mercoledì 8 aprile 2009

20 APRILE SCIOPERO NAZIONALE

Il titolo azionario Eutelia schizza del 20% in borsa sulla notizia di approvazione del piano industriale e finanziario per il quadriennio 2009-2012, dove l'azienda prevede di tornare all'utile netto già nell'anno 2010

Questo ancora a riprova del fatto che Eutelia piu che una vera e propria azienda imprenditoriale è solo una azienda a coperatura di operazioni finanziarie.

L'incontro al Ministero tra azienda e sindacato che in un primo momento doveva essere effettuato tra la fine di marzoe e l'inizio di aprile è stato indetto invece per il 21 aprile.

C'è ancora sufficente tempo per organizzare una manifestazione di protesta in pompa magna.
Il coordiamento delle RSU, insieme ai sindacati nazionali DEVONO:
- organizzare lo sciopero nazionale di tutto il gruppo
- farsi carico di far intervenire all'incontro le amministrazioni locali quali
regioni, province e comuni.
- informare l'opinione pubblica tramite giornali e telegiornali sul motivo dello
sciopero.
- insistere sulla linea della cattiva amministrazione che ha portato allo sfascio
l'azienda che se ne deve assumere la piena responsabilità, senza scaricarla
sulla collettività
- insistere sul fatto che l'acquisto di bull e getronics è stato una atto
finanziario e non imprenditoriale, giocato sulle spalle dei lavoratori e delle
loro famiglie
- cessione dell'intero ramo IT ad una unica azienda senza fare spezzatini e/o
cessioni parziali
- restituire alla BU IT tutti gli immobili ed i TFR
- attivare tutte le procedure e tutele legali per presunta truffa ai danni
dello stato e dei dipendenti della ex bull ed ex getronics
- costituirsi parte civile all'inchiesta aperta dal PM Roberto Rossi
(operazione crisalide) per falso in bilancio, frode fiscale
ed aassociazione a delinquere

E' L'ORA CHE OGN'UNO SI ASSUMA LE PROPRIE RESPONSABILITA'.
STATO E SINDACATI DEVONO DIMOSTRARE CON I FATTI TUTTE LE PAROLE SPESE
L'AZIENDA, NELLA VESTE DELLA FAMIGLIA LANDI, NON PUO' E NON DEVE SOTTRARSI ALLE SUE RESPONSABILITA' SOCIALE ESSENDO L'UNICA CAUSA DELLA CRISI AZIENDALE.

Nessun commento :