mercoledì 11 febbraio 2009

Bene la regione Toscana

Il Consiglio regionale all’unanimità approva una mozione.
L’esecutivo dovrà attivarsi nelle sedi di competenza per salvaguardare i posti di lavoro dell’azienda di telecomunicazioni

Firenze – “La Giunta regionale dovrà attivarsi nelle sedi di competenza per la salvaguardia dei livelli di occupazione di Eutelia, che opera in un settore strategico per i processi di innovazione dell’intero territorio regionale”. L’impegno è contenuto in una mozione approvata all’unanimità dal Consiglio regionale. E’ stata la consigliera Lucia Franchini (Pd) ad illustrare il testo, sottolineando come l’azienda, con sede ad Arezzo, opera nel settore delle telecomunicazioni e dell’information technology su tutto il territorio regionale. Benché in crisi, conta ancora oggi commesse attive da parte di molti enti pubblici, grazie anche al contratto di solidarietà sottoscritto da circa 2400 dipendenti, che adesso rischiano di perdere il loro posto di lavoro.

Altre info:
In grande evidenza, nella giornata di oggi, Eutelia. Il gruppo è rimasto anche sospeso per eccesso di rialzo, in scia alle notizie legate ad una cessione importante che potrebbe essere imminente. In chiusura la società ha registrato un progresso del 18,08% a 0,356 euro.

Secondo quanto dichiarato dagli stessi vertici il gruppo avrebbe ricevuto alcune manifestazioni di interesse per le attività informatiche. Queste attività sono state ufficialmente messe in vendita poco più di un mese fa, a inizio gennaio, generano fatturato complessivo di 120 milioni di euro e possono contare su un portafoglio ordini di 125 milioni.

Qualcuno tra gli addetti ai lavori, però, solleva dei dubbi. Soprattutto sotto il profilo del prezzo di cessione. Il timore che è la società, data la difficile situazione finanziaria, decida di vendere i suoi asset a basso costo. Dopo la cessione, probabilmente, arriverà il piano industriale per il prossimo triennio.

Nella nota del mese scorso il gruppo ha dichiarato che la dismissione delle attività dell’information technology renderà più snella l'intera struttura del gruppo. Eutelia potrà così concentrarsi sul comparto delle telecomunicazioni.

7 commenti :

Anonimo ha detto...

Non dimenticiamo che quando Eutelia acquisì Getronics furono proprio i sindacati a dirci che questa proprietà non era adatta a poter gestire una azienda di grandi dimensioni, cosi come poi abbiamo avuto la sfortuna di poter capire anche noi.
Adesso il sondacato deve di nuovo stare attento e vigile a questa cessione di ramo di azienda e segnalare, prima che questa avvenga, le criticità ed i problemi

Anonimo ha detto...

Qualcuno sa qualcosa degli stipendi?

Anonimo ha detto...

Gli stipendi verranno accreditati entro questa settimana con data di valuta 10/02.

Qunidi, come è usanza dei Landi il bonifica verrà fatto 3-4 giorni dopo il 10.

Dovremmo imparare a rimanere in ufficio e non stare dal cliente o in giro per manutenzioi, quando il giorno 10 del mese non ci troviamo accreditato lo stipendio

Anonimo ha detto...

Sono perfettamente d'accordo con te.
Chi ci tutela dovrebbe non farci arrivare con l'acqua alla gola a fine mese...Io sono stufo di questa situazione e di questa tensione che viviamo da anni che si ripercuote sulla nostra vita familiare.

Anonimo ha detto...

...forse e sottolineo forse è proprio a questo che i Landri ed i sindacati vogliono, e cioè sfiancarci e portarci al limite della sopportozione.

La voce del mancato pagamento degli stipendi è partito proprio dai sindacati.
Questo mi puzza.....
come facevano a saperlo?
allora tra sindacato ed azienda c'è un filo di comunicazione.
Mettere certe voci in giro è strumentale.
Il sindacato vuole forse farci digerire lo spezzatino in camnio di uno stipendio puntuale e sicuro...ma per quanto tempo sicuro?

Anonimo ha detto...

A me questo silenzio mi puzza...non c'e' nessuna comunicazione ufficiale...nessuno risponde al telefono per dare notizie certi...cosa bisogna aspettare che si va alla deriva?

Anonimo ha detto...

...secondo me le cose sono semplici e quasi palesi, certo non c'è nulla di ufficiale, ma la situazione dovrebbe evolversi in questo modo:

- Vendita (a spezzatino o non) del ramo IT

- Presentazione del piano Indistriale per il ramo TLC

- Incontro al ministero per l'avallo del piano indistriale, della mobilita/CIGS e vendita IT