mercoledì 27 maggio 2009

Assemblee e scioperi

La richiesta delle OOSS per riaprire il tavolo di crisi presso il MSE.

Si moltiplicano le assemblee e scioperi nell varie sedi Eutelia.

Bari
Comunicato Sindacale
Eutelia licenzia duemila lavoratori (130 a Bari)

Contro la dismissione dell’Information Technology di Eutelia

Contro il licenziamento di 2000 lavoratori (130 a Bari)

Contro l’irresponsabilità di Eutelia che nonostante il tavolo di crisi formalmente aperto presso il MSE decide l’attivazione di una procedura di cessione di ramo d’azienda dei 2000 lavoratori ad Agile Srl azienda lucana di 100 persone

Contro l’arroganza e l’indifferenza della azienda che dopo essersi arricchita e aver incassato decine e decine di milioni di euro mette sul lastrico 2000 famiglie

Contro lo sperpero di competenze importanti a livello nazionale e locale e spesso formate con finanziamenti pubblici

Chiediamo un intervento deciso e risolutivo del Governo Nazionale, del M. S. E. e delle Istituzioni Locali indirizzato alla ricerca di una soluzione industriale ed al mantenimento di tutti i posti di lavoro

Chiediamo al Prefetto di Bari, alla Regione Puglia, alla Provincia e al Sindaco di Bari un intervento presso il Governo Nazionale per una immediata convocazione del Tavolo di Crisi presso il Ministero delle Attività Produttive

Giovedì 28 maggio 2009 Sciopero e giornata di mobilitazione nazionale dei lavoratori Eutelia.

A Bari

Ore 8.00
Presidio e assemblea davanti ai cancelli

Ore 09.30
Sit-in davanti alla Prefettura
a seguire
Sit in davanti al Palazzo della Regione

Chiediamo la partecipazione dei mezzi di informazione nazionali e locali.
Rsu Eutelia Bari

Avellino - Prata Principato Ultra
EUTELIA : SCIOPERO DI 8 ORE
28 MAGGIO 2009
CON PRESIDIO DALLE ORE 09.30
PRESSO LA
REGIONE CAMPANIA
NAPOLI

PER DIRE NO :
Alla dismissione dell’Information Technology di Eutelia;
· al licenziamento di 2000 lavoratori (40 ad Avellino);
· all’irresponsabilità di Eutelia che, nonostante il tavolo di crisi formalmente aperto presso il MSE, decide l’attivazione di una procedura di cessione ad Agile Srl azienda lucana di 100 persone dell’intero comparto IT;
· alle politiche aziendali che portano sul lastrico 2000 famiglie dopo aver riempito
le casse di famiglia di milioni di euro e di beni immobili;
· al disfacimento di risorse e competenze specializzate, frutto di sacrificio e spesso ottenute grazie finanziamenti pubblici;

CHIEDIAMO

· un intervento deciso e risolutivo del Governo Nazionale, del M. S. E. e delle Istituzioni Locali indirizzato alla ricerca di una soluzione industriale ed al mantenimento di tutti i posti di lavoro;
· Chiediamo al Prefetto di Avellino, alla Regione Campania, alla Provincia e al Sindaco di Avellino un intervento presso il Governo Nazionale per una immediata convocazione del Tavolo di Crisi presso il Ministero delle Attività Produttive
Prata principato Ultra, 27 Maggio 2009

Ivrea/Torino:
Ieri mattina una delegazione di una quarantina di lavoratori dell'Eutelia ha tenuto un presidio al Lingotto in occasione di un dibattito al Salone dell'informatica al quale doveva partecipare il ministro Renato Brunetta. I lavoratori hanno aperto lo striscione aziendale e sono stati ascoltati dal sindaco Sergio Chiamparino e dalla presidente della Regione Mercedes Bresso. In questo modo, i dipendenti dell’Eutelia, hanno voluto ricordare la forte preoccupazione per il futuro, dato che l'azienda ha avviato la procedura per scorporare il settore del settore dell'Information Tecnologies, che in Piemonte occupa 300 persone tra Ivrea e Torino, con l'intenzione di dismetterlo. Domani, giovedì 28, si svolgerà poi uno sciopero nazionale di tutti i dipendenti del gruppo e, a Torino, una delegazione di lavoratori farà un presidio davanti alla prefettura e davanti alla Regione. Federico Bellono, della Fiom-Cgil, commenta: «È necessaria una maggiore determinazione da parte del governo, nell'ambito dell'unità di crisi cui partecipano le Regioni, per trovare una soluzione che difenda l'occupazione e un patrimonio di conoscenze e competenze professionali che rischia di andare perduto».

Napoli:
http://sfoglia.ilmattino.it/mattino/view.php?data=20090527&ediz=CIRC_SU2&npag=34&file=obj_4759.xml
(Comunicato RSU)
I lavoratori della sede di Napoli, riunitisi in assemblea per discutere della situazione Aziendale, hanno deciso unitariamente che la cessione della IT, alla società Agile s.r.l., NON DEVE essere effettuata in quanto la stessa non può avere un futuro industriale. La stessa Agile s.r.l., infatti, oggi ha già difficoltà a sostenere i suoi circa 140 dipendenti.
Pertanto, durante l’assemblea di cui sopra, è stata deliberata la richiesta immediata di mobilitazione territoriale, in aggiunta a quella nazionale del 28 p.v. sotto le proprie Istituzioni Regionali.
La mobilitazione è continuata con la dichiarazione di sciopero di due ore, con il blocco della vicina stazione ferroviaria della Vesuviana.
Domani, 26 Maggio, sono state dichiarate altre quattro ore di sciopero con manifestazione presso la Rai di Napoli.
La decisione di continuare con qualsiasi forma di mobilitazione e diffusione mediatica, è stata presa affinché si convochi immediatamente il tavolo anticrisi, per una soluzione definitiva per tutti i lavoratori della IT.
Napoli è stanca di sentire parole da parte di tutti gli interessati a questa vicenda. Oggi ci sono circa DUEMILA persone che non sanno se domani potranno continuare a dire alla propria famiglia : “questo mese continuiamo a VIVERE !“
La RSU di Napoli invita quindi l'Azienda ad assumersi le proprie responsabilità nei confronti di chi, con impegno e fatica, ha lavorato e lavora in prima linea per sostenere l'Azienda.

Roma;
Oggi dalle 12:00 alle 13:00 si terra una assemblea retribuita ed a seguire 4 ore di sciopero (si spera in un blocco della sede e dei dirigenti)

Si invitano le altre sedi ad exssere piu propositive verso azioni che possano sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica

Nessun commento :