mercoledì 31 marzo 2010

Sentenza rinviata

Si è tenuto stamattina al tribunale fallimentare di Roma l'attesa udienza sull'insolvenza aziendale.
Erano presenti l' A.D. con avvocato annesso, i custodi giudiziari le OOSS con avvocati.
L'udienza è stata alquanto breve, Agile ha proposto l'affito del ramo d'azienda ad una certa Italcontact mentre la fidejussione sarebbe dovuta essere garantita dalla COFIART, azienda quest'ultiama indagata per reciclaggio di denaro per stessa ammissione del giudice Norelli.
Viste le novità e il conseguente malloppo di documentazione presentata, la sentenza definitiva si terrà mercoledi 7 Aprile stesso tribunale stesso giudice.

30 commenti :

Anonimo ha detto...

Vertenza Agile ex Eutelia, nuovo rinvio. Botta e risposta dipendenti-Mps

Continua la lotta dei dipendenti Eutelia

Il giudice del tribunale fallimentare di Roma ha disposto oggi un nuovo rinvio per la vertenza dei lavoratori Agile ex-Eutelia. Il rinvio al 7 aprile si è reso necessario perché la proprietà, attraverso i suoi legali, ha proposto in qualità di garante della fidejussione (necessaria all’ammissione al concordato preventivo) il nome di una società già inquisita, la Cofiart, una società cooperativa con sede legale in Sicilia, ad Agrigento. I legali della società, interrogati inmerito alla vicenda, si sono detti all’oscuro del passato della Cofiart. Giovedì 1 aprile, alle 14, è prevista un’assemblea dei lavoratori delle sedi di Torino e di Ivrea, in corso Svizzera 185 a Torino.Martedì intanto la Monte dei Paschi di Siena, accusata dai dipendenti Agile di essere coinvolta direttamente nelle nomine dei vertici di Eutelia – dopo l’ingresso di Leonardo Pizzichi, all’epoca membro del collegio sindacale Mps, ai piani alti dell’azienda aretina – si è difesa per bocca del suo presidente Giuseppe Mussari: “Mps non ha mai avuto, non ha, e non avrà in futuro, niente a che fare con Eutelia. Lo abbiamo detto piu’ volte e lo ribadiamo oggi”. Mussari è intervenuto nel corso dell’assemblea ordinaria dei soci che ha votato la nomina di Serpi, gia’ subentrata nella sua qualità di supplente a Pizzichi, dimessosi il 16 novembre 2009 (proprio per evitare strumentalizzazioni e slegare Mps dalla sua autonoma scelta di entrare in Eutelia).A stretto giro di posta, la risposta di Marco Tracinà, tra i leader dei dipendenti torinesi in lotta: “Nelle dichiarazioni di Mussari c’è un’imprecisione evidente: nel dicembre del 2007 Monte dei Paschi acquistò il 2,283% di Eutelia a cifre che definir sospette è eufemistico tanto apparivano gonfiate. Non è un’illazione, è una notizia tratta dal sito della Consob nell’area partecipazioni rilevanti delle società quotate; era il 13 dicembre e le quotazioni apparivano sospette considerando che prima dell’acquisto il titolo capitalizzava 235 milioni di euro mentre immediatamente dopo ne capitalizzava appena 110. Tradotto per chi fosse poco pratico: questa strana operazione del Monte dei Paschi produsse per lo stesso istituto una perdita di circa 3 milioni di euro. Se Eutelia avesse recuperato anche il 100% del suo valore, Monte dei Paschi non sarebbe riuscita comunque a ripianare le perdite. Aggravante: nel corso del 2007, di queste operazioni Monte dei Paschi ne realizzò diverse altre (si veda alla voce Enel, Sorgenia, primo operatore privato nel mercato nazionale dell’energia elettrica e del gas naturale, Mediobanca e Antonveneta)”.

“E’ ragionevole il sospetto – ha affermato Tracinà – che l’ormai prossima conclusione di questa vicenda vedrà il Monte dei Paschi rientrato delle sue esposizioni finanziarie verso Eutelia, Eutelia (o la scatola vuota che diventerà) estranea a qualsiasi coinvolgimento e quindi non perseguibile dai lavoratori ingiustamente licenziati e Mediaset, la principale società appartenente alla famiglia dell’attuale presidente del Consiglio, finalmente proprietaria di quei tantissimi km di fibra ottica necessari ai suoi programmi futuri. Un’asset proprietario e fondamentale ottenuto senza sborsare nemmeno un centesimo”.

Anonimo ha detto...

La protesta | Il sit-in dei lavoratori Agile-Eutelia


ROMA - Sono arrivati a Roma da tutta Italia per far sentire ancora una volta la loro voce. Una voce che rappresenta 1700 persone, tante quante quelle che rischiano di perdere il lavoro se Agile/Eutelia, ramo della Omega Spa, dovesse arrivare al fallimento.

Questa mattina, il tribunale fallimentare di Roma si è riunito per discutere il caso assieme ai legali della proprietà. Una riunione interlocutoria, perché una decisione definitiva verrà presa solo il 7 aprile prossimo.

Intanto, però, c’era bisogno di sottolineare ancora una volta la propria presenza, perché in gioco c’è il futuro di tante famiglie. E così, si sono ritrovati alle dieci, in zona Lepanto, davanti all’ingresso del Tribunale fallimentare. Hanno protestato contro l’ipotesi di concordato preventivo presentato dalla società, contro l’allungamento dei tempi chiesti da quest’ultima, contro l’accantonamento di ogni soluzione che possa portare ad un rilancio del business.

E alla fine, quando è sceso dal tribunale il legale della società, hanno scatenato tutta la loro paura repressa, la loro rabbia, indotte da una società che, dicono, “ora si sta mostrando per quella che è”.

Anonimo ha detto...

Qui si parla di Cofiart: non mi sembra proprio che ci sia da fidarsi.
http://wwwuiltrasportivicenzait.myblog.it/archive/2009/10/17/myair-dichiarata-insolvente-si-va-al-commissariamento.html

Anonimo ha detto...

Speriamo ancora qualche giorno che decidano per il commissariamento o per il fallimento, assolutamente no al concordato preventivo.

Anonimo ha detto...

Cofiart Omega Agile Custodi Landi Mps Mediaset Letta
non c'e' che dire ....
HANNO TUTTI LA FACCIA COME IL CULO

Anonimo ha detto...

Cara redazione, voglio farti i complimenti per la tempestività e l'accuratezza delle notizie che pubblichi. Puntuale e affidabile, che altro si può chiedere?
GRAZIE
PS: come sempre EULAV tace...

Anonimo ha detto...

Cara redazione, voglio farti i complimenti per la tempestività e l'accuratezza delle notizie che pubblichi. Puntuale e affidabile, che altro si può chiedere?
GRAZIE
PS: come sempre EULAV tace...

QUOTO PIENAMENTE
GRAZIE

Anonimo ha detto...

Cara redazione, voglio farti i complimenti per la tempestività e l'accuratezza delle notizie che pubblichi. Puntuale e affidabile, che altro si può chiedere?
GRAZIE
PS: come sempre EULAV tace...

Concordo pure io, è l'unico che da le info subito, mentre gli altri usano il blog, per farsi i propri interessi, pubblicità e altro.

Anonimo ha detto...

Cara redazione, voglio farti i complimenti per la tempestività e l'accuratezza delle notizie che pubblichi. Puntuale e affidabile, che altro si può chiedere?
GRAZIE
PS: come sempre EULAV tace...

Concordo pure io, è l'unico che da le info subito, mentre gli altri usano il blog, per farsi i propri interessi, pubblicità e altro.

GRAZIE !!!

Anonimo ha detto...

ma cos'è un pesce d'aprile????? che schifo!!!!

Anonimo ha detto...

“E’ ragionevole il sospetto – ha affermato Tracinà – che l’ormai prossima conclusione di questa vicenda vedrà il Monte dei Paschi rientrato delle sue esposizioni finanziarie verso Eutelia, Eutelia (o la scatola vuota che diventerà) estranea a qualsiasi coinvolgimento e quindi non perseguibile dai lavoratori ingiustamente licenziati e Mediaset, la principale società appartenente alla famiglia dell’attuale presidente del Consiglio, finalmente proprietaria di quei tantissimi km di fibra ottica necessari ai suoi programmi futuri. Un’asset proprietario e fondamentale ottenuto senza sborsare nemmeno un centesimo”.

+++++++++++++++++++++++++++++++

questa è la risposta alla domanda che ci siamo sempre fatti:

PERCHE' SIAMO INVISIBILI?

gli interessi erano tanti,troppi,talmente tanti da poter SCRIFICARE 1800 famiglie!!!

grazie a tutti coloro che hanno contribuito a far si che tutto ciò sia stato possibile.

auguro a tutti costoro:una "ponta"come si diceva un tempo
fvg

Anonimo ha detto...

reuters 30.03.2010

IT.REUTERS.COM

" (*) EUTELIA (EUT.MI: Quotazione) - In seguito all'invio di un'istanza di
misura cautelari per presunte irregolarità fiscali e
all'approssimarsi della definizione di un procedimento pendente
al tribunale fallimentare di Roma, il gruppo ha deliberato il
rinvio dell'approvazione del bilancio 2009 [ID:nBIA29310]."

www.diritto-oggi.it

"..Nella nota si motiva la decisione del rinvio annunciando tre fatti che hanno determinato la deliberazione del cda di Eutelia:
A) la societa’ ha ricevuto una “istanza di autorizzazione all’adozione di misura cautelari, presentata dalla Direzione Regionale delle Entrate della Toscana al Presidente delle Commissione Tributaria Provinciale di Firenze, in relazione ad irregolarita’ fiscali, per un importo complessivo di 12 mln di euro;
B) che e’ prossima la definizione del procedimento pendente al Tribunale di Roma, sezione fallimentare riguardante la societa’ Agile srl, cessionaria del ramo IT, che potrebbe stabilire l’applicazione del provvedimento di amministrazione straordinaria della stessa;
C) che tali eventi potrebbero avere effetti atti ad influenzare in modo significativo i dati economici e patrimoniali della societa’. (AGI) Red

Anonimo ha detto...

Come puo' COFIART garantire per un importo maggiore del proprio "fondo garanzia di 10.000.000 euro" ? COFIART

Myair, il Tribunale opta per l'amministrazione straordinaria

" .... 7/10/2009
Vicenza. MyAir è di fatto insolvente e si va verso il commissariamento straordinario. A meno che i giudici all'ultimo momento non facciano macchina indietro e dichiarino il fallimento. .... La compagnia aerea MyAir.com è tecnicamente fallita perché al 31 luglio l'attivo teorico stimato ammonta a 33 milioni di euro mentre il passivo supera i 93 milioni, con un buco di 60 milioni tondi. Dunque, un abisso rosso. Non solo, la proposta di acquisto avanzata dalla società Star Airwais Albania per 22,5 milioni di euro, passando per l'eventuale concordato preventivo, è sorretta da una garanzia che per i giudici vicentini «non presenta il requisito della serietà» poiché il capitale sociale di Cofiart, cooperativa con sede ad Agrigento, è di 1,5 milioni e il fondo consortile di 10 milioni, nettamente inferiore alla garanzia offerta di 22,5 milioni. ..."

Anonimo ha detto...

Ovviamente non auspicandosi la fine di MyAir ...

fallimento MyAir

Anonimo ha detto...

Un piccolo promemoria di cose ben note, purtroppo, solo a pochi.
Il Dr. Mussari Presidente del Monte dei Paschi di Siena,dichiara: ( 29-03-10 EUTELIA: MUSSARI, UNA VICENDA A CUI SIAMO ESTRANEI
'....gruppo Eutelia, un gruppo finito sotto i riflettori dopo la cessione del ramo di azienda It al gruppo Omega.
''Questa cosa non ci ha fatto bene, siamo stati accostati a una vicenda a cui siamo stati estranei. Noi con le vicende
di quella societa' non abbiamo niente a che fare'', ha sottolineato Mussari.'


Oltre a Leonardo Pizzichi, ancor piu' legato a MPS e' stato, ed e', il Dr. Andrea Pisaneschi.( 24-09-2009 MPS...alcun legame con la Eutelia
Nel suo ragguardevole curriculum, si legge: (Consiglieri di
amministrazione di Eutelia
)
"E' consigliere di amministrazione del Monte dei Paschi di Siena, consigliere di amministrazione di Montepaschi AXA Vita s.p.a e Monte Paschi AXA danni S.p.A. consigliere di amministrazione della Monte Paschi S.G.R. Asset Management S.p.a.
E' Presidente della Banca Antonveneta S.p.a. e Membro del Consiglio di Amministrazione di A.B.I."

Banca Antonveneta, partecipata da MPS dal 2007, e' successivamente stata completamente assorbita da MPS.
Il Dr. Pisaneschi e' nel consiglio di amministrazione di Eutelia, quando e' approvata la dismissione del gruppo IT:
( Eutelia Relazioni e Bilancio al 31 dicembre 2008 )

"E’ in tale contesto economico che il Consiglio di Amministrazione di Eutelia ha deliberato la dismissione delle attività IT."

Come consigliere in carica alla data della cessione del ramo
IT di Eutelia, sottoscrive il piano industriale che ha portato alla cessione al gruppo Omega:
(Eutelia Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009)
dove si legge:

"...Operazione di dismissione del settore IT
In data 15 giugno 2009 la società ha trasferito alla controllata Agile S.r.l. l’intero ramo IT.
Sempre in data 15 giugno 2009, a valle della cessione del ramo IT, Eutelia ha trasferito l’intera partecipazione detenuta in Agile Srl alla Omega S.p.A., società di diritto italiano ...In sintesi, l’operazione ha avuto ad oggetto la cessione - da parte di Eutelia a Omega - della società Agile
utilizzata quale veicolo per il trasferimento del Ramo IT.....Il Contratto di Cessione del Ramo IT prevede il pagamento di un
corrispettivo di importo
puramente simbolico, stante la sostanziale equivalenza delle attività e delle passività cedute....Non si prevedono impatti sulla posizione fiscale della Società a seguito dell’operazione.
Come già riportato dalla società nelle comunicazioni dirette al mercato a partire dal 15
giugno 2009, il perimetro del Ramo IT ceduto, include un portafoglio ordini di 130 milioni di euro e 2160 dipendenti e collaboratori (inclusi i dipendenti Agile)..."


Il Dr. Mussari non era forse dunque al corrente che il Dr. Pisaneschi, Presidente di Banca Antonveneta incorporata in MPS, nonche' consigliere di amministrazione di MPS, ha approvato e sottoscritto il piano industriale Eutelia, in qualita' di consigliere di amministrazione di Eutelia, contemporaneamente alle altre cariche, piano che ha portato alla "operazione Omega".

Oppure ha un concetto fuori dal comune della parola "coinvolgimento" ed "essere estranei".

Anonimo ha detto...

Giova inoltre ricordare che Sebastiano Liori, ex direttore di Agile, proviene da Omnia Network, e che la stessa e' partecipata da MONTE PASCHI FIDUCIARIA SPA
( CONSOB - Partecipazioni Omnia Network )
e che il Dr. Leonardo Pizzichi, Presidente di Eutelia, e' sindaco revisiore di Uniposta,
( Pizzichi Sindaco revisore di Uniposta )
partecipata da Omnia Network....

Anonimo ha detto...

Così dichiarano in tribunale i galantuomini Omega,
che fremono dal desiderio di portare Agile a nuovi
successi, tramite l'ottenimento del concordato preventivo :

"verranno pagati integralmente i debiti verso i dipendenti
che hanno prestato l'attività lavorativa e nei confronti di
quelli che si ritiene non l'abbiano prestata, vi è un
accantonamento di somme a piena copertura di quanto non
corrisposto in ragione e previsione di eventuali contestazioni"

Ma che vuol dire ?

Che non vogliono pagare chi è stato in malattia o in ferie ?
Che rimarranno senza stipendi arretrati i dipendenti a cui
l'azienda non è stata capace di assegnare attività da svolgere ?

Che i dipendenti dovranno fare causa di nuovo per farsi pagare
le spettanze dovute ?

Come può un tribunale fidarsi di "impenditori" che ignorano
l'obbligo di retribuire il dipendente che si è presentato
regolarmente al lavoro oppure è stato assente giustificato
per malattia o ferie ?

Speriamo che gli avvocati del sindacato sappiano far leva
anche su queste assurdità per contrastare le pretese di
questi briganti.

Anonimo ha detto...

Agile/Omega/Eutelia: Fiom, continua la farsa

“Così come dall’inizio tutta la vicenda, da Eutelia in poi, è stata costellata da personaggi e vicende oscure, anche questa volta siamo di fronte a una società che risulta ancora in fase di iscrizione alla Camera di Commercio e che nasce proprio allo scopo di affittare e ad un’altra società, il consorzio che dovrebbe fare da garante, che a quanto pare sembra sia indagata per riciclaggio di denaro”. A dirlo è Fabrizio Potetti, segretario nazionale Fiom, commentando quanto emerso dall’udienza che si è tenuta ieri (31 marzo) al tribunale fallimentare di Roma sulla proposta di concordato presentata dalla società Agile del gruppo Omega. La proposta prevede la possibilità che la società Agile venga affittata alla società Italcontact Srl e che sui debiti e le somme necessarie a soddisfare i creditori, garantisca un consorzio fidi.

“È l’ennesimo spregiudicato tentativo - afferma la Fiom - di uscire indenni da una vicenda che vede, invece, pesantissime responsabilità penali, civili e morali. Vogliamo sperare che nessuno vorrà agevolare questo piano di gruppi di potere che stanno tentando in tutti i modi di portare a termine un’operazione chiaramente speculativa e che, maldestramente nascosta dietro fantomatici piani industriali, in realtà scarica debiti, costi e 2.000 lavoratori sulla collettività”.

Prosegue Potetti: “La Italcontact Srl è nata ieri e si impegna a portare avanti un piano industriale e di affitto d’azienda versando 17 milioni di euro. Ma chi c’è dietro veramente? Quali capacità industriali ha di portare avanti una vicenda complessa come quella di Agile, quali competenze e risorse può portare una società appena nata? Nessuna credibilità ulteriore può essere data a questi soggetti ma, soprattutto, basta dare ancora tempo a questi signori che tutto vogliono fuorché la soluzione positiva della vicenda. Il Governo convochi immediatamente le parti e svolga finalmente quel ruolo che gli compete, più si aspetta e più si determinano peggiori condizioni per il salvataggio dell’azienda e dei lavoratori”.

Anonimo ha detto...

E' vero che il presidio alla sede di Roma e' stato tolto e che la sede e' stata consegnata alla Digos o e' solo una bufala da primo Aprile?
Sarebbe gradita una risposta dai colleghi di Roma.

Anonimo ha detto...

SI, il presidio alla sede di Roma in via Bona è stato tolto.

Anonimo ha detto...

I contributi sono stati versati fino al 31/12/2009.

Come hanno fatto se non vediamo ancora gli stipendi di NOV-DIC ??

============================

confermo i contributi sono stati versati. ma come mai le settimane risultano 54 e non 52?

Anonimo ha detto...

Oggi è finito il presidio di Roma. Perchè non si sa! Si è detto che continuava nonostante il sequestro (23/12/2009) perchè non eravamo arrivati al commissariamento (ma tuttora non siamo commissariati), perchè altrimenti arrivava Eutelia e ci buttava fuori (ma questo vale anche adesso), perchè ci serviva un punto di incontro (ma ce ne sono altri disponibili)... Insomma il presidio è continuato dal 23/12/2009 al 1/04/2010 senza un valido motivo (almeno ufficialmente) grazie ad alcuni colleghi irriducibili (o che hanno preferito continuare a crederci nonostante l'evidenza), in un clima che fomentava il dissenso tra i colleghi, senza alcuno spirito democratico (anche se veniva sempre sbandierato il contrario), visto che le assemblee si chiudevano senza votazione, causando una sicura perdita dello stipendio (o dei crediti relativi) almeno per il periodo dal 23/12/2009 al 15/2/2010.
Voglio essere ingenuo e salvare la buona fede, ma almeno che le RSU e soprattutto la FIOM si rendano conto dell'inutilità di queste azioni.

Buona Pasqua a tutti

Anonimo ha detto...

non voglio demoralizzarvi ma chi è questa italcontact? ho visto la homepage e ci sono numerosi errori di grammatica. combattete per un compratore degno di voi. anche se non sono Berlusconiana è meglio rivolgersi a Mediaset o a Berlusconi per farsi comprare. Almeno provare...ciao e coraggio!

Anonimo ha detto...

http://www.agenziami.it:80/articolo/6059/Ex+Eutelia+le+scatole+cinesi+e+gli+appetiti+di+Mediaset+sulla+fibra+ottica

Anonimo ha detto...

http://www.agenziami.it/articolo/6067/Ex+Eutelia+Potetti++Fiom++Dalla+proprieta+una+proposta+risibile

Anonimo ha detto...

Ma qualcuno (custodi, sindacati, ...) si
degna di comunicare
a noi SOSPESI se siamo in CIGS o no ?

Cosa siamo diventati ? Fantasmi ?

Per il resto Buona Pasqua a tutti.

Anonimo ha detto...

sospeso. in periferia. non so se sono cassa integrato o altro.. cosa sono diventato? è incredibile quello che ci sta accadendo . aspettare cosa?
non ho più un euro. non so a casa cosa portare. forse è il caso di farla finita . magari spero mia moglie e mio figlio avrà la reversibilità....

margherita ha detto...

Al collega che ha scritto il 3 aprile alle 19.48.. non puoi assolutamente pensare di farla finita! dobbiamo andare avanti e lottare proprio per chi ci aspetta a casa! arrendendoci cosa insegniamo ai figli??? Ti prego continua a scrivere, arrabbiati, lotta ma non mollare.
Ghita

Anonimo ha detto...

Cari Colleghi, in nostro amico a ragione, i soldi sono finiti, e il futuro mi spaventa sempre di più ogni giorno che passa, perchè dopo tutti questi anni passati a lavorare, ci si trova senza più dignità e visto l'eta, nessuno che ti vuole più.

Ma cosa dobbiamo fare per tornare a sentirsi utili ????

Farla finita è sicuramente l'ultimo dei miei pensieri, ma capisco il nostro collega, perchè tutto questo non a senso.

Buona Pasqua a Tutti.

Anonimo ha detto...

"PRESA DAL BLOG LAVORATORI AGILE EX OLIVETTI EX BULL IN LOTTA"

Questo non può essere un post come gli altri, è l'espressione di un senso di gratitudine, fratellanza, nostalgia già a un giorno di distanza dalla fine di una storia di occupazione, che per tutti noi sarà un pezzo di vita indimenticabile.
Ho ancora nella mente e negli occhi i lacrimoni di alcune colleghe, l'atmosfera che tutti tentavamo di trasformare in una festa senza riuscirci, con quel senso di solitudine e malinconia a pesare sul cuore. Ci guardavamo tutti con occhi diversi il giorno numero 157 di occupazione, senza avere il coraggio di dire
NO DEVE CONTINUARE!
E' successo quasi all'improvviso, troppo all'improvviso per riuscire a capire che si chiudeva un capitolo di storia nostra personale, ma anche collettiva di tutti quelli che nell'immaginario collettivo ci vedono come il paradigma delle vertenze.
Resteranno nella memoria di tutti noi gli eroi del 10 novembre, gli eventi che abbiamo saputo organizzare in quel cortile, la solidarietà che abbiamo ricevuto dalla gente comune, i momenti esaltanti che rimarranno al pari di quelli di depressione. Grazie a tutti voi per quello che avete dato, ognuno regalando lezioni di vita e di umanità anche senza rendersene conto.
Questo deve essere solo il primo capitolo di una storia di vita e di lotta che continua per i diritti, per la giustizia, per il lavoro.
Terminiamo con un avviso ai naviganti e ai "pirati" dell' imprenditoria all'italiana "creativa", in viale Liegi a Roma e in quel di via Calamandrei ad Arezzo:
non vi illudete che la fine dell'occupazione della sede Agile/Eutelia a Roma, sia la fine della nostra lotta, noi non molleremo mai sui nostri diritti e sul lavoro.

BRAVI E GRAZIE