10,7 milioni di euro. Lo rende noto un comunicato della societa' in cui si precisa che l'evoluzione della posizione finanziaria (che a maggio risultava negativa per 55,5 milioni di euro) e' legata alla dichiarazione di insolvenza della societa' che e' stata dichiarata dal Tribunale di Arezzo lo scorso primo giugno.



Visualizza altro http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-836304/eutelia-giugno-posizione-finanziaria/#ixzz0vWSmMQ7R

Anonimo ha detto...

Eutelia, tribunale dichiara amministrazione straordinaria
martedì 3 agosto 2010 12:00
Stampa quest’articolo[-] Testo [+] AREZZO 3 agosto (Reuters) - Il tribunale di Arezzo ha dichiarato la procedura di amministrazione straordinaria di Eutelia (EUT.MI: Quotazione). Lo comunica una nota della stessa società.
I commissari straordinari, nominati dal Ministero dello Sviluppo Economico con decreto dello scorso 23 luglio, sono Daniela Saitta, Francesca Pace e Gianluca Vidal, si legge nella nota.

Il primo luglio i commissari giudiziali avevano depositato presso la sezione fallimentare del Tribunale di Arezzo e il Ministero dello Sviluppo Economico la relazione sulla società telefonica, che lo scorso 3 giugno aveva notificato lo stato d'insolvenza.

Anonimo ha detto...

Arezzo, 3 agosto 2010
Comunicato stampa
Facendo seguito ai comunicati del 1° giugno, 3 giugno e 1° luglio uu.ss., la Società informa che il
Tribunale di Arezzo, con decreto del 14-16 luglio 2010 ha dichiarato la procedura di amministrazione
straordinaria di Eutelia S.p.A. ai sensi dell’art. 30, primo comma, del D. Lgs. 270/99.
Con decreto del 23 luglio 2010, il Ministero per lo Sviluppo Economico, ai sensi dell’art. 38, primo
comma, del D. Lgs. 270/99, ha nominato Commissari Straordinari la Prof.ssa Daniela Saitta, l’Avv.
Francesca Pace e il Dott. Gianluca Vidal.

Anonimo ha detto...

Raggiunto l'accordo tra Telecom Italia e i sindacati sulla questione relativa agli esuberi, previsti nel piano industriale della società telefonica. L'intesa, trovata dopo quasi 24 ore di discussione, prevede l'attivazione per 3.900 dipendenti di una mobilità ordinaria su base volontaria nel biennio 2010-2012.

Per altri 2.220 lavoratori verranno adottati invece percorsi di formazione con contratti di solidarietà. La firma dell'accordo sarà ufficializzata alle 12. Grande soddisfazione per l'accordo raggiunto con Telecom è stata espressa dalla Cisl.

L'intesa "in un momento di grave crisi occupazionale salvaguarda posti di lavoro, dà concrete prospettive di sviluppo all'impresa e attraverso i contratti di solidarietà e i corsi di formazione professionale limita di molto gli esuberi dando continuità lavorativa a migliaia di persone", ha commentato a caldo Annamaria Furlan, segretario confederale della Cisl.

Mentre la Uilcom osserva che nell'accordo è stato mantenuto "saldo il principio della volontarieta'" e l'azienda è stata impegnata "ad attuare una vera politica di reinternalizzazione delle attività specificatamente nell'ambito del settore rete".

La Uilcom, ha precisato il segretario generale Bruno Di Cola, ha fortemente spronato l'azienda circa l'utilizzo della formazione quale strumento moderno ed efficace, nonché come ammortizzatore sociale che permette di riqualificare e quindi reintegrare a pieno titolo migliaia di lavoratori nel ciclo produttivo non depauperando l'immenso patrimonio professionale di cui l'azienda dispone.

A piazza Affari il titolo Telecom Italia scende però come il mercato dello 0,97% a 1,02 euro. Ieri, durante la conference call per la presentazione dei dati, il management di Tim Brasil, controllata da TI, ha ribadito gli obiettivi per il 2010, in linea con le attese degli analisti.

Il management ha inoltre confermato che la strategia del gruppo continuerà a essere focalizzata unicamente sulla telefonia mobile, ambito che rappresenta grandi opportunità di business. Intanto fonti di stampa riportano trattative di Telecom Italia per restare nel capitale di Sofora a fianco della famiglia Werthein: oggi potrebbero esserci maggiori dettagli insieme ai risultati trimestrali di Telecom Argentina.

Francesca Gerosa

Anonimo ha detto...

Potete togliere il faccia da c... dalla prima pagina??? E' urticante... grazie!

Anonimo ha detto...

ci sono notizie dell'incontro di ieri sera con letta ?

Anonimo ha detto...

Presenti: On. Letta, Ministero Sviluppo Economico, Ministero del Lavoro,
i Commissari e le OOSS.

L'On. Letta ha ribadito che solo "oggi" era possibile incontrarsi per
non interferire con la magistratura, e si è reso disponibile a
continuare il monitoraggio della nostra vertenza.
Ha dichiarato che il Governo vuole accompagnare e assistere i commissari
a ricreare le condizioni per la sopravvivenza e lo sviluppo di Agile.
Ha reso noto che con comunicazione del 2 Agosto 2010 c'è stato lo
"sblocco amministrativo " da parte dell'Agenzia delle Entrate,
ricordiamo che ciò impediva l'incasso delle fatture emesse nei confronti
della P.A.C. e della P.A.L.

I commissari hanno ribadito che stanno predisponendo un piano di
"salvataggio" di Agile, che purtroppo ad oggi prevede un allargamento
della CIGS; e che ci sono ancora problemi di cassa, per questo motivo
sarà erogato lo stipendio di Luglio al 70% (oggi davano alla nostra
Amministrazione l'O.K. a procedere) per poi effettuare il saldo in
funzione degli incassi che arriveranno.

Le OOSS prendendo atto della disponibilità del governo, hanno richiesto
maggior incisività nel risolvere il problema occupazionale dei circa
1.500 lavoratori, coinvolgendo le regioni e gli enti locali, che più
volte si sono rese disponibili. Un monitoraggio continuo ed efficace che
possa portare ad una soluzione lavorativa per tutti i lavoratori anche
se con qualche sacrificio.

Si è aggiornato il tavolo a Settembre.

E' evidente che l'incontro di ieri era "dovuto", ci aspettavamo però di
avere maggiori indicazioni e proposte governative atte a definire un
percorso non diciamo subito risolutivo ma che potesse dare più certezze
e rassicurazioni a tutti i lavoratori a breve termine
RSU UILM Roma